Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Moldova teme di essere la prossima in fila dopo una dichiarazione russa – VG

Confine: le guardie di frontiera della Transnistria, Moldova, sorvegliano il confine con l’Ucraina e un ponte sulla strada per i villaggi ucraini di Dorotcaia e Cosnita.

La Moldova esprime “profondo tumulto” in seguito alle dichiarazioni di un generale russo di occupare tutta l’Ucraina meridionale e costruire un ponte di terra verso la repubblica separatista della Transnistria nella Moldova orientale.

Inserito:

Quando il vice comandante russo Rustam Minnikaev ha detto venerdì che la Russia avrebbe cercato di controllare tutta l’Ucraina meridionale, ha aggiunto che creerebbe “un’altra rotta verso la Transnistria, dove ci sono anche prove che la popolazione di lingua russa è oppressa”.

Queste dichiarazioni destano preoccupazione in Moldova, nella vicina Ucraina, afferma Karin Anna Egin, ricercatrice del Ministero degli studi della difesa (IFS).

La Transnistria è una repubblica separatista in Moldova, sostenuta dalla Russia da oltre 30 anni.

La Russia ha usato politicamente la Transnistria per bloccare l’approccio della Moldova all’Occidente, secondo lo studioso senior Jacob M. Godzimirski presso l’Istituto norvegese per la politica estera. (neofiti).

L’ambasciatore gridò sul tappeto

Venerdì la Moldova ha convocato l’ambasciatore russo nel Paese per esprimere “profonda preoccupazione” per i commenti del generale russo.

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha colto l’occasione per avvertire che l’invasione dell’Ucraina “era solo l’inizio” e che altri paesi potrebbero prendere il loro turno.

Tutti i ricercatori hanno confermato che VG ha affermato che non è probabile un’invasione della Moldova nel prossimo futuro. Notano, tra le altre cose, che la dichiarazione viene da un punto di vista generale piuttosto che politico, e che è una questione aperta fino a che punto la Russia avrà successo militarmente in Ucraina in futuro.

Una cosa è dire qualcosa, un’altra è ottenerla, dice Godzimirsky.

Se la Russia controlla comunque tutta l’Ucraina meridionale, ciò potrebbe riguardare diversi obiettivi strategici:

  • Ponte terrestre per la Transnistria.
  • Una presa soffocante sull’economia ucraina, che comprende gran parte delle industrie e delle grandi rotte commerciali del sud.
  • Controllo di grandi risorse naturali (principalmente gas) nel mare tra la Crimea e Odessa

Spawn in IFS già visto all’inizio di marzo La Russia può creare un corridoio terrestre In tutta l’Ucraina meridionale. Così, i russi sono stati in grado di impedire all’Ucraina di raggiungere la sua importante costa.

Godzimirski fa riferimento anche a questo obiettivo.

Le risorse energetiche sono un potenziale bonus, ma non un obiettivo primario. Si sta rapidamente trasformando in risorse per le quali non riescono a trovare mercati, quindi non credo sia questo il motivo principale, dice.

Molti residenti moldavi temono di essere il prossimo obiettivo della Russia. Leggi il rapporto VG dal paese:

Eigen ritiene che i nuovi segnali dell’esercito russo dovrebbero essere presi sul serio.

– Questa affermazione è ovviamente inquietante per la Moldova e significa chiaramente qualcosa che non è protetta dall’articolo V (in Trattato NATO Journal.anm.) e parti del suo territorio sono occupate da separatisti sostenuti dalla Russia, scrive Eggen in una e-mail a VG.

– Qual è il motivo di preoccupazione per l’attacco russo alla Transnistria in Moldova con l’obiettivo dell’occupazione?

La Russia controlla già gran parte dell’Ucraina meridionale, da Kherson al Donbas. In altre parole, Eigen risponde che dovrebbe destare preoccupazione se combinato con affermazioni in cui i russofoni sono discriminati.

Sottolinea che anche la Russia non ha mostrato molto rispetto per la sovranità dei paesi vicini se ha creduto che la terra storicamente e culturalmente appartenesse alla Russia.

Moldavia: la Transnistria è un appezzamento di terra filo-russo nella Moldova orientale. La foto è stata scattata sul fiume Dniester, che forma il confine non ufficiale con la repubblica separatista. Transnistria significa “dall’altra parte della vita il Dnestr”.

La Russia ha schierato truppe in Transnistria da quando è entrato in vigore il cessate il fuoco nel 1992.

La repubblica separatista dipende interamente dalla Russia economicamente e militarmente.

Il conflitto negli anni ’90 aveva molte somiglianze con il conflitto nella regione del Donbass, dove si combatteva dal 2014 prima dell’attuale guerra su larga scala in Ucraina.

READ  Catturato uno squalo gigante all'amo

La Transnistria, ad esempio, aveva una quota maggiore di russi e ucraini rispetto al resto della Moldova, e c’era disaccordo politico su quali sarebbero state le conseguenze dell’inversione di molte delle riforme sovietiche, nonché sullo spostamento del paese verso la Romania in Occidente.

La Russia ha utilizzato questi paesi “realisti” molto attivamente nelle sue politiche. Godzimirsky ha detto che la Russia ha detto che avrebbe ampliato le sue forze già nel 1999, ma piuttosto ne sono state costruite altre.

L’avanzata militare della Russia in Ucraina è stata molto inferiore a quanto molti analisti si aspettassero. La foto mostra le difese ucraine lungo una delle strade per la capitale, Kiev.

Uno dei motivi principali per cui una possibile invasione della Transnistria non è imminente è la mancanza di potenza militare in Russia.

Al momento, ci sono poche prove che l’occupazione russa di parti della Moldova sia del tutto realistica. È chiaro che l’esercito russo ne aveva abbastanza di cercare di assicurarsi vittorie e controllo nella regione del Donbass, e fu respinto quando in precedenza tentò di catturare Mikolajev, afferma Eigen dell’IFS

Egin ritiene che un attacco russo alle città di Mykolaiv e Odessa in questa fase della guerra sarebbe “inappropriato”.

– Sembra che non ci riescano nemmeno loro. Il ricercatore aggiunge che quest’ultimo è il risultato delle pesanti perdite e della mancanza di forze.

Il leader della ricerca Turmod Heyer dell’Armed Forces Staff College condivide il punto di vista di Eigen.

– Non credo che ci riusciranno. Haier ha detto venerdì a VG che i russi non hanno la tradizionale capacità di espandere le loro ambizioni.