Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guardia costiera libica ha aperto il fuoco su una barca di profughi




Coinvolti

Claudio Castillo
Ultimi post di Claudio Castillo (mostra tutto)

Ora scrive che le autorità italiane indagheranno sull’incidente Obour Store.

Il caso è stato menzionato per la prima volta in guardiano.

Sea-Watch International dice Tempi di Malta Ha indicato che l’equipaggio della nave della Guardia Costiera Ras Jedir 648, oltre a sparare colpi, ha anche cercato di catturare la barca di legno con una corda.

La barca di legno e la testa degna si trovavano all’epoca nell’area di ricerca e soccorso di Malta. Ciò significa che le autorità maltesi, in conformità con le convenzioni internazionali, sono responsabili del salvataggio delle navi e delle persone bisognose in quest’area.

Mandalo indietro

La missione della Guardia Costiera libica, inclusa la nave della Guardia Costiera Ras Jedir 648 nel video qui sopra, è impedire ai rifugiati di viaggiare attraverso il Mediterraneo, o raccogliere i rifugiati dalle barche che lasciano la costa, per poi riportarli nei campi sulla terraferma . Ha detto che circa 3.400 sono in questi campi in Libia Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

– La Libia non può in alcun modo essere considerata un porto sicuro. Gli Stati hanno l’obbligo, in base al diritto internazionale, di aiutare e portare in salvo chi ne ha bisogno. Safa Meshali, portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, ha affermato che evitare gli obblighi morali e legali previsti dal diritto internazionale non dovrebbe e non può essere una pratica statale. Informazione Immigrati a giugno.

La Norvegia contribuisce alla guardia costiera

L’Unione europea finanzia e collabora con la Guardia costiera libica, per impedire alle persone di navigare in barca dalla Libia verso l’Europa. Lo schema che la Norvegia ha contribuito a finanziare si chiama Fondo multidonatori dell’Unione europea per la stabilizzazione e le misure per combattere la migrazione irregolare in Africa (EUTF).

La Norvegia ha contribuito con oltre 25 milioni di euro, circa 250 milioni di corone, attraverso l’EUTF dal 2015.

READ  Drogheria, finanziamento privato | Fino al 70% di supplemento: progettato per ingannare i consumatori

– Dobbiamo vedere l’intera situazione qui. Le autorità norvegesi sono state coinvolte nel sostenere la guardia costiera libica, con lo sviluppo di capacità, attraverso il programma EUTF. Hanno sostenuto finanziariamente – e politicamente – un sistema pensato per aiutare a creare un servizio di ricerca e soccorso in Libia, ha detto a Transit Magazine Trygve Thorson, consulente umanitario di Medici senza frontiere.