Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Mazda è finita con “il miglior design del mondo”

Non c’è da stupirsi che ci siano alcuni italiani nella storia del “miglior design del mondo”.

Il mese scorso, i World Car Awards hanno nominato qualsiasi auto “Design of the Year”. Questa non è la Mazda, perché la Land Rover Defender di nuova generazione ha appena corso con il grande titolo.

La Mazda non era troppo deprimente perché avevano uno dei tre modelli in finale oltre al campione che ha dominato la Mazda 3.

In effetti, la Mazda ha vinto due degli ultimi sei premi nella categoria design e tutte le nuove vetture pesantemente prodotte prendono parte a una competizione. Quindi sì, questo è un risultato.

Insieme a Jaguar Land Rover (che ha vinto quattro degli ultimi cinque premi di design), Mazda crea le auto più belle, come confermato dall’auto elettrica Mazda MX-30 arrivata in finale quest’anno.

La causa è stata presentata sotto l’annuncio

Il nome MX è molto importante nella storia del design Mazda e arriveremo a questo. È iniziato 20 anni prima dello sviluppo del primo modello MX.

Ma possiamo sicuramente fare un’anteprima del primo e del secondo due, eccone due:

La storia inizia nel 1960 quando un giovane e promettente giornalista automobilistico, Hituki Miyakawa, fece un viaggio in Italia e partecipò a un salone dell’auto a Torino perché all’epoca l’Italia era un vero peso massimo e una locomotiva nell’industria automobilistica. Lì conobbe Giorgio Quiccio, il capo del famoso studio di design Bertone.

Sì, questo viaggio è stato fantastico per il migliore Miao, ha anche incontrato la sua fidanzata மனைவி e Marisa Bassano, un’altra italiana amante delle auto che era una traduttrice giapponese-italiana.

Bassano deve essere stato molto importante nella storia di Mazda, perché quando fece un viaggio di ricerca a Hiroshima nel 1961, organizzò anche un incontro con il boss di Miago Mazda Suneji Matsuda. Cominciarono a discutere dell’importanza del design per l’industria automobilistica giapponese e Matsuda fu apertamente d’accordo con la stampa.

READ  Italia 7-0 all'Europeo e piatto pieno: - Usa i punti di forza

Tornata a Torino l’anno successivo, la coppia (forse) romantica ha preso contatto con Bertone, Kia e Piniferina, e ha fatto da intermediario tra le aziende di design e l’industria automobilistica giapponese. Matsuda, uno di loro, voleva che Bertone aiutasse a progettare le auto.

Di conseguenza, la Kyukyo Mazda ha contribuito a progettare sia Familia che Loose negli anni ’60, e quando il genio del design ha lasciato Bertone a sostegno di Kia nel 1965, le due società hanno continuato la loro collaborazione. Questo ci porta al primo modello MX, che è in gran parte sconosciuto, ma non dimenticato.

Ad oggi, anche Mazda voleva creare una passione per il design 40 anni fa, e ancora una volta ha incaricato Bertone di creare uno dei più belli da mostrare al Motor Show di Tokyo del 1981.

Il compito è toccato a Mark Decomps, in quanto Giujiaro (sì, abbiamo detto che era dietro alla macchina “Ritorno al futuro” TMC Delorian e al primo golf?) Non lavorava più con Bertone.

Non aveva paura di rompere il design tradizionale delle auto e ha ideato il concetto a forma di cuneo noto come Mazda MX-81 Area. Questa vettura è basata su una Mazda 323 ed è stata costruita come futura station wagon.

Con vernice dorata, una grande scatola, fari e fanali posteriori montati in alto, si è davvero distinta durante il salone dell’auto e hanno avuto problemi a ficcare la testa nell’auto.

All’interno c’era uno sterzo quadrato ridotto, sì, sterzo incassato, uno schermo TV e sedili anteriori oscillanti laterali, cosa più sorprendente, questo concetto era più serio all’interno che all’esterno.

Naturalmente, la prima vettura MX non è mai entrata in produzione e non è mai stata concepita. Ma ancora più importante, ha introdotto la MX come concetto di design per auto che non si preoccupavano delle linee di design tradizionali, ed ha evocato emozioni in entrambi coloro che hanno progettato, venduto, almeno guidare e vedere.

READ  14 prodotti che portano il caffè a un nuovo livello

Questa vettura ha percorso la strada da Mazda ad alcuni modelli sorprendenti, la prima fine è arrivata nel 1989 sotto forma di Mazda MX-5.

Per quanto riguarda la storica concept car MX-81 Area, è stata considerata persa perché nessuno sapeva dove fosse andata.

Questo non è entusiasmante perché spesso idee e modelli di mostre vengono cancellati e distrutti. Ma è stato di grande importanza storica per la Mazda, che, tra le altre cose, è stata l’antesignana dell’auto elettrica MX-30.

Nobuhiro Yamamoto, esperto di motori rotativi e responsabile del programma MX-5, ha iniziato a parlare attraverso il magazzino di Mazda presso la sede di Hiroshima. Nonostante le cattive condizioni è apparso di nuovo.

Quindi quale modo migliore se non inviarlo a Mazda Italia è farlo resettare con cura da SuperStyle ora a Torino. Opportunamente, questo è stato celebrato ristrutturando l’auto nelle foto originali per la stampa dell’MX-81 di fronte al Duomo di Milano. Sì, vedrai molte altre immagini e il ripristino dell’auto in fondo.

Dopo che Mazda ha introdotto il concetto sensazionale nel 1981, hanno seguito la MX-02 nel 1983, un’auto con superfici più grandi e finestrini più grandi – e tutto dietro lo sterzo della ruota posteriore.

La successiva auto usa e getta fu la Mazda MX-03 del 1985, una concept car seria con linee coupé sportive e un motore rotativo con una potenza massima di 315 CV. Aveva quattro ruote sterzanti e quattro ruote motrici e tutto aveva un display head-up e schermi digitali. Sì, Mazda ha i suoi momenti!

Mentre MX-02 e MX-03 condividono una visione futura, MX-04 è qualcosa di completamente diverso.

Fu presentata durante il Motor Show di Tokyo nel 1987 e l’auto sportiva a trazione posteriore aveva il motore anteriore e pannelli in fibra di vetro rimovibili. Ciò che lo rende speciale è che c’erano due diversi set in modo che l’auto potesse passare da una scatola a cupola di vetro a una non standard e roadster. Ma questo camaleonte non è diventato una sfida seria per la produzione di massa, perché Mazda aveva già un piano pronto per un modello che sarebbe uscito per le masse.

READ  In cui il tachimetro non è andato abbastanza lontano

Due anni dopo l’MX-04, furono finalmente in grado di consegnare il primo modello MX ad entrare in produzione, e l’MX-5 fu un fantastico successo che è ancora vivo oggi. L’auto numero un milione della MX-5 è stata prodotta nel 2016 e nello stesso anno è stata nominata auto dell’anno al mondo. Sì, ha vinto anche il Design Award per quell’anno.

Ecco l’originale:

L’MX-5 è stato lo scatto di apertura per la serie MX, e questo ha portato ai modelli di oggi come CX-5, CX-30 e MX-30, tutti sempre più piccoli in italiano.

Grazie a un giornalista giapponese che ha trovato la felicità in Italia – in un doppio senso.

Immagini dal restauro dell’area MX-81 e alcune immagini bonus di un giovane Miyako su una motocicletta e altri che hanno avuto un ruolo chiave nella storia della MX:

Leggi anche: