Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La mafia sta investendo molto nelle turbine eoliche

La mafia sta investendo molto nelle turbine eoliche

Vista dei mulini a vento e del vulcano Etna in fumo. Sicilia

di Pal Steigan.

“In Italia si stanno investendo ingenti somme nell’energia verde, soprattutto negli impianti eolici, la mafia si è lanciata in pieno sull’onda verde. questa stampante NRK. E il canale continua:

Nuovi parchi eolici stanno spuntando continuamente nel sud Italia, e specialmente in Sicilia. L’Unione Europea e il governo italiano offrono un supporto completo agli investimenti per coloro che vogliono investire in turbine eoliche o altre forme di energia verde.

I gruppi ambientalisti preferirebbero i sussidi e lo sviluppo di parchi eolici, ma molti stanno riposando con l’amaro in bocca. Perché ovunque ci siano soldi da fare in Italia, la mafia non è mai lontana.

Gli unici che ci guadagnano sono i politici e la mafia.

Dino Leggio, barista

Oggi costruire turbine eoliche è una delle cose più redditizie che puoi fare. Tutto ciò che è redditizio attira la mafia, dice esasperato Eduardo Zancini, un ambientalista siciliano che ha passato molto tempo a mappare le infiltrazioni mafiose nel settore dell’energia verde.

Commento: la mafia ha realizzato la stessa cosa degli speculatori sull’energia eolica in Norvegia

La mafia si è resa conto che lo sviluppo dell’energia eolica non significa “diventare ecologici”. Non c’è razionalità ambientale nel guidare la massiccia distruzione della natura che sta avvenendo in tutta Europa per fornire energia eolica instabile a un sistema che non funziona.

Da un lato, è un buon magazzino per speculatori e mafiosi, come mostra l’esempio di NRK.

NRK, giustamente, sottolinea che le turbine eoliche sono in forte sviluppo in Sicilia, così come a Corleone, famosa per i film tratti dal romanzo di Mario Puzo su Il Padrino.

Ma è ancora un errore evocare l’immagine della vecchia versione di Nostra Cosa n. La mafia è stata a lungo parte integrante dell’economia dell’Italia e dell’Unione Europea.

L’intero sistema UE richiede attività mafiose, sì, lo è Mafia COME.

Le norme dell’UE proteggono le aziende corrotte

Giornale danese Il lavoratore Ha scritto su come funziona.

La stragrande maggioranza dei parlamentari ha deciso che un nuovo Storstrømsbro dovrebbe essere costruito da un appaltatore principale italiano, che ha un caso di corruzione in sospeso. Il ministro dei Trasporti afferma che le regole dell’UE ci obbligano a farlo. Ma potrebbe davvero essere appropriato?

READ  L'energia idroelettrica si interrompe a Husnes e Karmøy - E24

La Direzione Strade firmerà, a nome del Paese, un contratto con due società italiane per la costruzione di un nuovo Storstrømsbro. Sebbene una società, la Grandi Lavori Fincosit, sia attualmente sotto inchiesta in Italia con l’accusa di diffusa corruzione e concussione in relazione ad altri grandi progetti di costruzione. Un ex dirigente dell’azienda è già stato giudicato allo stesso modo.

Non possiamo fare altrimenti. Il fatto che sia in corso un’indagine non costituisce motivo legale di esclusione.
Ole Burke-Olesen, ministro dei trasporti

L’anno scorso, la stessa società ha interrotto la costruzione di un tunnel tra l’Italia e la Francia, perché i gestori corrotti del cantiere hanno venduto sul mercato nero rinforzi metallici per il tunnel, provocando il crollo delle pareti del tunnel.

Quando un’autorità pubblica invia un lavoro edile e di costruzione che supera un certo limite di offerta, entrano in vigore le regole di gara dell’UE. Non consentono il rifiuto dell’aggiudicatario dell’offerta per questioni futili come sospetta corruzione e concussione da parte dell’offerente.

– Non possiamo fare nient’altro. Il fatto che sia in corso un’indagine non costituisce motivo legale di esclusione. È un motivo legale per la squalifica, se c’è una sentenza definitiva. Ma lì non succede, e finché non succede, operiamo in base al principio che sei innocente fino a prova contraria, dice Ole Birk-Olsen. Diario commerciale 3F.

La mafia italiana vive bene del sostegno dell’Unione Europea

L’associazione delle organizzazioni mafiose italiane con l’industria delle costruzioni del paese è ben nota, ma è un po’ meno noto che esse ricevano anche fondi dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). Meno noto, cioè nel Nord Europa, in Italia, questo è ben noto tra la gente. Un rapporto del 2015 pubblicato dalla ONG italiana re: condiviso, “Malaffare italiano – denaro europeo” Contiene molti fatti su come la mafia abbia rubato ingenti somme di denaro dall’Unione Europea.

La mafia è anche coinvolta nel finanziamento dell’Unione Europea da parte della Banca europea per gli investimenti nel progetto faro di TAV, Treno di Alto Velocità, che farà circolare treni ad alta velocità da Torino a Lione. In Piemonte è l’organizzazione mafiosa ‘ndrangheta E sono particolarmente attivi, e lo sono anche loro Profondamente penetrato nella politica e nell’economia.

