Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La rivolta contadina globale è appena iniziata

28-06-2022 L’Aia, Paesi Bassi: gli agricoltori protestano contro le misure per ridurre le emissioni di azoto.

L’Olanda ha iniziato l’onda allora Protesta degli agricoltori olandesi Contro la proposta del governo sulle normative ambientali per la riduzione delle emissioni inquinanti. Il governo dell’Aia ha proposto un programma per ridurre le emissioni di ossido nitrico e ammoniaca dal bestiame del 50% entro il 2030.

Ciò potrebbe costringere il 30% delle aziende agricole del paese a chiudere l’attività, secondo l’Associazione degli agricoltori olandesi.

Gli agricoltori olandesi sono scesi in piazza per protestare contro i regolamenti imminenti, bloccando le strade principali e gli ingressi dei supermercati.

  1. Luglio:

I contadini olandesi arrabbiati chiudono il confine con la Germania

5 luglio

agricoltori olandesi

6 luglio

Paesi Bassi: il governo usa mezzi corazzati per il trasporto di personale contro i manifestanti degli agricoltori!

7 luglio

La protesta si è diffusa in Olanda

Anche Germania e Polonia

Subito dopo aver smesso di fumare contadini tedeschi per i manifestanti olandesi per bloccare il loro confine comune.

La stessa Germania ha visto le sue associazioni di agricoltori lottare contro un emendamento recentemente adottato alla sua legge sulle energie rinnovabili Bundestag. Sebbene miri ad accelerare l’espansione di Berlino verso l’energia rinnovabile, il gruppo si rammarica che il cambiamento non fornisca un supporto sufficiente per la produzione di biogas.

“È del tutto incomprensibile che nel bel mezzo di una crisi energetica di vasta portata, una fonte di energia domestica sostenibile come il biogas stia rallentando la produzione di elettricità, calore e biometano”, ha affermato Bernard Kruskin, segretario generale della Germania Agricoltori. ‘ associazione.

Vedi anche commento su Gonzalo Lyra:

caldo in italia

Oltre alla siccità che sta affrontando l’Italia, sale il caldo per le crescenti proteste dei contadini sulle strade delle zone rurali. I conducenti di trattori che bloccano le strade principali minacciano di “venire a Roma” se l’inerzia del governo continua.

L’Italia all’inizio di questa settimana ha dichiarato lo stato di emergenza in cinque regioni poiché le parti settentrionali del paese affrontano una siccità economicamente minacciosa. Il fiume più grande del Paese, il Po, che genera circa il 14% della produzione agricola italiana, è al livello più basso degli ultimi 70 anni.

L’Unione Italiana Agricoltori stima in 3 miliardi di euro i danni dovuti alla scarsità d’acqua.

“Abbiamo il 30% in meno di produzione di latte e circa il 30-40% in meno di grano e mais”, ha affermato Fabio Bonacorso, portavoce dell’Unione Nazionale Contadina Coldiretti.

Il governo dovrebbe essere consapevole di ciò che sta accadendo, afferma Monika Przyorska, direttrice dell’Istituto agricolo polacco, e aggiunge che il governo olandese Trattare gli agricoltori come “terroristi”.

Ci sarà una rivolta globale?

In alcuni paesi è attualmente in corso una rivolta contadina. È corretto dire che una rivolta globale? Naturalmente, non possiamo saperlo con certezza.

Quello che possiamo sapere per certo è che le multinazionali del settore agroalimentare ei loro politici di compravendita alle Nazioni Unite e nei governi nazionali hanno lanciato un attacco pubblico al sistema alimentare globale. Mirano a rompere il modo tradizionale di produrre cibo ed energia attraverso metodi di produzione che rafforzerebbero il potere del capitale agricolo e getterebbero centinaia di milioni di agricoltori in una difficile crisi da affrontare.

In collaborazione con l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, il World Economic Forum ha sviluppato un programma basato su tecnologia e capitali per trasformare il sistema agricolo in tutto il pianeta: Trasformare i sistemi alimentari: percorsi verso l’innovazione guidata dallo stato.

Il programma è guidato da istituzioni come la Bayer Foundation, la Bill and Melinda Gates Foundation, la Commissione Europea, la Banca Mondiale e il World Economic Forum.

Gli attacchi dell’UE contro gli agricoltori sono perfettamente in linea con quanto dettato lì. Allo stesso tempo, i governi del mondo non hanno molto da fare. Il blocco li ha indebitati molto più che mai dalla seconda guerra mondiale. Pertanto, è probabile che scintille provenienti da Olanda, Germania e Polonia appiccichino incendi anche in molti altri luoghi.

CampagnaSupportaci

READ  Lancia il proprio test della batteria per le auto elettriche usate