Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra tra Israele e Hamas:

La guerra tra Israele e Hamas:

Cinque paesi hanno chiesto alla Corte penale internazionale di indagare su possibili crimini di guerra nei territori palestinesi.

In una nuova proposta, Roodt chiede che la Norvegia si unisca ai cinque paesi, dopo che il Ministero degli Esteri ha informato Dagbladet la scorsa settimana che non avrebbe presentato alcuna richiesta del genere.

– Espen Barth Eide (AFP) avverte che i paesi occidentali appaiono ipocriti quando si tratta di Israele. Questo perché sono ipocriti, anche la Norvegia, dice al Dagbladet Stine Wiström, portavoce ad interim per la politica estera di Rodt.

Crede che il governo stia proteggendo Israele dalle azioni intraprese per una buona ragione contro gli orribili crimini della Russia.

– Wistrom dice che è intollerabile che il governo non mandi lo stesso segnale alla Corte penale internazionale quando è Israele che uccide i bambini e bombarda gli ospedali.

Amira, malata di cancro (11 anni): – Potrebbe morire a Gaza


Approcci diversi

Il segretario di Stato agli Affari esteri, Andreas Kravik, ha chiarito che le autorità norvegesi non avanzeranno una richiesta del genere, in quanto non ha alcun collegamento con le misure norvegesi “che potrebbero essere viste come linee guida per l’indipendenza del paese”. CCI.”

Si differenzia dall’approccio adottato dal governo quando la Russia lanciò un’invasione su larga scala dell’Ucraina lo scorso anno.

Sono passati quattro giorni prima che il procuratore della CPI, Karim Khan, richiedesse i cosiddetti rinvii allo Stato partito per aprire rapidamente un’indagine su possibili crimini di guerra commessi in Ucraina. Ciò è avvenuto il 2 marzo, su richiesta Norvegia e altri 38 paesi.

READ  Un addetto alle pulizie ha assistito il chirurgo durante l'operazione

La lotta contro l’impunità è fondamentale per la politica estera norvegese. L’allora ministro degli Esteri Annekin Hoitfeldt (AFP) ha affermato in una conferenza stampa che questo era un chiaro messaggio che si stava indagando su atti di guerra e che qualsiasi crimine di guerra e altri crimini gravi commessi sul territorio ucraino sarebbero stati perseguibili. comunicato stampa.

La Corte penale internazionale sta già conducendo un’indagine su possibili crimini di guerra commessi nei territori palestinesi dal 2014. Il procuratore ha inoltre dichiarato che si occuperà di possibili crimini in Israele e Palestina a partire dal 7 ottobre.

Gli esperti continuano a non considerare superflui i nuovi deferimenti da parte dello Stato parte: mostrano sostegno, garantendo che l’indagine abbia peso e risorse aggiuntivi.

SV ha recentemente proposto che la Norvegia aumenti gli stanziamenti alla Corte penale internazionale, alla Corte internazionale di giustizia e al Comitato internazionale per le persone scomparse, nonché alle organizzazioni di volontariato che contribuiscono a documentare i crimini di guerra.

Lui ha paura: Gli agricoltori di Wadi Fukin, in Cisgiordania, vivono nella paura dopo le notizie sull’aumento della violenza dei coloni nell’area.
Mostra di più

Penso che le spiegazioni non reggano

Le cinque cause legali che finora sono arrivate alla corte provengono da Sud Africa, Bangladesh, Bolivia, Comore e Gibuti.

– Un’indagine da parte della Norvegia avrà un impatto significativo su Israele, perché saremo il primo paese occidentale a fare questo passo, dice Wieström.

Il ministro degli Esteri Espen Barth Eide ha spiegato in precedenza i diversi approcci con una diversa visione del procedimento nei due casi:

Il deferimento della situazione in Ucraina da parte della Norvegia è avvenuto nel momento in cui il Pubblico Ministero ha richiesto il deferimento allo Stato parte per ottenere rapidamente l’approvazione del tribunale per l’indagine, mentre l’indagine in Palestina è già in corso.

READ  - Personaggio tragico - VG

Il procuratore capo afferma che indagherà sui possibili crimini commessi [i Israel og Palestina] Le ultime settimane. Abbiamo chiesto che gli fosse concesso l’accesso per condurre le indagini. Eide ha detto a Dagbladet che il procuratore capo non aveva chiesto che lo Stato parte venisse deferito qui.

Il portavoce della politica estera di Roodt dice che la questione non è in bilico.

Nella sua proposta si rileva che, da un punto di vista legale, la CPI ha bisogno solo del rinvio da parte di un paese per avviare un’indagine, e che il deferimento della situazione in Ucraina da parte della Norvegia non ha alcun effetto giuridico indipendente.

– Al contrario, la necessità di punire i crimini di guerra è stata un indicatore morale e politico, che è certamente necessario quando i palestinesi muoiono, dice Wistrom.

La Norvegia è in dialogo con la Corte penale internazionale

Il ministro della Giustizia Emilie Inger-Mehl (SP) Notificato 23 ottobre La Norvegia “considererà le possibilità” di fornire capacità relative alla possibile indagine sui crimini di guerra a Gaza e in Israele.

“Se riceviamo una richiesta di contributo alle indagini, siamo pronti a fornire risorse rapidamente”, ha affermato Meehl.

Successivamente, la Corte penale internazionale ha preso contatto con l’ambasciata norvegese all’Aia.

Finora il dialogo verteva sulla fissazione di una data per un incontro per stabilire se la Norvegia può contribuire all’indagine della Corte penale internazionale sulla situazione in Palestina, ha detto al Dagbladet la portavoce del ministero degli Esteri Ragnhild Simenstad.

Non è stata ancora fissata una data per tale incontro.

VG All’inizio di questa settimana è stato annunciato che un gruppo di avvocati norvegesi delle organizzazioni ICJ-Norway e Forsvar Volkreten avevano denunciato tre importanti comandanti militari israeliani per crimini contro l’umanità.

READ  Segnalare con cautela: - Miglioramento

Il rapporto è stato presentato all’Ufficio del Procuratore Nazionale per gli sforzi volti a combattere la criminalità organizzata e altri crimini gravi, a nome dei cittadini norvegesi che hanno recentemente visitato Gaza.

Poiché i cittadini norvegesi sono vittime della guerra a Gaza, in questo tipo di casi è possibile utilizzare il sistema legale norvegese.