Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra in Ucraina – genocidio

– Per me è chiaro che ciò a cui stiamo assistendo in Ucraina è un genocidio. Non sono solo intenzioni di genocidio: è un genocidio in corso, dice Holzmark a Dagbladet.

Sostiene di non essere un avvocato, e quindi le sue valutazioni possono essere viste da alcuni come problematiche. Eppure è pronto per partire:

– L’esistenza di intenti genocidi è abbastanza chiara dalle dichiarazioni dei politici russi fino allo stesso Putin, dice il professore e aggiunge:

– Dmitry Medvedev ha chiarito categoricamente che non esiste l’Ucraina. Dice che Kiev è una città russa, quindi non esiste la cittadinanza ucraina. Questo, unito alle azioni volte a mettere in ginocchio l’Ucraina attraverso il terrore contro la popolazione civile, significa che non c’è altra parola per questo che genocidio.

– impennata selvaggia

Holsmark sottolinea che molte persone pensano al genocidio come all’eliminazione di un intero popolo.

– Ma non è quello che c’è nell’espressione. Si ritiene che il genocidio sia l’intento di attaccare un popolo, una cultura, una razza o una lingua.

Ad aprile, Holsmark ha scritto una storia del Spesso Con Sigurd Sørlie, sottolineano che la situazione in Ucraina può essere considerata un genocidio.

– Da allora, la guerra russa si è intensificata piuttosto violentemente. Ora la guerra viene condotta principalmente contro la popolazione civile. Allo stesso tempo, la retorica del genocidio si è intensificata e viene perseguita nella pratica.

Scala scioccante

I maggiori cambiamenti sono avvenuti dopo la sconfitta dei russi nelle regioni intorno a Kharkiv e Kherson, ritiene il professore. I russi iniziarono seriamente a lanciare attacchi su larga scala contro la popolazione civile e le infrastrutture, e da allora attacchi simili sono diventati più frequenti.

– La bilancia era orribile. Per i russi si tratta di renderla completamente invivibile, soprattutto nelle città ucraine ora che è in corso l’inverno. È una linea di pensiero molto semplice. Sperano di creare una catastrofe umanitaria – e lo fa. Sperano di provocare un collasso umanitario che costringerà il governo ucraino a capitolare.

AIUTO SANITARIO: Un operatore di ambulanza cura una persona ferita durante il bombardamento russo a Kherson, il 24 novembre.  Foto: AP/Bernat Armangue/NTB

AIUTO SANITARIO: Un operatore di ambulanza cura una persona ferita durante il bombardamento russo a Kherson, il 24 novembre. Foto: AP/Bernat Armangue/NTB
Mostra di più

La scorsa settimana, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che l’obiettivo dell’operazione speciale non era quello di cambiare il governo ucraino. Non interessante, dice Holzmark.

Quello che dice il Cremlino cambia di giorno in giorno. Hanno ripetutamente sottolineato che le dichiarazioni di Putin fin dall’inizio sono ferme. Ciò significa cambio di regime in Ucraina. Quello che Peskov o Medvedev o chi dice il contrario non è proprio interessante.

Non genocidio

Cecily Helstveit, avvocato e sociologa con un dottorato in diritto internazionale della guerra, non crede che gli eventi in Ucraina ancora oggi possano essere caratterizzati come genocidio.

Iniziare una guerra aumenta il rischio di genocidio. Tuttavia, una guerra di aggressione è per molti versi un crimine più grave del genocidio, perché colpisce più centralmente nel sistema internazionale, causando la sofferenza di milioni di persone.

Kharkiv: i sacchi per i cadaveri allineano quella che era una processione civile fuori Kharkiv.  Secondo le autorità ucraine, la colonna è stata colpita da bombe russe.  FOTO: REUTERS/Vitaly Heneidy/NTP

Kharkiv: i sacchi per i cadaveri allineano quella che era una processione civile fuori Kharkiv. Secondo le autorità ucraine, la colonna è stata colpita da bombe russe. FOTO: REUTERS/Vitaly Heneidy/NTP
Mostra di più

Ha descritto che anche la sottomissione di una nazione, come la Russia aveva espresso desiderio di fare con l’Ucraina, non sarebbe comunque un genocidio.

Il genocidio è un crimine molto specifico in senso giuridico molto ristretto ed è particolarmente rilevante per le minoranze vulnerabili. Attaccare un altro paese e fare la guerra alla popolazione per integrare la nazione nella propria non è quindi genocidio. L’uso della forza è proibito principalmente come aggressione, annessione illegale e crimini di guerra.

Non parlare di estinzione

Hellestveit dice anche che è molto comune per le parti in guerra usare il termine genocidio per descrivere i crimini di guerra commessi dal nemico, senza che questo significhi che si tratta di genocidio legale.

– Ci sono molte azioni diverse che possono renderlo un genocidio. Ma qual è il requisito generale è che l’atto deve essere commesso con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo in quanto tale.

– Aggiunge che i violenti attacchi contro l’Ucraina nelle ultime settimane sono spesso interpretati come un tentativo di Mosca di costringere gli ucraini al tavolo dei negoziati, non di eliminarli.

Madri di guerra: Venerdì il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato diverse donne che si diceva fossero madri di militari smobilitati in Ucraina. Il Guardian ritiene che l’incontro sia stato “attentamente diretto”. Video: Evan Larsson/Dagbladet-TV
Mostra di più

L’avvocato ritiene che Holzmark confonda diverse questioni nel concludere che il genocidio è stato commesso in Ucraina.

– Il fatto che tu abbia un obiettivo dichiarato di sterminare una persona, a livello di propaganda, può essere un elemento del concetto di genocidio. Ma dovrebbe riflettersi in tutto ciò che fai. La Corte penale internazionale dell’Aia ha il diritto di indagare sul genocidio in Ucraina, ma finora non l’ha fatto, perché anche oggi le azioni della guerra della Russia difficilmente si qualificano come genocidio in senso legale.