Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nuova decisione dell’Italia potrebbe portare a più morti nel Mediterraneo

Medici Senza Frontiere e altre 20 organizzazioni sono profondamente preoccupate per il fatto che le autorità italiane stiano ancora una volta tentando di bloccare gli aiuti di emergenza salvavita nel Mediterraneo.

Un nuovo decreto italiano firmato dal presidente italiano il 2 gennaio di quest’anno ridurrà la capacità delle aziende di salvare vite umane nel Mediterraneo. La decisione renderà ancora più pericolosa quella che è già una delle rotte migratorie più pericolose al mondo.

Dopo aver eseguito un salvataggio, il governo italiano richiede che le navi di soccorso civile procedano immediatamente verso l’Italia. Poiché le navi di soccorso di solito eseguono più salvataggi per diversi giorni prima di scendere a terra, ciò può ritardare ulteriori soccorsi.

La decisione prende di mira le organizzazioni non governative impegnate nella ricerca e soccorso, ma a farne le spese sono le persone in fuga dal Mediterraneo centrale.

Dal 2014, le navi di soccorso civile hanno riempito il vuoto lasciato intenzionalmente quando i paesi europei hanno concluso le loro operazioni nazionali di ricerca e salvataggio. Il lavoro delle organizzazioni non governative è fondamentale per prevenire ulteriori morti in mare. Allo stesso tempo, le aziende seguono sempre le leggi applicabili.

Tuttavia, gli Stati membri dell’UE, in particolare l’Italia, hanno cercato per anni di impedire le operazioni di ricerca e salvataggio dei civili diffamando, molestando amministrativamente e criminalizzando le ONG e gli attivisti.

C’è una legge completa

Molte leggi e regolamenti per le operazioni di ricerca e salvataggio esistono già nel diritto del mare (UNCLOS) e nella Convenzione internazionale sulla ricerca e il salvataggio in mare. Ora il governo italiano ha introdotto un’altra serie di regole per le navi civili di ricerca e soccorso, ostacolando gli sforzi di salvataggio e mettendo le persone in mare a un rischio ancora maggiore.

READ  L'agente di Timo Werner tiene la porta spalancata per Nakelsman

Dirigere immediatamente le navi di soccorso in porto quando altri sono in pericolo in mare è contrario al dovere del capitano. Si tratta di una convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

La situazione è aggravata dalla nuova politica del governo italiano di chiedere alle navi di soccorso di recarsi in porti più lontani, fino a quattro giorni di navigazione dalla posizione della nave.

Entrambe queste procedure sono progettate per mantenere le navi di ricerca e soccorso fuori dalla zona di ricerca e soccorso per periodi di tempo più lunghi e rendere più difficile per le navi assistere le persone in difficoltà. Le organizzazioni non governative sono già sotto pressione a causa del mancato impegno dei paesi europei a effettuare operazioni di salvataggio in mare. Ancora meno navi di soccorso potrebbero portare all’annegamento di più persone.

Novembre 2021: rifugiati e migranti soccorsi a 50 chilometri dalla costa libica. Dieci persone sono morte soffocate sotto la barca di legno sovraffollata. Foto: Medici Senza Frontiere / Candida Lopes

Viola il diritto del mare, i diritti umani e le leggi europee

Un altro problema con il mandato è che le compagnie sono obbligate a ottenere informazioni dai sopravvissuti mentre si trovano sulle navi di soccorso. Il suo scopo è scoprire se esiste un piano per richiedere protezione internazionale e condividere queste informazioni con le autorità. È dovere degli Stati avviare questo processo, non compito di una nave di soccorso civile. Le domande di asilo dovrebbero essere prese in considerazione solo a terra, dopo essere atterrate in un luogo sicuro e dopo aver soddisfatto i bisogni immediati. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) lo ha recentemente chiarito.

Nel complesso, il decreto italiano viola il diritto marittimo internazionale, i diritti umani e il diritto europeo, quindi dovrebbe provocare una forte reazione da parte della Commissione europea, del Parlamento europeo, dei paesi e delle istituzioni europee.

READ  Al terzo gol di Banfield contro il Boca, Daniel Mollo ha iniziato a insultarlo in italiano.

Noi, le organizzazioni civili impegnate nella ricerca e soccorso nel Mediterraneo, chiediamo al governo italiano di ritirare immediatamente il mandato. Chiediamo a tutti i membri dell’Assemblea nazionale italiana di opporsi a questo decreto, impedendo così che diventi legge.

Ciò di cui abbiamo bisogno non è una nuova legislazione politicamente motivata che ostacolerà le operazioni di ricerca e salvataggio salvavita. Gli Stati membri dell’UE devono rispettare il diritto internazionale e marittimo e dobbiamo garantire che gli attori civili possano continuare le operazioni di ricerca e soccorso.

Questo rapporto è firmato dalle seguenti organizzazioni:

Emergency, Luenta Crew, Mare Liberum, Medici Senza Frontiere/Medici Senza Frontiere (MSF), Mediterranea Saving Humans, Mission Lifeline, Open Arms, R42-Childtraining, Rescue – People Saving People, Rescueship, Maritime, Maritime Security Punks, Sea-Eye , Sea-Watch, SOS Humanity, United4Rescue, Watch the Med – Alarm Phone, Borderline-Europe, Menschenrechte ohne Grenzen eV Diritti umani in mare.