giovedì, Giugno 20, 2024

Lampedusa: Cinque minuti per comprendere la crisi migratoria che colpisce l’Italia

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Lampedusa è in stato di emergenza da mercoledì sera. L’isola italiana sta attualmente affrontando una forte pressione migratoria. Poiché migliaia di persone sono arrivate nel corso della settimana su quest’isola vicino alla costa del Nord Africa, il primo ministro di estrema destra, Giorgia Meloni, ritiene che la situazione sia “insostenibile”.

Ha chiesto la visita urgente della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, che domenica si recherà a Lampedusa. Berlino ha appena sospeso l’accoglienza volontaria dei richiedenti asilo provenienti da questo Paese a causa delle “forti pressioni migratorie” e del rifiuto di Roma di attuare gli accordi europei.

“Quando abbiamo combattenti per la libertà, persone la cui vita è minacciata nel loro Paese, dobbiamo ovviamente continuare ad accoglierli”, ha detto sabato Elisabeth Borne in un’intervista, mentre Emmanuel Macron il giorno prima difendeva il “dovere europeo di solidarietà” con Italia. .

Com’è la situazione sul posto?

Centinaia di migranti sono già stati trasferiti in Sicilia per portare soccorso alla piccola isola del Mediterraneo, che negli ultimi giorni ha accolto una popolazione più numerosa del solito. Secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per la Migrazione, tra lunedì e mercoledì sono arrivate quasi 8.500 persone su 199 imbarcazioni, mentre la popolazione dell’isola è di solito poco più di 6.000.

Per molti anni l’Italia è stata una delle principali porte di accesso per i migranti che arrivano in Europa dal Nord Africa via mare. Il numero di queste persone è aumentato nel 2023: da gennaio ha raggiunto circa 124.000, rispetto alle 65.500 dello stesso periodo del 2022, secondo i dati del governo italiano.

Molti di loro si trovano sull’isola di Lampedusa, dove mercoledì il centro di accoglienza ha avvertito che la capienza rischia di raggiungere una “soglia critica”. La Croce Rossa Italiana, che da giugno gestisce le strutture progettate per ospitare meno di 400 persone, ha lamentato che attualmente si trovino lì più di 6.000 persone.

READ  Il Play Magnus Council raccomanda un'offerta per l'intera azienda - E24

Cosa sono gli Accordi di Dublino?

Queste migliaia di persone potranno chiedere asilo in Italia, grazie agli Accordi di Dublino, il testo base della politica europea sull’immigrazione legale. Questa disposizione si applica a tutti i ventisette paesi dell’UE, oltre a Norvegia, Svizzera e Liechtenstein. Le loro domande possono essere esaminate solo da un paese dell’UE: il paese in cui il migrante ha messo piede per la prima volta.

Tuttavia questo testo presenta, secondo le autorità dei paesi interessati, alcuni limiti. Alcuni paesi, soprattutto a partire dal 2015, hanno dovuto affrontare pressioni migratorie maggiori rispetto ad altri a causa della loro posizione geografica. Pertanto, Grecia e Italia accolgono un flusso molto importante di migranti nelle loro terre, senza che altri paesi dell’UE condividano equamente questo sostegno.

Come risultato di questi accordi, molte domande di asilo vengono respinte. Alcuni migranti che riescono a raggiungere altri paesi dell’UE, dopo essersi registrati nel paese di ingresso, provano effettivamente a chiedere asilo in Germania o in Francia, ad esempio, ma questi ultimi vengono respinti perché considerati contrari alla legge.

Questa situazione crea quindi una riserva di migranti “dispersi” alle diverse frontiere degli Stati membri. Perché quest’ultimo, che non vuole tornare, resta lì, senza un permesso di soggiorno valido.

Qual è la posizione dell’Italia sulla questione immigrazione?

