Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’allenatore di Ødegaard accusato di frode fiscale: deve comparire in tribunale

Questa settimana, il presidente Martin Odegaard deve comparire in tribunale a Madrid per fornire una spiegazione.

Nell’atto d’accusa, il fisco ha scritto che Ancelotti aveva “L’intento di eludere illegalmente gli obblighi nei confronti delle autorità attraverso l’utilizzo di una complessa rete di società, il cui unico scopo è impedire al fisco di conoscere il destinatario dei proventi dei diritti di immagine”.

Carlo Ancelotti ha allenato il Real Madrid per due stagioni tra il 2013 e il 2015. Nel giugno di quest’anno, molti sono rimasti sorpresi quando l’allenatore italiano è stato nuovamente annunciato per il grande club spagnolo.

Il fisco spagnolo ha subito risposto: appena due giorni dopo il tweet del Real Madrid “Ciao, Ancelotti!”Il club ha ricevuto una lettera per pagare lo stipendio del nuovo allenatore direttamente al Tesoro spagnolo. Secondo il fisco, Ancelotti deve 15 milioni di corone norvegesi.

A fine giugno, appena tre settimane fa, anche Ancelotti è stato inserito in una lista pubblica di persone che devono dei soldi allo Stato spagnolo.

I retroscena del feroce caso che circonda il manager Martin Ødegaard non è noto. Ma i documenti di perdite di calcio Ora rivela cosa sarebbe dovuto succedere.

Football Leaks è una fuga di documenti composta da decine di milioni di e-mail, fogli di calcolo, contratti e presentazioni PowerPoint, consegnati a Der Spiegel. La rivista tedesca ha condiviso il materiale con European Investigative Collaborations (EIC), tra cui VG.

L’essenza della contesa: i cosiddetti “diritti d’immagine”, società in paradisi fiscali con proprietari sconosciuti e un grosso pullman italiano che guadagnano circa cento milioni di corone l’anno.

READ  I tedeschi stanno accumulando oro durante la pandemia - E24
Respinto: Martin Odegaard e Carlo Ancelotti sono entrambi al Real Madrid nel 2021. Foto del 2015. Foto: EFE/NTB

I diritti di immagine sono il diritto di guadagnare denaro dai nomi e dai volti delle celebrità, ad esempio in attività pubblicitarie. Questo è un reddito oltre allo stipendio regolare di una squadra di calcio. Le strutture aziendali creative spesso significano che questo reddito è soggetto a una tassazione inferiore rispetto al normale stipendio.

Diverse stelle del calcio si sono unite al bar negli ultimi anni: Jose Mourinho, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi per citarne alcuni.

Mourinho ha pagato 3,3 milioni di euro con pochissime tasse. Questo doveva essere rimborsato, oltre a una sanzione di 2 milioni di euro, oltre a una sanzione condizionale di 12 mesi.

Ronaldo ha dovuto spendere un totale di 19 milioni di euro di tasse che avrebbe dovuto pagare, più una multa salata, mentre Messi – che ha pagato 4,2 milioni di tasse con pochissime tasse – ha ricevuto una multa di 2 milioni di euro.

Ma ora Carlo Ancelotti si risponderà da solo in aula spagnola.

Il 62enne apparirà venerdì questa settimana davanti a un giudice a Madrid. L’udienza è chiusa. Se il giudice non è soddisfatto delle risposte fornite, la causa passa all’udienza pubblica.

Torniamo all’estate 2013.

Il contratto che ha reso Carlo Ancelotti nuovo allenatore del Real Madrid del 4 luglio:

Contratto: Parti del contratto di Carlo Ancelotti con il Real Madrid, firmato il 4 luglio 2013. Foto: fax

Tuttavia, i metadati nel contratto, così come altre comunicazioni scritte al club, a cui VG e la rete EIC hanno accesso, mostrano che l’accordo era in vigore diversi giorni prima, a giugno.

