Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La leggenda dei “giganti dai capelli rossi”

Prima che l’uomo bianco conquistasse l’America, i nativi americani vivevano sparsi in tutto il grande continente.

Sul lato occidentale del paese, nelle aree che oggi conosciamo come California, Nevada e Oregon, dominano il nord Payotfermati per.

E da questa tribù deriva la leggenda dei “giganti dai capelli rossi”.

soffocato dal fumo

Secondo la leggenda, questi giganti chiamavano CTCH Tra i pancake, erano grandi cannibali bianchi dai capelli rossi e spesso portavano la gente della loro tribù a mangiarli.

Ci deve essere stata una sanguinosa guerra tra le due tribù, e alla fine i Paiute devono aver spazzato via i giganti dai capelli rossi.

Secondo la storia, la baionetta inseguì i giganti in una grotta e poi bombardò l’ingresso con frecce infuocate. I giganti devono poi essere soffocati dal fumo.

resti mummificati

Più avanti nella storia, si dice che l’area in cui si trova questa grotta sia stata oggetto di un terremoto. Ciò ha causato il crollo dell’ingresso e sono entrati solo uccelli e pipistrelli.

Quindi metti gli escrementi di questi uccelli a strati sopra questi giganti. Questo è fatto dalle feci, chiamato anche guanoè il compost preferito, quindi quando fu scoperta una grotta chiamata Lovelock in Nevada, piena di guano, all’inizio del 1900, iniziò il ripristino di quel compost.

All’interno della grotta hanno trovato decine di migliaia di oggetti, tra cui due giganti mummificati, una donna e un uomo, presumibilmente con i capelli rossi. Il gigante maschio dovrebbe essere di ca. 2,4 metri e la femmina gigante raggiunge i 2 metri di lunghezza.

È menzionato nei libri

Si afferma inoltre che questi siano i giganti dai capelli rossi descritti nel libro “Life Between Marriages: Their Mistakes and Claims” di Sarah Winnemucca Hopkins, ex portavoce dei Paiut del Nord e figlia dell’ex leader Winnemucca.

Hopkins, morto alla fine del 1800, era un famoso scrittore e attivista che visse per insegnare e parlare di frittelle.

Nel suo libro descrive una piccola tribù di “barbari” che mangiarono il suo popolo e che furono raggiunti dalla sua tribù.

Inoltre, scrive che le storie dicono che la tribù che hanno sterminato aveva i capelli rossi e che loro stessi avevano alcuni dei loro capelli quando sono stati tramandati di generazione in generazione.

D’altra parte, Hopkins non ha detto nulla sul fatto che questa tribù fosse composta da giganti.

la leggenda va in frantumi

Molti mettono in dubbio il lato “gigante” del mito.

Lo storico Adrien Mayor crede che i resti nella Grotta di Lovelock non siano né giganti né teste rosse.  Foto: Sufiji - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=84284520

Lo storico Adrien Mayor crede che i resti nella Grotta di Lovelock non siano né giganti né teste rosse. Foto: Sufiji – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=84284520

La storica della scienza antica, Adrien Mayor, scrive nel suo libro Myths of the Early Americans che Si-Te-Cahene potrebbe essere stato descritto come gigantesco perché i primi resti scavati erano di un uomo e che erano molto più grandi. Rispetto agli scheletri molto più piccoli, che sembrano essere femmine.

Crede anche che gli imprenditori che organizzano fiere per turisti a Lovelock possano aver inventato la parola “lotta” per generare interesse.

Il sindaco discute anche nel suo libro Capelli rossi e sottolinea che la tintura per capelli non è stabile dopo la morte. Scrive che vari fattori, come la temperatura e il suolo, possono contribuire a rendere i capelli vecchi e scuri rosso ruggine o addirittura arancioni.

READ  Lyngdorf TDAI-1120 - Adatta alla stanza

Ancora rimosso per rispetto

Quando l’estrazione del guano iniziò nel 1911, uno dei primi minatori, James H. Hart, scrisse in un rapporto scritto che a una profondità di circa quattro piedi trovarono il corpo mummificato di un uomo dai capelli rossi alto quasi due piedi. Si sostiene anche che abbiano trovato diversi sandali fatti di fibre notevolmente grandi.

Sfortunatamente, alcuni resti e oggetti umani sono andati perduti e distrutti nel primo anno di estrazione.

Alcuni dei restanti manufatti e un paio di teschi si trovano ora al Museo Humboldt in Nevada.

Questi oggetti appartengono ai nativi americani e possono essere datati al 2000 a.C. su di lui sito web Il museo ha scritto che i resti trovati con questi oggetti sono stati esaminati e, sebbene fossero più robusti, non erano superiori agli standard di dimensioni normali.

In precedenza, il Museo Humboldt mostrava alcune reliquie della grotta di Lovelock. Hanno scritto di averlo rimosso in relazione alla popolazione dei nativi americani.