Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’arma “segreta” dei Vichinghi è stata insegnata da Mourinho

Durante le partite casalinghe dei Vikings, Pål Fjelde rimane all’oscuro. Si trova direttamente sotto il tetto dello stadio, al livello più alto che puoi raggiungere, e si concentra completamente sull’immagine della partita che appare sullo schermo del tuo laptop.

Segnalo circa 1.000 clip che vengono inviate al banco.

Pål Fjelde, Viking responsabile dell’analisi

In qualità di Head of Analysis, ricerca i dettagli che possono aiutare lo staff tecnico e il team a migliorare continuamente le prestazioni. Per Vigildi il calcio è scienza.

– Durante le partite casalinghe, taggo circa 1.000 clip che sono state inviate in panchina. Poi, abbiamo la comunicazione lungo il percorso, ed eliminiamo un paio di clip di pausa scelte dagli allenatori Morten Jensen e Bjarti Lundy Archim e ci riferiamo all’intera squadra o ai singoli giocatori, spiega Velde.

Il lavoro di analisi ha prodotto risultati. La scorsa stagione, il Viking è stato il club che più spesso è riuscito a cambiare le sorti del gioco dopo la pausa.

L’anno scorso, ad esempio, la squadra è finita in 18 partite di campionato su 30. Ma si è girato e ha guadagnato 26 punti dopo essere sceso sotto di lui. In questa stagione, i Vikings sono stati responsabili di una svolta incrociata quando hanno segnato una vittoria per 0-3 4-3 sul Molde a Røkkeløkka.

Fjelde cita un altro esempio recente. In una partita casalinga dei Vikings il 30 aprile, i Vikings hanno combattuto periodicamente contro l’ultima squadra dell’FK Haugesund nel primo tempo. Mentre la partita volgeva al termine, le maglie blu potevano ancora guidare il primo tempo con un duro 2-1. L’analista di calcio tira fuori il PC, spiega cosa è andato storto e cosa deve aggiustare la squadra durante la pausa.

SHOWS TV 2: Pål Fjelde su TV 2 mostra cosa ha modificato Viking nella partita contro l’FK Haugesund da “tagli in soffitta”. Foto: Bjarte Fossfjell, TV 2

Fjelde, che ora lavorerà anche con la nazionale norvegese A, è chiaro, però, che non può rivelare molto su come opera la squadra di analisi, perché deve nascondere alcuni segreti agli avversari. Ma Fjelde può condividere un po’ con il pubblico.

– Nella partita in casa contro l’FKH, abbiamo visto fino all’intervallo che quando abbiamo aumentato la nostra pressione, l’FKH ha lasciato 6-7 giocatori contro quattro giocatori in difesa. Poi in qualche modo ha dovuto mostrare quella foto durante la pausa a tutta la squadra. La reazione è stata che dovevamo guardarci intorno, assicurandoci che i giocatori seguissero le loro posizioni e mantenessero il loro equilibrio, rivela.

Le metriche basate sull’analisi e sulla panoramica delle foto di Fjelde hanno aiutato. Nella ripresa i Vikings hanno mantenuto le posizioni difensive e nel press match, rifiutandosi di concedere agli avversari lo spazio che avevano loro concesso prima dell’intervallo, e alla fine hanno vinto 5-1.

Guarda come i Vichinghi hanno schiacciato FKH:

Il club ha visto l’importanza

I Vikings sono arrivati ​​​​terzi nella serie Elite la scorsa stagione. In questa stagione, Stavanger ha preso il comando, in testa alla classifica di un punto su Lillstrom dopo i primi sei round della serie. L’obiettivo è lottare per le medaglie anche in questa stagione.

Se riusciamo a guadagnare dal quattro al cinque e sei percento in più con l’aiuto del lavoro di analisi, ne vale la pena

Pal Fjelde

Tuttavia, Fjelde è modesto dato il merito che ha per il successo del lavoro analitico che ha svolto su Pezzi in soffitta.

