giovedì, Giugno 20, 2024

La ricerca mostra che l’immigrazione in generale non porta ad un aumento della criminalità

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

La ricerca in criminologia e socioeconomia è coerente. L’aumento dell’immigrazione non porta ad un aumento dei crimini, scrivono gli autori della pubblicazione.

D’altro canto, appare evidente che i media esagerano il livello della criminalità.

Questi sono i fatti. Eventuali opinioni espresse nel testo sono di responsabilità dell’autore. Se desideri sottoporre una proposta di articolo, puoi leggere come qui.

I media norvegesi hanno recentemente acquisito una comprensione della realtà secondo cui l’immigrazione porta alla criminalità, cosa che si basa in gran parte sull’attuale problema delle bande in Svezia.

Pertanto, forse sorprende la maggior parte delle persone che l’ampia letteratura di ricerca quantitativa non trovi alcuna relazione di questo tipo tra immigrazione e criminalità. D’altra parte, la ricerca mostra chiaramente che i media esagerano il livello di criminalità e che ciò influenza ciò che le persone pensano e pensano riguardo alla criminalità e all’immigrazione.

L’aumento dell’immigrazione non porta a più criminalità

Il rapporto tra immigrazione e criminalità interessa da tempo ricercatori e altri in molti paesi. C’erano anche molte variazioni casuali nella migrazione tra diversi paesi e città e in tempi diversi, il che ha fornito buone opportunità per studiare le relazioni causali.

Sia in criminologia che nel nostro campo dell’economia professionale sono stati condotti numerosi studi su questo tema. In effetti, sono stati condotti anche molti studi descrittivi. La conclusione generale è che l’aumento dell’immigrazione non porta ad un aumento della criminalità.

Per la revisione 51 Precedenti studi di criminologia Si è scoperto che l’immigrazione ha in realtà un effetto negativo, ma limitato, sulla criminalità. l’anno scorso “venni”Il più moderno e completo» Rassegna della letteratura sulla ricerca sociale ed economica nella regione. Il rapporto rileva che l’immigrazione generalmente riduce la criminalità, ma in alcuni casi può portare ad un aumento della criminalità contro altri immigrati.

In effetti, l’immigrazione ha un effetto negativo, ma limitato, sulla criminalità.

Alcune ricerche si basano su dati americani, ma gli studi europei giungono alle stesse conclusioni. Uno Stare Egli dimostra, ad esempio, che non vi è stato alcun aumento della violenza e della criminalità nel Regno Unito quando sono arrivati ​​più migranti dall’Europa orientale dopo l’allargamento dell’UE nel 2004. Inoltre non riscontra alcun aumento della criminalità a seguito del forte aumento delle domande di asilo. . Il numero di richiedenti asilo nel Regno Unito negli anni ’90, ad eccezione di un leggero aumento delle rapine.

ricercatori italiani Ha scoperto che l’aumento dell’immigrazione negli anni ’90 a seguito delle guerre civili in Jugoslavia non ha portato nemmeno ad un aumento della criminalità.

I media influenzano la percezione delle persone

Allora cosa spiega la preoccupazione che l’immigrazione porti a più criminalità? Alcuni ricercatori indicano i media come possibile spiegazione.

Nuovo documento di ricerca Dimostra che anche se l’immigrazione non influisce sulla criminalità in Cile, rende comunque le persone più preoccupate per la criminalità. I ricercatori spiegano ciò con il fatto che i crimini commessi dagli immigrati ricevono molta più attenzione da parte dei media rispetto ad altri crimini.

Un altro studio lo ha scoperto media svizzeri Modella la percezione delle persone dell’immigrazione e della criminalità.

I crimini commessi dagli immigrati ricevono molta più attenzione da parte dei media rispetto ad altri crimini

Ricercatori Si è inoltre scoperto che i media contribuiscono a far credere alla maggior parte degli americani che la criminalità sia in aumento, sebbene sia diminuita significativamente negli ultimi anni.

In Italia Per un lungo periodo di tempo ci sono stati anche malintesi significativi riguardo al livello di criminalità. La rete televisiva di Berlusconi fornisce una copertura iperbolica della criminalità. Ma quando fu introdotta la televisione digitale e le persone ebbero accesso ad altri punti di vista, la gente ebbe una percezione più sana del livello di criminalità nel paese.

Non è possibile trarre conclusioni

Questi risultati si uniscono a una lunga serie di risultati di ricerca che dimostrano la misura in cui i media influenzano effettivamente le percezioni e le preferenze politiche. Quando Fox News si è affermata in nuove città americane, i repubblicani hanno ricevuto più voti in quelle città. Ricercatori Fox News ha stimato che fino al 28% dei suoi telespettatori cambierebbe partito.

Non c’è dubbio che la Svezia abbia grossi problemi con la violenza e la criminalità organizzata, e gli immigrati sono sovrarappresentati nelle bande. Anche in Norvegia. Ma non è facile trarre conclusioni sulle relazioni causali sulla base di tale osservazione. Ad esempio, è del tutto inimmaginabile l’effetto opposto, cioè che i migranti finiscano in aree e province sovraccariche se hanno meno accesso all’istruzione e al lavoro rispetto ad altri.

Nel corso degli anni la Svezia ha preso anche molte altre decisioni politiche riguardanti l’apartheid, la pianificazione urbana, la politica sulla droga e molte altre cose che possono influenzare anche la criminalità, forse in concomitanza con l’immigrazione. Ma questi sono i fattori su cui i media e i politici preoccupati dovrebbero concentrarsi, poiché la migrazione porta vantaggi economici molto significativi per entrambi Gli stessi immigrati, Paese destinatario E In totale.

Presentazione equilibrata e basata sui fatti

Forse la domanda centrale per la maggior parte dei norvegesi è cosa possiamo fare per evitare problemi legati ai problemi delle bande in Norvegia. Anche in questo caso la ricerca può fornire spunti utili.

parecchi studi Sembra che sia importante non ritardare l’accesso dei migranti al mercato del lavoro.

Richiedenti asilo dentro Svizzera Le persone esposte alla guerra civile durante l’infanzia hanno il 35% in più di probabilità di commettere crimini violenti, ma se vengono integrate nel mercato del lavoro, due terzi della differenza scompaiono.

nuovo di zecca La ricerca mostra matematicamente come posizionare geograficamente i rifugiati in modo ottimale.

È positivo che la Norvegia abbia un dialogo aperto sulla criminalità, in cui venga dato spazio alle voci critiche nei confronti dell’immigrazione, che apparentemente si sono sentite messe a tacere per molto tempo. Ma i media sono fantastici impatto Sulla percezione delle persone dell’argomento. È quindi molto importante che ci forniscano una presentazione equilibrata e basata sui fatti di ciò che effettivamente mostra la ricerca.

READ  - L'Occidente pensa a una "soluzione finale" - VG

More articles

Latest article