Il presidente della Commissione europea, con il forte sostegno di Giorgia Meloni, ha firmato lo scorso luglio un accordo con la Tunisia per cercare di limitare il flusso di migranti provenienti dalle coste tunisine, in cambio di un sostegno finanziario per questo paese nordafricano che si trova ad affrontare gravi sfide. Difficoltà economiche… Ma Giorgia Meloni è accusata, soprattutto dalla Germania, di non rispettare gli Accordi di Dublino e quindi di non stare al gioco.

READ  - I super ricchi norvegesi sono attratti dai benefici fiscali offerti dall’Italia

Secondo il quotidiano tedesco Die Welt, il governo italiano non accetta più i richiedenti asilo che desiderano essere trasferiti da altri Paesi. “Su oltre 12.400 richieste di aiuti presentate all’Italia quest’anno fino alla fine di agosto, finora sono stati effettuati dieci trasferimenti”, ha confermato il portavoce del Ministero dell’Interno Maximilian Kahl in una conferenza stampa del governo.

Giorgia Meloni, il cui partito di estrema destra Fratelli d’Italia ha vinto le elezioni parlamentari un anno fa con la promessa di porre fine all’immigrazione di massa, ha detto mercoledì di non essere sorpresa dalla decisione di Berlino. “Il problema dei trasporti è secondario”, ha insistito. Secondo lei, “Il problema (…) è la cessazione degli arrivi in ​​Italia. Ancora non vedo una risposta concreta”.

La Germania, che si oppone a Roma nel trattamento dei migranti provenienti da Lampedusa, sembra voler tendere una mano a Roma, a condizione che il reinsediamento previsto dal Meccanismo Volontario Europeo di Solidarietà possa essere effettuato nuovamente. “Vai” in qualsiasi momento.Se l’Italia sta adempiendo all’obbligo di accogliere i rifugiati secondo le norme dell’UE.

Verso una nuova Carta europea su migrazione e asilo?

Per “alleggerire” il peso di questi paesi in prima linea, da diversi anni l’Unione Europea sta discutendo un nuovo memorandum d’intesa. Secondo la proposta della Commissione europea, che potrebbe essere adottata prima delle elezioni europee del giugno 2024, lo Stato competente per la richiesta potrebbe essere lo Stato in cui il migrante ha legami familiari, dove ha lavorato o studiato, oppure lo Stato in cui è stato rilasciato il permesso di soggiorno . Visa. .

Un’altra soluzione è che i paesi di primo arrivo resterebbero comunque responsabili della richiesta, ma un paese esposto a pressioni migratorie potrebbe richiedere l’attivazione del “meccanismo di solidarietà obbligatorio”.

READ  Analista: "Meraviglioso" per Nordea - meno fortunato per i clienti

È il paese di primo arrivo che deve assumersi la responsabilità del reinsediamento dei rifugiati o del ritorno dei migranti respinti. Se non può riportare i migranti nel loro paese di origine entro otto mesi, deve accoglierli. Si prevede di accelerare il trattamento delle domande di asilo per alcuni migranti alla frontiera, con l’obiettivo di rimpatriarli più facilmente nel paese di origine o di transito. Finora, solo un terzo dei migranti respinti lascia l’Unione Europea.

video. 7.000 migranti sull’isola di Lampedusa hanno dichiarato lo stato di emergenza

Questa Carta mira a coinvolgere tutti i paesi e ad evitare il persistente rifiuto da parte di molti paesi, in particolare del Gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia) di accogliere i migranti.

Sanzioni per i paesi che non stanno al gioco

Bruxelles intende quindi imporre “controlli severi” alle frontiere esterne per escludere più rapidamente i migranti che difficilmente riceveranno protezione internazionale e accelerare le procedure di elaborazione delle loro richieste. In questo modo si potranno trattare 120.000 domande all’anno grazie alla creazione di 120.000 “posti letto” alla frontiera.

È anche possibile creare un sistema di sanzioni per paesi come Polonia e Ungheria che rifiutano di accettare la loro “quota” di richiedenti asilo, con una multa di 20.000 euro imposta a ciascun migrante rifiutato. Tali importi saranno depositati in un fondo gestito dall’UNHCR e finalizzato a finanziare progetti legati alla gestione della migrazione.

More articles

Latest article