– È ovviamente complicato, ma penso che ci abbia aiutato a combattere proprio lì al tavolo. Il lavoro analitico è qualcosa che il club considerava importante e noi della prima squadra ne siamo molto contenti. In un certo senso, ci sono margini sempre più piccoli nel grande calcio, e se riusciamo a risparmiare dal quattro al cinque e sei percento in più con l’aiuto del lavoro analitico, ne varrà la pena, afferma Field, prima di continuare:

Il lavoro che facciamo è qualcosa che dovrebbe avere la priorità in termini di risorse. Trascorriamo molto tempo con lo staff tecnico mentre guardiamo le immagini delle partite su computer e TV e discutiamo di vari dettagli delle partite e degli allenamenti basati sul lavoro analitico. Ha sottolineato che si tratta di migliorare i giocatori.

Sotto il tetto: qui siede Pål Fjelde e invia le sue clip di analisi allo staff tecnico durante le partite casalinghe dei Vikings.  Foto: Bjarte Fossfjell, TV 2.

Sotto il tetto: qui siede Pål Fjelde e invia le sue clip di analisi allo staff tecnico durante le partite casalinghe dei Vikings. Foto: Bjarte Fossfjell, TV 2.

Droni e telecamere ad alta tecnologia

Non sono solo i combattimenti che Velde analizza. Con la benedizione del club, ha adottato una tecnologia nuova e innovativa. Durante l’allenamento pre-stagionale dei Vichinghi e nei campi di addestramento in Spagna e negli Stati Uniti, si sentiva il suono dei droni in tutto il campo di addestramento.

Il feedback dei giocatori è positivo da un lato.

High Tech: si tratta di telecamere ad alta tecnologia, in alto sopra il soffitto e ben nascoste, che Fjelde usa nel suo lavoro analitico.  Foto: Bjarte Fossfjell, TV 2

High Tech: si tratta di telecamere ad alta tecnologia, in alto sopra il soffitto e ben nascoste, che Fjelde usa nel suo lavoro analitico. Foto: Bjarte Fossfjell, TV 2

– Usiamo i droni più spesso quando siamo nei campi di addestramento o ci alleniamo sul campo di allenamento fuori dal campo. Successivamente, dovresti andare dai singoli giocatori e dare loro un feedback sul posizionamento, e i giocatori sembrano essere interessati a questo. Fjelde dice che amano ricevere feedback su piccole modifiche.

Quando i Vichinghi si allenano sul campo, un’altra tecnologia ha sostituito i droni nelle loro esercitazioni quotidiane. Con la benedizione del club, l’analista ha installato tre telecamere high-tech, una sul lato lungo e due appena sotto il soffitto sui lati lunghi.

Queste telecamere significano che otteniamo lo stesso effetto dei droni. La telecamera sul lato lungo ha quattro obiettivi e tiene traccia di 20 giocatori sul campo. Le produzioni televisive sono spesso ingrandite, ma qui abbiamo una panoramica della struttura della squadra sia in attacco che in difesa, afferma un analista di calcio.

Allenati come psicologo per diventare un allenatore migliore

Come giocatore, Pål Fjelde può fare riferimento a una carriera significativa. Ha segnato in tre insediamenti in A-team per il Viking e ha quasi 100 partite per Bryne. Strandboin ha giocato anche per Wester nelle Isole Faroe e St Mirren in Scozia.

Sono stato educato in psicologia, perché sapevo che poteva essere utile come allenatore

Pal Fjelde

Ma ha lasciato come giocatore quando aveva solo 26 anni. Fjelde aveva altre ambizioni.

Ho sempre saputo di voler essere un buon allenatore. Anche quando giocavo, sono stato educato in psicologia, perché sapevo che poteva essere utile come allenatore. Ho seguito dei corsi lungo il percorso e quando ho avuto l’opportunità di diventare un istruttore della Vikings Academy, ero ben preparato, dice Velde.

