Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La ricetta per parlare di Israele e Palestina in completa armonia

La ricetta per parlare di Israele e Palestina in completa armonia

Come si può discutere della guerra tra Israele e Hamas senza sfociare in un disastro? Abbiamo chiesto ad un esperto.

Il 15 ottobre Med Israel for Peace ha organizzato una manifestazione a sostegno di Israele in piazza Eidsfols. La polizia tiene a distanza i contro-manifestanti.

La versione breve

L’attacco terroristico di Hamas contro Israele il 7 ottobre e il bombardamento israeliano di Gaza hanno suscitato forti emozioni.

Una parola sbagliata e puoi essere accusato di sostenere lo sterminio degli ebrei o il genocidio contro i palestinesi.

Come possiamo parlare tra noi del conflitto israelo-palestinese?

L’Aftenposten ha chiesto a Lisa Church, professoressa di dialogo per la pace e autrice di Il piccolo libro di dialogo per conversazioni difficili, di offrire qualche consiglio.

Il trauma è un cattivo interlocutore

– Se vogliamo raggiungere una soluzione politica, deve essere la coesistenza. Ciò richiede che ascoltiamo la narrazione reciproca, afferma Church.

È piu facile a dirsi che a farsi. Perché quando il dibattito sul conflitto israelo-palestinese diventa così feroce come lo è oggi, secondo Church, ciò è dovuto principalmente a una cosa: il trauma.

Non solo i nostri traumi, ma anche l’esperienza dei traumi storici o con i quali ci identifichiamo con i traumi e le perdite degli altri.

Il trauma ci riporta al cervello rettiliano, che è controllato dalle emozioni e dalla paura. Ciò rende difficile l’accesso al lobo frontale del cervello dove possiamo pensare e ascoltare. Quindi parti di questo sono legate alle neuroscienze.

Qualcuno deve fermare questo circolo vizioso

Perché quando ci sono forti emozioni da entrambe le parti, c’è solo una cosa che può farci uscire dal cervello rettiliano:

-Devi sentirti visto. Una volta che hai la sensazione che l’altra persona ti capisca, la ricerca mostra che sei più disposto ad ascoltare il punto di vista dell’altra persona, dice.

Allo stesso tempo, il professore riconosce la difficoltà di uscire da questo circolo vizioso. Ci vuole almeno un passo per allontanarsi dall’urlare e scegliere invece di ascoltare.

Pertanto, spesso può essere necessario avere un mediatore, qualcuno che possa vedere entrambe le parti e aiutarle a vedersi.

Entrambi si considerano oppressi

L’altra cosa che Shersh pensa che la gente debba capire riguardo al dibattito israelo-palestinese è che entrambe le parti si considerano oppresse o minoritarie.

– Sebbene Israele sia una potenza nucleare e possieda potere militare e politico, è l’unico stato ebraico al mondo, circondato da paesi ostili. La loro narrazione, dice, è che sono vittime dell’antisemitismo da migliaia di anni.

La storia dei palestinesi è che non hanno i loro diritti, non hanno un proprio Stato e non hanno un proprio esercito ad eccezione di Hamas. Inoltre, ritengono che il mondo soffra di islamofobia e ignori la loro situazione.

– Questo rende molto difficile parlarne, perché entrambe le parti hanno una forte esperienza di vittima, dice Church.

Sabato il Comitato Palestinese ha organizzato una manifestazione per Gaza e per una Palestina libera davanti al Parlamento.

Sabato il Comitato Palestinese ha organizzato una manifestazione per Gaza e per una Palestina libera davanti al Parlamento.

Fai attenzione al linguaggio

Ci sono state polemiche in molti paesi a causa del grido di battaglia contro la guerra di uno dei treni: “Dal fiume al mare, la Palestina sarà libera”. Che qui significa dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo.

Church lo evidenzia come un esempio in cui le due parti si fraintendono a vicenda.

I manifestanti filo-palestinesi potrebbero significare che ai palestinesi dovrebbe essere consentito di essere liberi sia in Palestina che in Israele. I sostenitori di Israele credono che voglia rimuovere Israele dalla mappa.

– Entrambe le parti sentono che l’altra parte vuole commettere un genocidio contro di loro. Dobbiamo fare tutto il possibile per indebolire queste minacce e rassicurarci a vicenda che esiste una soluzione politica attraverso la coesistenza.

Crede che i filo-palestinesi dovrebbero condannare gli attacchi terroristici di Hamas e che i sostenitori filo-israeliani dovrebbero denunciare le narrazioni di estrema destra sulla pulizia etnica dei palestinesi.

Quindi ecco la ricetta di Church su come abbassare la temperatura in un dibattito.

Lui ascolta

Inizia chiedendo all’altra persona le sue esperienze personali. Cerca di capire perché pensa quello che pensa e lascia che racconti la sua storia.

– Allora stai lontano dalle notizie ripetitive e dalle storie di propaganda. Lo storytelling può togliere il tono e l’atmosfera di una conversazione, dice Church.

identificare

Mostra all’altra parte che capisci la sua versione. Questo può essere fatto dal broker o da te.

La parafrasi è uno strumento importante qui. Ciò può abbassare i livelli di shock di una persona, perché si sente sicura. Ciò significa che ripeti le argomentazioni dell’altra persona con parole tue per dimostrare che hai capito.

Fare domande

Invece di affermare la posizione dell’altra persona, chiedigli cosa pensa. Sii aperto al fatto che ciò che intende riguardo a qualcosa, o il modo in cui usa una parola, è diverso da ciò che pensavi.

Trova un terreno comune

Trovando un terreno comune, possiamo vederci più come persone.

– Il punto principale è che siamo tutti felici con le nostre famiglie e i nostri figli. È terribile vedere i bambini soffrire come hanno sofferto il 7 ottobre o come stanno soffrendo oggi a Gaza o in Cisgiordania.

Per incontrarsi

Ricorda che sono entrambi in modalità difesa, quindi dai un po’ per abbassare i loro scudi. – Condannare il terrorismo di Hamas e l’incitamento alla violenza contro gli ebrei. – Condannare i bombardamenti sui civili e le violenze contro i palestinesi.

Non portare la discussione sui social media

Infine, Scircch ha un consiglio: non portare questa discussione sui social media.

-Sono stati progettati come arene di wrestling. Sono governati da un modello che premia l’ostilità.

Invece dei social media, osa iniziare la conversazione alla tua prossima festa. E osa ascoltare.

READ  Vacanze, Italia | Sempre più città mediterranee stanno recuperando questa tendenza: se lo fai, rischi una multa di 500 euro