Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La violazione delle regole di Corona mette in dubbio l’affidabilità creditizia del CEO di Credit Suisse

Un’indagine interna dell’importante banca svizzera Credit Suisse ha scoperto che il CEO Antonio Horta Osorio ha violato per la seconda volta le regole di quarantena in relazione al coronavirus. Ciò solleva dubbi sul giudizio personale del dirigente mentre si adopera per risolvere i problemi culturali della banca e la sua reputazione, Scriver Financial Times.

L’indagine ha rivelato che Horta Osorio ha violato le regole di isolamento quando si è recato a Londra nel luglio di quest’anno ed è stato presente alla finale di Wimbledon di tennis mentre in realtà era seduto in isolamento, secondo le regole della Corona britannica. Al momento dell’incidente, le regole dicevano che i viaggiatori dalla Svizzera, come Horta-Osório, dovevano rimanere in isolamento per dieci giorni dopo l’ingresso. Il presidente del Credit Suisse non avrebbe dovuto farlo.

Il Financial Times scrive che l’indagine è stata completata e le risultanze sono state presentate al consiglio di amministrazione della banca, che ora deciderà cosa fare.

Horta-Osório è stato nominato nell’aprile di quest’anno per risolvere i problemi con la cultura e la capacità di gestire il rischio presso la banca svizzera. La combinazione dei due problemi è stata un fattore importante nelle crisi che hanno colpito la banca quest’anno, che ha portato a enormi perdite.

Non è la prima violazione delle regole

Anche in un’occasione precedente, Horta-Osório è stato sorpreso a infrangere le regole di Corona. Nel novembre 2020, ha violato le regole di isolamento svizzere quando ha scelto di abbandonare il periodo di isolamento imposto, tornando a Londra appena tre giorni dopo il suo arrivo in Svizzera.

Successivamente, si è scusato, credendo che violare le regole di Corona fosse un errore e che non avesse infranto le regole di proposito.

Tuttavia, il quotidiano svizzero Blick riferisce che Horta-Osório inizialmente ha chiesto un’esenzione dalle regole di quarantena, ma è stata respinta dalle autorità svizzere.

2021 difficile per la banca

La principale banca svizzera ha affrontato una dura prova nel 2021. La reputazione della banca come la più importante delle principali banche del Paese alpino è a rischio a causa di due scandali, che hanno anche contribuito alla perdita della banca di oltre 800 milioni di dollari nel primo trimestre di quest’anno.

  • La banca è stata pesantemente coinvolta nel ritiro dopo il fallimento della società finanziaria Greensill Capital, che è crollata all’inizio di quest’anno e ha dovuto trattenere un investimento di oltre $ 10 miliardi in Greensell.
  • La banca è finita anche in un angolo di vergogna quando si è saputo che aveva la maggiore esposizione di tutte le istituzioni finanziarie che hanno aiutato le massicce scommesse Archegos Capital del gestore di hedge fund sui singoli titoli, che si sono concluse con la negoziazione del fondo a Pasqua. Credit Suisse ha perso un totale di 5,5 miliardi di dollari Nel caso di Archegos.

Inoltre, era anche Cinque anni di conflitto Tra l’ex chief manager Tijani Thiam e l’ex broker Iqbal Khan è un tema caldo nel 2021. Il conflitto è nato dopo una resa dei conti a un cocktail party e si è concluso con un accordo questa estate. Anche Tijani Thiam si è dimesso dalla carica di direttore della banca nel febbraio 2020.

READ  Molte marche di auto leggendarie potrebbero scomparire

La quota di Credit Suisse finora quest’anno è scesa di circa il 25 percento. In confronto, la quota di UBS, il principale concorrente della banca, aumenterà di circa il 30% nel 2021.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.