sabato, Giugno 22, 2024

La tappa del Giro d’Italia è stata notevolmente accorciata dopo un ultimo avvertimento da parte dei corridori

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Martedì il Giro d’Italia ha richiesto modifiche al percorso. Foto: Fabio Ferrari/La Presse via AP/NTB

La tappa di martedì del Giro d’Italia verrà modificata dopo che i corridori hanno dato un ultimatum all’organizzatore. Forti piogge, freddo e paura di movimenti delle forze di sicurezza.

Martedì si sono verificati disordini legati al passaggio del passo del Monte Umbril nella 16a tappa. Una previsione meteorologica di pioggia e neve, oltre a basse temperature, ha costretto corridori e team a fermarsi nelle ore mattutine.

In una dichiarazione congiunta, l’Associazione ciclistica CPA ha chiesto ai ciclisti di rimuovere il passo di montagna dalla tappa odierna. Hanno chiarito che i ciclisti non sarebbero partiti se non fossero state apportate modifiche.

Ciò ha portato ad attività di incontro molto frenetiche. Quando avrebbe dovuto svolgersi la prevista partenza da Livigno non c’erano ancora chiarimenti definitivi ed ufficiali. Le “trattative” tra i corridori e l’organizzatore erano in pieno svolgimento.

Contemporaneamente a Livigno è caduta la neve rendendo le condizioni molto sgradevoli.

Finalmente è arrivato il chiarimento che tutti aspettavano. La partenza della tappa sarà spostata oltre l’Umbrail Pass. Lo ha confermato a Eurosport il presidente del Giro, Mauro Vegni.

– Dice: “Quello che abbiamo raggiunto è un compromesso tra ciò che vogliamo e ciò che vogliono i piloti.”

Attualmente sono in corso i lavori per spostare i corridori nella nuova posizione di partenza.

– inaccettabile

Il leader del CPA Adam Hansen ha parlato X condiviso Il comunicato inviato martedì mattina dall’associazione all’amministrazione delle corse in Italia.

“Non vogliono cavalcare come appare adesso. Ciò sottolinea la gravità della situazione e la necessità di un’azione immediata”, afferma il rapporto.

L’organizzatore aveva già annunciato lunedì sera che erano stati messi in atto dei piani per far fronte al freddo. Tra l’altro è stato proposto di creare un parcheggio in cima al Passo dell’Umbril per dare ai passeggeri la possibilità di cambiarsi gli indumenti bagnati. Il volo verrà quindi neutralizzato per tre minuti.

READ  Premier League, Martin Odegaard | Mikel Arteta si vanta di Martin Odegaard:

È chiaro che questa soluzione non era accettabile per l’Accordo di Pace Globale.

“Siamo nel 2024. Fermare e riprendere la gara in tali circostanze è inaccettabile Come ha detto il direttore sportivo: sarebbe un brutto spettacolo”, ha scritto la federazione nel suo comunicato.

Sono partiti due norvegesi

Anche gli dei del tempo non sono stati gentili con le stelle del ciclismo all’inizio di questa stagione. Durante la Fleche Wallonne Classic, molte delle grandi sezioni laterali del campo si sono raffreddate e hanno dovuto rompersi a causa della neve e del freddo.

Sono state ampiamente diffuse le foto del danese Matthias Skelmoz, costretto dai soccorsi a scendere dalla bicicletta e a portarlo via tremante.

Tobias Vos (ENEOS) e Vegard Steck Laingen (UAE) sono i due norvegesi rimasti al Giro d’Italia. Torstein Træen ha interrotto la gara a causa di un infortunio.

Lo sloveno Tadej Pogacar guida meravigliosamente la gara. Ha quasi sette minuti a disposizione, il secondo classificato Geraint Thomas.

More articles

Latest article