Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La possibilità di “mossa lenta” potrebbe risolvere lo sciopero industriale – E24

Ha colpito parti dell’industria di trasformazione. Uno dei requisiti è la possibilità di un’azione locale, in cui i lavoratori, ad esempio, riducano il ritmo del loro lavoro.

Il presidente del club Christopher Hegelmann ha lanciato il Bertel O. Steen Bergen è un’iniziativa locale per “muoversi lentamente” a favore degli operai delle officine.
Inserito: Inserito:

I negoziati tra Industri Energi e Norsk Industri sono stati interrotti dal datore di lavoro in merito all’accordo elettrochimico il 4 maggio. Lunedì sera le due parti sono andate alla mediazione, ma non è servito a nulla.

Il conflitto ruota, tra l’altro, sui mezzi di pressione nelle negoziazioni locali, che i dipendenti oggi non hanno. Tali azioni locali potrebbero essere, ad esempio, “muoviti lentamente”, come facevano ora gli operai delle officine di Bertel O.. Sten Bergen.

“Auguro a tutti coloro che stanno negoziando di avere uno strumento in grado di bilanciare gli equilibri di potere”, afferma il leader del club Christopher Hegelmann al Bertel o Steen a Bergen.

Alla fine di luglio, le trattative salariali locali si sono interrotte, quando i lavoratori dell’officina non hanno concordato con il datore di lavoro sulle condizioni salariali. Ora i dipendenti hanno ridotto il ritmo di lavoro del 45%. I loro stipendi saranno ridotti di conseguenza.

“Ovviamente dobbiamo disporre degli strumenti per garantire che, dal lato dei dipendenti, otteniamo anche la nostra giusta quota dei risultati generati dalle nostre stesse mani”, afferma Hegelmann.

Leggi anche

Presidente NHO sullo sciopero: – Non puoi mai arrenderti

– modalità di costo

Secondo il capitano del club di Bergen, i lavoratori dell’industria in sciopero possono aspettarsi una forma di azione che riguarderà sia datore di lavoro che dipendente se vogliono prendere slancio nelle trattative con Industri Energi.

READ  Si ritiene che il Liverpool stia raggiungendo un record di vendite dopo essere sopravvissuto all'epidemia

– Crea una situazione di costo. Non è un successo, ma ha più o meno lo stesso effetto. Hegelmann dice che l’azienda non ottiene il fatturato completo e noi non riceviamo lo stipendio pieno.

– Cosa ti sarebbe successo senza questo strumento?

– Se non abbiamo l’opportunità di fare pressione sulla società, siamo un po’ più deboli, dice il capitano del club.

Kristin Niergaard, ricercatrice presso FAFO.

Vera minaccia

Sarebbe troppo lontano per l’industria norvegese accettare il diritto di lavorare nei negoziati locali come parte dell’accordo nello sciopero industriale in corso, afferma Kristin Niergaard, ricercatrice presso FAVO.

È visto come una vera minaccia e un mezzo di potere da parte del dipendente sul datore di lavoro, dice.

A partire da lunedì, altre 655 persone di Hydro Aluminium Sunndal e 444 membri di Alcoa Mosjøen hanno scioperato. In totale, ci sono più di 2.500 scioperanti in un certo numero di imprese industriali.

Dopo che le parti dell’accordo quadro hanno concordato un contratto collettivo, iniziano gradualmente le trattative locali con l’azienda. Per gran parte della cosiddetta “professione in prima linea”, è possibile che un dipendente aziendale avvii una procedura “a passo lento”.

– In assenza di un accordo nelle trattative locali, il sindacato può recedere dall’accordo sul sistema salariale. E poi hai un mese per approvare. E se non c’è accordo, il sindacato può ricorrere al cosiddetto abbassamento dei tempi. Quindi i lavoratori ottengono il 45% in meno di tempo e ottengono il 45% della paga, dice.

In altre parti della vita lavorativa, le trattative domestiche sono condotte senza tale diritto al lavoro. Ciò significa che le parti locali devono essere d’accordo. Gli imprenditori spesso hanno l’ultima parola in tali negoziati se non viene raggiunto un accordo.

forma di lavoro positiva

Dice il capitano del club al Bertel O. Steen preferisce vedere che non è necessario usare tali mezzi di forza.

Tuttavia, apprezza il fatto che abbiano un tale strumento nei negoziati.

– Vorresti che l’industria di trasformazione avesse lo stesso strumento?

– Certamente auguro a tutti coloro che conducono negoziati di disporre di uno strumento in grado di bilanciare gli equilibri di potere, afferma.