Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra tra Hamas e Israele

La guerra tra Hamas e Israele

Tel Aviv (Dagbladet): – Non ero a casa, ero fuori e non potevo proteggerli, quindi… è triste.

L’intera famiglia di Avihai Brodoch (42 anni) – sua moglie Hagar (40 anni) e i figli Uriah (4 anni), Yuval (8 anni) e Ofri (10 anni) sono scomparsi dopo l’attacco al Kibbutz Kfar Azza il 7 ottobre. Loro e una ragazza della porta accanto li avevano visti portati via dai combattenti di Hamas – e ora sembrano essere tra i circa 220 ostaggi a Gaza.

Un obiettivo: Avihai Broduch, 42 anni, ha un obiettivo: riportare a casa sua moglie e i suoi figli (sullo sfondo). Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

– La ragazza della porta accanto corse loro incontro. I suoi genitori erano stati uccisi e lei cercava qualcuno che potesse proteggerla, spiega Avihai.

Preso in una stanza antipanico

Hajar e i bambini sono riusciti ad entrare nella stanza antipanico della famiglia. Tuttavia, sono stati arrestati.

– Verso le 11 ho ricevuto un messaggio da mia moglie: “Sta arrivando qualcuno”. Presumo che ciò sia accaduto quando qualcuno è entrato e li ha presi in ostaggio, portandoli fino a Gaza, dice il padre della famiglia.

A Gaza: la famiglia Avichai è stata allontanata dalla propria casa nel Kibbutz Kfar Azza e trasferita a Gaza.

A Gaza: la famiglia Avichai è stata allontanata dalla propria casa nel Kibbutz Kfar Azza e trasferita a Gaza.
Mostra di più

Sono trascorse più di tre settimane dal terribile incidente e gli ostaggi non sono stati ancora ritrovati. Allo stesso tempo, cresce la pressione sul governo israeliano, non ultimo da parte di Avihai e degli altri suoi parenti che hanno quasi allestito un accampamento fuori dal quartier generale della difesa israeliana a Tel Aviv.

-E ora li aspetto da 23 giorni. Dietro di me c’è il Ministero della Difesa, dove prendono tutte le decisioni. Sono qui per assicurarmi che prendano le decisioni giuste, in modo che la mia famiglia possa tornare a casa, dice il 42enne.

Il primo a uscire

La recinzione all’esterno della roccaforte ben fortificata è tappezzata di immagini dei dispersi. Avihai è stato il primo a manifestare lì, e da allora il movimento è cresciuto in modo esponenziale e ha guadagnato un’attenzione significativa.

Movimento di massa: dopo che Avihai si è seduto per la prima volta davanti al Ministero della Difesa israeliano, ne sono arrivati ​​molti altri, e manifesti di persone scomparse ora ricoprono l'intera recinzione del sito.  Foto: Magnus Baus/Dagbladet

Movimento di massa: dopo che Avihai si è seduto per la prima volta davanti al Ministero della Difesa israeliano, ne sono arrivati ​​molti altri, e manifesti di persone scomparse ora ricoprono l’intera recinzione del sito. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

– Dopo una settimana di tutto questo, mi sentivo impotente e senza speranza. “Mi sono svegliato alle 2 del mattino, ho portato con me il cane – che era stato salvato il giorno prima – e sono venuto qui”, dice.

– Ho preso una sedia e ho appeso un cartello che diceva: “La mia famiglia è a Gaza”, e mi sono seduto qui davanti al ministero. In modo che chiunque entrasse sapesse qual era la cosa giusta da fare: riportare la mia famiglia da me e riportare a casa tutte le famiglie.

Il 42enne conferma:

- È stato martirizzato da un colono israeliano

– È stato martirizzato da un colono israeliano


– Non dovrebbero prendere le decisioni sbagliate, dovrebbero prendere le decisioni giuste.

voglio cambiare

Il padre di Avihai, Samuel, 75 anni, ha ben chiaro quale sia la cosa giusta da fare per il governo del primo ministro Benjamin “Bibi” Netanyahu. Il nonno si siede su una sedia a sdraio davanti al recinto e tiene in mano un cartello che dice:

“Pepe, è nelle tue mani. Tutto sommato.”

- Tutti per tutti: il padre di Avihai, Samuel (75 anni), ritiene che il governo dovrebbe accettare di scambiare circa 220 ostaggi con diverse migliaia di prigionieri palestinesi.  Foto: Magnus Baus/Dagbladet

– Tutti per tutti: il padre di Avihai, Samuel (75 anni), ritiene che il governo dovrebbe accettare di scambiare circa 220 ostaggi con diverse migliaia di prigionieri palestinesi. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

Hamas e il suo braccio armato, le Brigate Al-Qassam, hanno dichiarato che rilasceranno tutti gli ostaggi se Israele “svuoterà” le sue prigioni – cioè rilascerà tutti i prigionieri palestinesi. Secondo le autorità palestinesi, il loro numero supera le 10.000 persone Al Jazeera.

Molti attivisti fuori dal quartier generale militare credono che questa sia la soluzione. Anche se ciò significa rilasciare un gran numero di combattenti di Hamas.

– Ma devono farlo adesso – No Dopo Guerra, dice Samuel al Dagbladet.

– L’obiettivo principale

Avihai non risponderebbe pienamente se sostiene tale pensiero.

Zaki norvegese-palestinese: si aspetta la morte

Zaki norvegese-palestinese: si aspetta la morte


– Mio padre ha diritto alla sua opinione, come chiunque altro. Dice che l’unica cosa che conta per me è il rilascio degli ostaggi.

– Pensi che ti ascolteranno?

– Oh sì, sono sicuro che hanno davvero ascoltato: all’inizio avevano detto che il recupero degli ostaggi era solo uno degli obiettivi. Ora dicono che questo è l’obiettivo principale. Penso che sia allora che lo capiscono Appena Il punto è che forse gli ostaggi potranno tornare. Lo spero davvero.

Sotto pressione: molti credono che il primo ministro Benjamin Netanyahu sia responsabile del fatto che circa 220 ostaggi non siano ancora stati rilasciati.  Foto: Magnus Baus/Dagbladet

Sotto pressione: molti credono che il primo ministro Benjamin Netanyahu sia responsabile del fatto che circa 220 ostaggi non siano ancora stati rilasciati. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

Sabato il primo ministro Netanyahu ha incontrato i rappresentanti dei parenti degli ostaggi e ha affermato in seguito che il rilascio degli ostaggi era una “parte essenziale” dell’obiettivo dell’esercito.

Da parte loro, molti parenti si preoccupano di cosa accadrà ai loro cari ora che l’esercito ha intensificato la guerra a Gaza, con maggiori sforzi sul campo. Hamas ha ripetutamente diffuso rapporti non confermati di ostaggi uccisi durante attacchi aerei israeliani.

– Ieri abbiamo sentito che i carri armati stavano affluendo e siamo tutti preoccupati, ha detto all’agenzia di stampa Merav Leshem Gonen, la madre di una donna che si ritiene sia stata rapita al festival Nova Tribe il 7 ottobre. Reuters.

READ  Rosgvardia, Russia | Putin sta equipaggiando la Guardia Nazionale: - Aumenterà la capacità di combattimento