Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La puntura è criticata da tutte le parti:

La Francia risponde con incredulità e rabbia all’annuncio del presidente Joe Biden che gli Stati Uniti collaboreranno con Gran Bretagna e Australia per tenere il passo con la minaccia proveniente dalla Cina. Come parte dell’accordo, gli Stati Uniti condivideranno una tecnologia altamente avanzata con l’Australia, che, tra l’altro, costruirà più sottomarini nucleari nei prossimi anni.

I francesi descrivono la partnership come “brutale e imprevedibile”, affermando che la decisione improvvisa “ci ricorda qualcosa che farebbe Donald Trump”.

arrabbiato e amareggiato

Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian è stato il primo a criticare la cooperazione avvenuta in un’intervista radiofonica a France Info.

– Sono arrabbiato e molto amareggiato. Il Segretario di Stato ha affermato che questo non è il modo in cui agiscono gli alleati.

Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian mette a confronto Joe Biden e Donald Trump. Fotografia: Karim Jaafar/AFP

Poco dopo, Le Drian e il Segretario alla Difesa Florence Parly hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui hanno spiegato cosa pensava l’accordo:

La decisione degli Stati Uniti di escludere un alleato e partner europeo come la Francia è sfortunata e priva di significato. Agenzia di stampa.

Il fatto che il Segretario di Stato stia paragonando il presidente Biden al suo predecessore alla Casa Bianca non passerà inosservato al democratico, ma Le Drian non aveva intenzione di cedere.

600 miliardi di fumi

Nel 2016 la Francia ha concluso un accordo simile con l’Australia, secondo il quale doveva aiutare gli australiani con sottomarini, che sono molto meno avanzati di quelli che l’Australia ora riceve dagli Stati Uniti. L’accordo è costato circa 600 miliardi di NOK, ma è diventato improvvisamente inutile durante la notte. La Francia annuncia ora un’azione legale contro l’Australia.

– Ci hanno pugnalato alle spalle. Abbiamo costruito una fiducia reciproca con l’Australia e questa fiducia è stata infranta, afferma Le Drian.

L'Australia e il Primo Ministro Scott Morrison stanno investendo in diversi sottomarini nucleari statunitensi, qui da Pearl Harbor.

L’Australia e il Primo Ministro Scott Morrison stanno investendo in diversi sottomarini nucleari statunitensi, qui da Pearl Harbor. Foto: US Navy tramite AP

E quando l’ultimo accordo è stato presentato in una conferenza stampa giovedì sera, il primo ministro Scott Morrison non ha menzionato la Francia una volta. Anche Franks non era coinvolto nelle trattative per il nuovo accordo e avrebbe ricevuto solo cinque ore di preavviso dall’Australia.

– L’abbiamo scoperto mercoledì, dice il segretario alla Difesa Barley.

L’Unione Europea risponde

Resta da vedere quanto questo sia serio per le relazioni tra Stati Uniti e Francia. Ma il fatto che i francesi siano profondamente turbati è fuor di dubbio. Giovedì hanno annullato una cena di stato presso l’ambasciata a Washington, D.C., che doveva celebrare il rapporto tra i due paesi, scrive. Il New York Times.

L'accordo è una sconfitta economica e diplomatica per Emmanuel Macron, a sette mesi dalle elezioni.

L’accordo è una sconfitta economica e diplomatica per Emmanuel Macron, a sette mesi dalle elezioni. Foto: Ludovic Marin/AFP

Oltre alle ricadute economiche, l’ultimo accordo rappresenta una sconfitta diplomatica per il presidente Emmanuel Macron, che da diversi anni lavora per aumentare la presenza della Francia nel Pacifico. Tra sette mesi Macron si ricandiderà in Francia e i suoi avversari politici ora stanno approfittando della sconfitta con tutto ciò che si meritano.

– Questo è un disastro politico e un insulto pubblico, afferma la leader dell’opposizione Marine Le Pen, che ritiene che l’accordo danneggi la reputazione della Francia.

Il pungiglione è rotto

Quando Biden è entrato in carica come presidente a gennaio, il messaggio era chiaro: “Gli Stati Uniti sono tornati”. Donald Trump ha mostrato a lungo la sua sfiducia sia nei confronti dei vecchi alleati che degli accordi internazionali, ma ora è finita. Attraverso il caotico ritiro in Afghanistan e l’accordo con l’Australia, il presidente è riuscito in breve tempo a offendere diversi alleati chiave.

La puntura ha messo i piedi non solo alla Francia, ma all’intera Unione Europea. Il leader della politica estera dell’Unione, Josep Borrell, risponde con forza al fatto che non è mai stato chiesto loro di partecipare ai negoziati.

Josep Borrell ha risposto che l'UE non è stata inclusa nei negoziati.

Josep Borrell ha risposto che l’UE non è stata inclusa nei negoziati. Foto: Julian Warnan/Reuters

– Dubito che un accordo come questo sia stato stipulato in un giorno. Tuttavia, non siamo stati informati, dice Borrell. Lo stesso giorno, l’Unione Europea ha presentato una strategia nuova e aggiornata su come l’unione potrebbe diventare più indipendente in futuro, segnalando che i 27 Stati membri non considerano abbastanza le promesse elettorali di Biden.

Lottando in patria e all’estero

Anche la Cina sta reagendo all’accordo come previsto e ritiene che gli Stati Uniti minaccino la stabilità della regione.Dopo il contraccolpo, giovedì l’amministrazione Biden è stata impegnata a riparare il danno.

Il presidente è concentrato sul mantenimento e sulla prosecuzione della nostra stretta relazione con i leader in Francia, Regno Unito e Australia per raggiungere i nostri obiettivi internazionali, afferma il segretario stampa Jen Psaki.

Tuttavia, la Casa Bianca è chiara sul fatto che l’Unione Europea e la Francia non hanno il diritto automatico di partecipare alla politica estera degli Stati Uniti.

– Abbiamo molti accordi di cooperazione che includono la Francia e alcuni accordi di cooperazione che non la includono. Psaki sottolinea che hanno accordi di cooperazione con altri paesi che non includono noi.

– Così funziona la diplomazia, aggiunge.

Il segretario stampa Jen Psaki ha respinto le critiche dell'Unione europea e della Francia.

Il segretario stampa Jen Psaki ha respinto le critiche dell’Unione europea e della Francia. Foto: Leah Millis/Reuters

Il clamore francese arriva nello stesso momento in cui Biden sta affrontando sempre più opposizione anche in casa. Un recente sondaggio ha mostrato che il 44 percento degli americani pensa che il presidente stia facendo un buon lavoro, mentre il 50 percento ha risposto il contrario. scrive Reuters.

La popolarità della puntura è esplosa da metà agosto, quando il governo afghano è crollato e i decessi per coronavirus sono aumentati in diversi luoghi degli Stati Uniti. Il sondaggio mostra che Biden è al massimo della sua impopolarità da quando è diventato presidente, anche se paragonare la Francia a Trump può sembrare un po’ duro. Nel frattempo, durante la sua presidenza, il 38% degli americani ha affermato che Trump ha fatto un buon lavoro, mentre il 57% non è d’accordo.

READ  La Gran Bretagna invia navi da guerra nel Jersey dopo una disputa sui diritti di pesca dopo la Brexit