Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La NASA conferma il gigante di ghiaccio: – – il più grande in assoluto

– Questa cometa è letteralmente la punta dell’iceberg. Diverse migliaia di comete sono troppo oscure per essere viste nelle parti più lontane del Sistema Solare, spiega David Jewett dell’Università della California in una dichiarazione che ha preparato, tra gli altri. CNN.

La cometa “C/2014 UN271” — che può anche decorare se stessa con il nome un po’ più facile da capire di Bernardinelli Bernstein — ha attirato per la prima volta l’attenzione degli astronomi della NASA nel 2014.

Hubble: Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha determinato le dimensioni del più grande nucleo di cometa ghiacciata mai osservato dagli astronomi. Foto: Zuma Press
Mostra di più

Dal pianeta nano alla cometa

A quel tempo, si credeva che il cosiddetto pianeta nano.

Solo nel 2021 si può determinare che era enorme ammasso di comete È costituito da neve, ciottoli, ghiaccio e rocce.

Voci uniche: Guarda un video della registrazione audio unica della NASA da Marte. Video: Nasa
Mostra di più

“Diverse migliaia di comete non possono essere viste nelle parti più lontane del sistema solare”, afferma Jewett, professore di scienze planetarie e astronomia.

Più grande di Vestfold

Ad una velocità di 35.000 chilometri orari, la cometa si sta attualmente muovendo attraverso i limiti esterni del nostro sistema solare.

Bernardinelli-Bernstein pesa circa 450 trilioni di tonnellate, ovvero 100.000 volte la massa delle comete nel nostro sistema solare.

La NASA ha ora confermato che la cometa, che ha un diametro di 150 chilometri, è la più grande cometa mai scoperta, grazie al telescopio Hubble.

Secondo la NASA, è più grande dello stato americano del Rhode Island o dell’ex contea norvegese di Vestfold.

La cometa è stata scoperta già nel 2010, ma solo ora le sue dimensioni sono state confermate.

“Abbiamo sempre sospettato che questa cometa fosse grande perché è così luminosa, nonostante la sua lunga distanza”, ha detto il professor Jewett.

– Ha detto che ora possiamo confermarlo BBC.

Il più grande nella categoria COMET: questa panoramica mostra come C/2014 UN271 sovrasta il precedente detentore del record, C/2002 VQ94.  Illustrazione: Zuma Press

Il più grande nella categoria COMET: questa panoramica mostra come C/2014 UN271 sovrasta il precedente detentore del record, C/2002 VQ94. Illustrazione: Zuma Press
Mostra di più

I ricercatori ipotizzano che abbia avuto origine dalla nuvola di Oort. secondo La grande enciclopedia norvegese È una nuvola virtuale di comete, ghiaccio e polvere cosmica in orbita attorno alle parti esterne del sistema solare.

La NASA descrive le comete come “cubi LEGO” ghiacciati, i resti dei primi giorni di formazione dei pianeti.

Nove anni di distanza dalla Terra

Nel settembre 2021, Gary Bernstein – che ha scoperto la cometa con Pedro Bernadinelli sette anni prima – ha stimato che avrebbe probabilmente superato la Terra il 21 gennaio 2031.

E non preoccuparti: è probabile che sia a più di 10,97 UA di distanza dalla Terra, appena un po’ più lontano della distanza tra la Terra e Saturno.

Lungo viaggio: la cometa Bernardinelli-Bernstein si è diretta verso il sole per più di un milione di anni.  Illustrazione: motore spaziale

Lungo viaggio: la cometa Bernardinelli-Bernstein si è diretta verso il sole per più di un milione di anni. Illustrazione: motore spaziale
Mostra di più

Ciò significa che le persone non saranno in grado di vederlo ad occhio nudo.

– È lontano e non finirà nella categoria degli oggetti realistici, ha rassicurato Terje Wal al Norwegian Space Center a Dagbladet l’autunno scorso.

Mappatura delle minacce del cielo

Molte organizzazioni spaziali globali lavorano costantemente per monitorare potenziali minacce alla Terra. Wall è uno dei delegati norvegesi nel consiglio di amministrazione di Space Safety, il programma dell’Agenzia spaziale europea per i rischi dallo spazio.

molto vicino: Il 17 novembre 2020, la Terra ha superato la coda di una cometa, provocando uno sciame di meteoriti. Video: Twitter, Norwegian Meteor Network, YouTube
Mostra di più

L’ESA e la NASA hanno programmi in corso per rintracciare quanti più oggetti celesti pericolosi possibile. In questo lavoro, qui sulla Terra vengono utilizzati entrambi i grandi telescopi e parzialmente vengono utilizzate anche sonde spaziali con telescopi.

Wall ha detto che gli scienziati hanno fatto molta strada nella mappatura dei pericolosi corpi celesti.

Fortunatamente, tutti gli oggetti di grandi dimensioni, quelli che potrebbero rappresentare una minaccia esistenziale per la Terra, eviteranno la Terra, almeno per i prossimi 100 anni, ha detto.

READ  Sblocchi: i giocatori PC ora possono utilizzare la tecnologia di archiviazione ultraveloce