Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La NATO non è pronta per la guerra

Il ricercatore Ståle Ulriksen della FHS Naval Warfare School ritiene che i paesi della NATO abbiano carenze significative e che l’alleanza di difesa sia attualmente mal equipaggiata per una guerra contro la Russia in Ucraina.

Quasi tutti presentano la NATO come una forza militare molto potente che può quasi fermare la Russia battendo le dita. Ma se guardi all’equipaggiamento militare dei paesi della NATO, troverai difetti significativi, come Ulriksen dice a Dagbladet e continua:

Ricercatore: Ståle Ulriksen presso l’FHS Naval War College. Foto: Norwegian Defense College
Mostra di più

– Non sono nemmeno vicini a prepararsi per una guerra contro la Russia nelle pianure europee: hanno vecchi carri armati, poca artiglieria e quasi nessuna difesa aerea.

forze militari

I commenti di Ulrichsen sono una continuazione del fatto che Dagbladet gli ha chiesto la sua opinione sull’opportunità di intervenire militarmente in Ucraina da parte della NATO. Ha detto prima che la NATO avrebbe dovuto istituire Più incertezza su ciò che vogliono fareE che un conflitto militare tra NATO e Russia in Ucraina non porterebbe necessariamente a una terza guerra mondiale oa una guerra nucleare.

Ucraina: Il ministro degli Esteri Anikin Heitfeldt si aspetta che l’Ucraina commenti un incidente catturato in video, che sembrerà mostrare i soldati ucraini che abusano dei prigionieri di guerra russi. Video: Harvard Tansch Larsen Knutsen / Evan Larsson
Mostra di più

Ulrichsen è stato direttore associato della NUPI, membro del Comitato per la politica di difesa e membro del Comitato per la politica di sicurezza del Dipartimento di Stato.

– I paesi della NATO hanno poche forze in allerta, anche 40mila soldati dall’Estonia alla Romania sono una piccola forza. Sulla carta, hanno grandi punti di forza, ma ci vorrà molto tempo e denaro per diventare operativi e una notevole quantità di tempo per spostarli effettivamente dove potrebbero essere necessari, afferma Ulriksen.

I paesi della NATO nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti non hanno quasi nessuna forza di mobilitazione.

Di recente, il presidente della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato che l’alleanza di difesa prevede di schierare una forza militare permanente su vasta scala sul fianco orientale.

– Irreale

Dagbladet ha fornito recensioni di Ulriksen a Sverre Diesen. È ricercatore presso la Norwegian Defense Research Foundation (FFI) ed è un ex maggiore generale e capo della difesa norvegese. Diesen risponde come segue:

Ulrichsen ha chiaramente ragione sul fatto che la NATO non è preparata a combattere una grande guerra europea contro la Russia nelle pianure europee dello stesso tipo e portata che si potrebbero immaginare durante la Guerra Fredda. D’altra parte, in nessun caso uno scenario del genere è realistico, dice Diesen a Dagbladet e spiega:

Innanzitutto, perché la Russia è attualmente meno capace di fare una guerra contro la NATO poiché quasi tutte le sue capacità sono limitate e sotto forte pressione in Ucraina. Inoltre, la NATO non ha intenzione di farsi coinvolgere in una cosa del genere, anche se dispone di forze sufficienti per prepararsi.

Ricercatore: Sverre Diesen presso la Norwegian Defense Research Foundation.  Foto: Ole Berg-Rusten / NTB

Ricercatore: Sverre Diesen presso la Norwegian Defense Research Foundation. Foto: Ole Berg-Rusten / NTB
Mostra di più

La NATO avrebbe potuto fare di più

Lo studioso Ulrichsen afferma che in molti paesi della NATO ci sono voci che chiedono alla NATO di intervenire militarmente in Ucraina. Dall’invasione russa dell’Ucraina, Ulrichsen crede di aver notato un’evoluzione nelle sanzioni che sono disposti a imporre alla Russia e nelle armi che desiderano consegnare all’Ucraina.

– È chiaro che la NATO avrebbe potuto fare di più se avesse voluto, ad esempio, consegnare più armi all’Ucraina. Se si pensa che la guerra durerà a lungo, allora forse si dovrebbe iniziare ad addestrare gli ucraini all’uso dei sistemi d’arma occidentali, aumentando allo stesso tempo la produzione di questi sistemi, dice Ulrichsen.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto alla Norvegia di consegnare il sistema di difesa aerea NASAMS all’Ucraina quando ha parlato al Parlamento. Si stima che ci vorrà un mese per addestrare gli ucraini all’uso dell’attuale sistema d’arma.

attacchi: Questo video mostra un attacco russo alla città ucraina di Mykolaiv.
Mostra di più

Il contributo della Norvegia

Prima che Odd Roger Enoksen (Sp) si dimettesse da ministro della Difesa, Dagbladet ha detto che il governo studiava costantemente con cosa poteva aiutare l’Ucraina e come farlo.

– Dobbiamo prendere in considerazione ciò di cui abbiamo bisogno noi stessi e ciò che possiamo contribuire, forse una combinazione di assistenza finanziaria e alcuni sistemi d’arma. Non voglio rispondere in modo specifico sulla NASAMS, ma voglio dire che pensiamo costantemente a cosa possiamo contribuire, ha detto Enoksen a Dagbladet.

READ  Il milionario si è dichiarato colpevole di aver ucciso il suo migliore amico