READ  Calcio, Serie A | Mi hanno pregato di lasciare il club

la rivista EuObserver Afferma che ora c’è un libero flusso di criminalità organizzata in Europa ed Europol afferma in un rapporto del 2017 di aver registrato 5.000 gruppi legati alla criminalità organizzata. Le bande di ‘Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra, nonché la mafia albanese, tra le altre, sono diffuse in tutta la federazione e sono diventate piuttosto abili nello sfruttare il tradizionale mondo degli affari.

L’Unione Europea dovrebbe combattere la corruzione e le attività mafiose, ma il sistema è tale da generare corruzione e attività mafiose. Tutto cambia finché non cambia nulla. Piace Tommaso da Lampedusa Scritto nel romanzo classico Il Gattopardo, o tigre.

Leggi anche: La mafia italiana nella metropolitana di Copenaghen

I mafiosi sono diventati uomini d’affari – gli uomini d’affari sono diventati mafiosi

Abbiamo visto e stiamo vedendo la stessa cosa in Norvegia. Nel 2015 ha scritto Il giornale on line Quello La mafia spazza miliardi di strade norvegesi.

– La giungla di subappaltatori provenienti da Polonia, Slovenia, Lituania e altri paesi dell’Europa orientale è in molti casi controllata dalla mafia locale, afferma una fonte situata in posizione centrale presso uno dei maggiori appaltatori Nettavisen del paese.

Il fatto che non fossero disposti a pagare i termini norvegesi porta a un paradosso. Avendo spese inferiori, hanno più da fare quando fanno offerte.

È una distorsione della concorrenza di un altro mondo, dice a Nettavisen Steinar Myhre, vicepresidente esecutivo delle costruzioni di Skanska.

Mafia e non meno importante ‘ndranghetaImpara il sistema alla perfezione. Riciclano denaro criminale attraverso i regolamenti dell’UE e le istituzioni finanziarie e agiscono al più alto livello della vita commerciale.

E la vita è diventata un affare di mafia. Uno speculatore norvegese sull’energia eolica crea un prospetto e costituisce una società con il capitale più basso possibile. Poi lo vende agli ingenui politici municipali (o compagni che sperano di ottenere la loro parte). Una volta approvato, il prospetto è pronto per la vendita ai fondi di investimento dei paradisi fiscali. Poche centinaia di milioni nelle loro mani e il progetto è diventato rapidamente proprietario I soliti sospetti. Due nuovi milionari norvegesi possono ridere fino in banca. La natura norvegese è stata distrutta. L’intera faccenda è fondamentalmente una transazione finanziaria.

READ  Inflazione e immobili | Questo fantasma fa tremare la borsa: - Una bomba a orologeria

il rapporto I lati oscuri dell’eolico Mostra che sette dei dieci maggiori proprietari di parchi eolici possono essere collegati ad alcuni dei peggiori paradisi fiscali del mondo. Questo vale per un totale del 42% della produzione di energia eolica norvegese.

È stato Rete di giustizia tributaria – Norvegia che ha tracciato i rapporti di proprietà nel funzionamento degli impianti eolici norvegesi nel rapporto”Aspetti ombra dell’energia eolica – Misure contro il trasferimento degli utili e la proprietà nascosta”.

Peter Ringstad, consulente politico presso Tax Justice Network – Norvegia afferma:

“Per alcune società di energia eolica, è stato impossibile stabilire proprietari dietro le quinte perché le tracce sono state interrotte nei paradisi fiscali. Aumenterebbe la fiducia nel settore se le autorità mettessero in atto requisiti più severi per la trasparenza della proprietà al momento della concessione delle licenze e dei cambi di proprietà. Lì C’è un alto rischio di spostamento degli utili nell’energia eolica, rivela il rapporto.Le norme fiscali norvegesi hanno molte scappatoie che rendono possibile il trasferimento di grandi redditi all’estero.

Il rapporto fa riferimento alla NVE, che afferma che il 32,9% della proprietà dell’energia eolica norvegese è di proprietà pubblica, con la maggioranza (21,5%) di proprietà dello Stato. Il 61,7% è di proprietà di stranieri, mentre il 5,1% è di proprietà privata di norvegesi. Per fare un confronto, l’88,7% dell’energia idroelettrica è di proprietà pubblica, solo il 6% è di proprietà di stranieri e il 5% è privato norvegese.

La mafia oggi

In una conversazione con il mio caro amico Aldo nel mio bar preferito a Tulva, qualche anno fa mi sono messo nei guai per aver parlato di “collaborazione tra mafia e stato”. Aldo ha alzato l’indice di avvertimento e ha detto: “Paolo, è sbagliato. Non è ‘cooperazione tra mafia e Stato’. Abbiamo uno Stato mafioso”.

L’augurio di capodanno di quest’anno che la sinistra norvegese capisca la metà del barman italiano cresciuto in povertà.

campagnaSupportaci