Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La mafia italiana distribuisce cibo agli svantaggiati durante la crisi

Molti di loro non hanno reddito da più di un mese e non hanno idea di quando potranno tornare al lavoro. Se lo Stato non interviene presto per aiutare queste famiglie, la mafia fornirà i suoi servizi e controllerà la vita delle persone.

Lo ha detto al quotidiano britannico Nicola Gratteri, investigatore antimafia e capo della Procura di Catanzaro. guardiano.

Colpisce 3,3 milioni di persone

Nelle ultime settimane sono emersi video di note bande mafiose che forniscono beni di prima necessità a italiani in difficoltà finanziarie. Si dice che ciò sia avvenuto nelle regioni meridionali più povere di Campania, Calabria, Sicilia e Puglia.

Si stima che le conseguenze del lockdown in Italia colpiscano 3,3 milioni di persone che lavorano in nero. Un milione di loro vivrà nella parte meridionale del Paese. Ci sono state segnalazioni che i proprietari di piccoli negozi hanno subito pressioni per offrire cibo gratis, e in alcune zone la polizia sta pattugliando i supermercati per prevenire i furti.

Il ministro dell’Interno italiano, Luciana Lamorgese, ha affermato dopo i primi disordini che la mafia potrebbe approfittare della crescente povertà, entrando e reclutando persone nelle proprie organizzazioni. Oppure una volta che inizi a distribuire gratuitamente pranzi confezionati con pasta, acqua, farina e latte. Ed è un vecchio trucco della criminalità organizzata italiana, secondo il Guardian.

I capi della mafia si considerano in controllo delle loro città. Questi capi sanno benissimo che per controllare le città devono prendersi cura delle persone della zona. Lo fanno sfruttando la situazione a proprio vantaggio. Agli occhi della gente, il capo che bussa alla porta e offre cibo gratis è un eroe. Poi il manager sa che può fidarsi di ottenere sostegno da queste famiglie quando necessario, ad esempio quando la mafia sponsorizza un politico che favorirà i loro interessi criminali, dice Nicola Gratteri.

READ  Il fondatore di Spotify apre per acquistare Arsenal - E24

La polizia più chiaramente

Da quando la mafia ha cominciato a distribuire cibo gratis, le forze dell’ordine nei giorni scorsi hanno reso più visibili le zone più povere di Napoli. Lì, si dice che diverse persone associate alla mafia di Kamura abbiano organizzato la consegna a domicilio di pranzi al sacco.

In un’altra città del sud, Palermo, il fratello del presidente di Cosa Nostra, secondo La Repubblica, ha distribuito cibo alle persone in uno dei quartieri più poveri della città.

Ma è importante ricordare che la mafia non è solo organizzazioni criminali, sono anche organizzazioni che vogliono consolidare il loro potere su regioni e mercati, dice al Guardian Frederius Varese, professore di criminologia all’Università di Oxford.

Questi omaggi alla mafia non sono regali, e la mafia non fa nulla perché sono buoni. Sono servizi che in un modo o nell’altro tutti devono pagare, dice Varese.