Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nuova partnership potrebbe provocare la Cina

La partnership porta il nome di Aukus e consente ai tre paesi di condividere la tecnologia che copre, tra le altre cose, la sicurezza della rete, l’intelligenza artificiale, i sistemi subacquei e le capacità di attacco a lungo raggio.

Lo hanno annunciato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro britannico Boris Johnson e il primo ministro australiano Scott Morrison in una videoconferenza mercoledì sera, ora norvegese.

“Oggi, i nostri paesi stanno entrando nella partnership di prossima generazione costruendo su solide basi di incrollabile fiducia”, ha affermato Morrison.

Abbiamo sempre visto il mondo attraverso la stessa lente. Abbiamo sempre creduto in un mondo che promuove la libertà, rispetta la dignità umana, lo stato di diritto, l’indipendenza degli Stati indipendenti e la pacifica coesistenza degli Stati, ha affermato.

critico: Il primo ministro australiano Scott Morrison non è un uomo popolare in patria in questi giorni. Video: AP
Mostra di più

La Cina può aumentare

La nuova alleanza riflette una tendenza importante in cui importanti partner europei stanno svolgendo un ruolo nella regione indo-pacifica.

Dobbiamo essere in grado di guardare sia all’attuale quadro strategico nella regione che a come potrebbe evolversi, ha affermato Biden.

Johnson ha affermato che l’alleanza consentirà alle tre democrazie di lingua inglese di rafforzare i loro legami e concentrarsi su quella che ha descritto come una parte sempre più complessa del mondo.

Prima che l’accordo fosse raggiunto, un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha cercato di mitigare l’idea che l’alleanza fosse intesa come deterrente per la Cina nella regione. Ha detto che la coalizione non prende di mira nessun paese da solo.

È probabile che la Cina consideri l’accordo di cooperazione tra Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia come una provocazione.

READ  L'uscita di Trump è un duro colpo per i lettori dei media americani

Sottomarini a propulsione nucleare

Come parte della partnership, l’Australia avrà accesso alla tecnologia dei sottomarini nucleari.

“Abbiamo in programma di costruire questi sottomarini nucleari ad Adelaide, in Australia, in stretta collaborazione con gli Stati Uniti e il Regno Unito”, ha affermato Morrison.

I comandanti hanno affermato che i sottomarini nucleari non erano destinati a dotarli di armi nucleari.

Johnson ha sottolineato che i sottomarini opereranno con reattori nucleari e non saranno dotati di armi nucleari, affermando che l’accordo mira a garantire sicurezza e stabilità nella regione indo-pacifica, oltre a creare opportunità di lavoro nel Regno Unito.

L’accordo non è andato bene in Francia. Il gruppo navale francese aveva precedentemente negoziato un accordo del valore di circa 314 miliardi di NOK per vendere dodici sottomarini convenzionali all’Australia.

risentimento francese

– L’Australia non voleva passare alla fase successiva del programma, il che è un’enorme delusione per il Naval Group, che ha fornito all’Australia sottomarini convenzionali ad alte prestazioni, ha detto la società all’AFP.

L’accordo di Naval Group con l’Australia era in ritardo di diversi anni. Il progetto ha superato il budget ed è diventato un argomento nella politica locale australiana.

A giugno, il presidente francese Emmanuel Macron ha promesso il pieno rispetto dell’accordo. Ma un alto funzionario australiano ha detto all’epoca che l’Australia stava considerando delle alternative.