Già il 26 giugno Lo ha detto pubblicamente anche Ancelotti Come presidente del nuovo riyal.

La differenza nei pochi giorni non è da poco: secondo Der Spiegel, si riscuotono il 24,75% delle tasse se si proviene dall’estero e si lavora in Spagna dopo il 1° luglio. Se ciò si verifica prima di questa data, l’aliquota fiscale sarà del 50 percento.

Con molti giocatori e allenatori con stipendi netti garantiti, in realtà è stato il Real Madrid a salvare i soldi acquisendo un contratto datato luglio.

Ad Ancelotti sono stati promessi 84 milioni di NOK per la prima stagione da allenatore del Real Madrid, poi 107 milioni di NOK nelle due stagioni successive. Il Real Madrid ha anche promesso di pagare 14,7 milioni di corone norvegesi per i ricavi pubblicitari dei “diritti d’immagine” di Ancelotti nella stagione 2013, oltre a poco meno di 19 milioni di corone norvegesi in ciascuna delle due stagioni successive.

Questi soldi sono stati al centro della controversia quando il 62enne è comparso in tribunale questa settimana:

Le autorità spagnole sostengono che gli importi non sono imponibili.

E dall’esterno è difficile dire con certezza dove siano finiti i soldi: Ancelotti ha detto al fisco spagnolo di aver venduto i diritti per usare il suo nome e la sua faccia a Vapia LLP a Londra.

Vapia LLP è di proprietà di Vapia Limited, con sede nelle Isole Vergini britanniche nei Caraibi.

Secondo i registri pubblici britannici, non c’era una vera attività in Vapia LLP: nessuna entrata. senza costi. Le attività totali della società sono poco più di 2.000 NOK.

Il Real Madrid ha comunque pagato un totale di 28,3 milioni di NOK sul conto bancario dell’azienda sull’Isola di Man sul Canale a partire dall’estate 2014. L’Isola di Man è un’isola nota per il suo basso carico fiscale.

Pagato a Man’s Island: il Real Madrid ha trasferito denaro a Vapia LLP nel Canale della Manica. Foto: FAKSIMILE

Dal canto suo, la catena di abbigliamento Nike ha pagato direttamente a Vapia Limited nelle Isole Vergini britanniche: 64.086 euro nel 2014 e 37.500 euro nel 2015. Lo stesso è stato fatto dal marchio di orologi Cecil Purnell (306.007 euro) e Perform Media Sales (56.250 euro). euro).

Chi possiede l’azienda nei Caraibi non è un’informazione pubblica. I paradisi fiscali come le Isole Vergini britanniche sono noti per tasse e discrezionalità basse o nulle.

Il fisco spagnolo ritiene che Carlo Ancelotti possa aver evaso un totale di 1.062.079 euro. Ciò corrisponde a circa 11 milioni di NOK.

Possibile punizione

L’allenatore del Real Madrid rischia una condanna sulla carta se non viene creduto in tribunale:

I pm accusano Carlo Ancelotti di due reati: uno degli anni ha riguardato una somma di oltre 600.000 euro, che sarebbe una grave evasione fiscale, che potrebbe portare a una pena detentiva da due a sei anni. Nel secondo anno l’importo è inferiore a 600.000 euro. Se non ci sono circostanze aggravanti, la pena va da uno a cinque anni di reclusione, afferma un esperto fiscale del ministero delle finanze spagnolo per Der Spiegel.

Pochi pensano, però, che Ancelotti finirà in carcere:

Le autorità fiscali spagnole hanno creato un dipartimento separato per monitorare le finanze degli atleti professionisti. I lavori sono proseguiti per diversi anni. Finora, oltre 150 praticanti sono stati multati, oltre a pagare le tasse originarie.

Der Spiegel, a nome dei partner di EIC e VG, ha posto una serie di domande a Carlo Ancelotti, Real Madrid, consulenti fiscali del club e molti altri giocatori su questo tema. Nessuno voleva commentare il caso o rispondere alle domande.