Tuttavia, non ci volle molto prima che gli venissero assegnati nuovi incarichi in Viking. L’anno scorso, il 27enne è stato nominato capo dell’analisi di Viking, poco più di un anno dopo il suo debutto all’accademia.

A lungo andare, l’obiettivo è diventare un allenatore eccezionale. E sulla strada per quell’obiettivo, Fjelde imparerà dai migliori.

Giocare da solo: Pål Fjelde (a sinistra) ha giocato più di 100 partite con Bryne.  Qui in un duello con Kristoffer Normann Hansen di Ullensaker/Kisa nel trofeo.  Foto: Cornelio Papa

Giocare da solo: Pål Fjelde (a sinistra) ha giocato più di 100 partite con Bryne. Qui in un duello con Kristoffer Normann Hansen di Ullensaker/Kisa nel trofeo. Foto: Cornelio Papa

È volato in Portogallo per incontrare il professor Mourinho

Nel 2019, ha viaggiato per incarichi in Portogallo per entrare nella famosa scuola di formazione Jose Mourinho “José Mourinho High Performance Football Coaching” a Lisbona, una formazione da allenatore difficile da inserire.

Sono volato in Algarve, nel sud del Portogallo, sono salito in macchina e ho guidato quattro ore fino a Lisbona per parlare con il professore

Pal Fjelde

– Questo è corretto. Ma quando decidi di seguire questo corso, devi solo seguirlo. Sono volato in Algarve, nel sud del Portogallo, sono salito in macchina e ho guidato quattro ore fino a Lisbona per parlare con il professore che ha collaborato con Mourinho. Gli ho detto che volevo farne parte e entrarci, Field ride.

– Ma ovviamente avevo già chiesto l’ammissione. Ho viaggiato per mostrare interesse, ma in precedenza sono stato anche intervistato su Teams. Perché non ricevono nessuno lì. Poi il giorno del mio compleanno mi è stato detto che ero venuto, ed era molto felice, ricorda.

Mancano ancora due corsi prima che ottenga il meritato certificato che dimostra che ha completato e superato la sua formazione da allenatore sotto Jose Mourinho.

Gli studi sono un programma di master con formatori provenienti da tutto il mondo. Sud Africa, India, Spagna, Portogallo, Finlandia e altro ancora. Ci sono stati quattro set in nove o dieci giorni, ma poi il corona l’ha fermato e mi sono rimasti due set. Li prenderò l’anno prossimo, dice Fjelde.

La cosa più importante è il curriculum

Sebbene Mourinho sia responsabile del corso, ciò non significa necessariamente che gli studenti siano formati per giocare lo stesso tipo di calcio di un allenatore qualificato.

Ciò che è centrale è la metodologia che utilizza.

Pal Fjelde

Mourinho è il coordinatore del torneo e ha organizzato il torneo. Ma non è il tipo di calcio che gioca che conta, è la metodologia che usa. Si tratta più di come alleni la tua squadra per convincerla a giocare nel modo in cui desideri, afferma Fjelde con entusiasmo, aggiungendo:

Quattro concetti, fisico, tecnico, tattico e mentale, sono importanti da vedere nel contesto. In allenamento, non dovrebbero essere separati, ed è importante pensare all’allenamento poiché questi quattro concetti sono sempre combinati in base al proprio modello di stile di gioco, spiega Fjelde, che un giorno in futuro potrebbe guardare al palcoscenico più grande, quello che Mourinho ha distrutto per diversi anni.

– Ho detto che volevo essere l’allenatore a un livello più alto di quello che ho giocato io stesso, e questo significa all’estero. Penso che lavorare con Analysis alla Viking per alcuni anni mi aiuti a diventare un allenatore migliore. Inoltre, ho avuto molta fiducia da Morten Jensen e Bjarte Lunde Aarsheim, sia sul campo che altrove nella squadra. Ma ho solo 27 anni, quindi mi sono divertito molto, dice l’analista di calcio Pål Fjelde.

READ  Se non sei forte, sparisci