Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Austria è la prima democrazia con la vaccinazione obbligatoria. Il pugno è stretto in molti paesi. Fa arrabbiare gli avversari.

L’Austria è chiusa lunedì. Da febbraio tutti sono obbligati a vaccinarsi. Questi manifestanti a Vienna non vogliono niente di tutto questo. Sabato hanno manifestato.

Tutti gli austriaci devono essere vaccinati. Gli avversari stanno ora manifestando in diversi paesi europei.

“resistenza!” “resistenza!” Sabato le grida di almeno 40.000 austriaci arrabbiati hanno marciato costantemente attraverso il centro della capitale, Vienna.

Perché erano così arrabbiati?

  • Perché venerdì il governo ha deciso che la vaccinazione coronarica sarà obbligatoria in tutta l’Austria a partire da febbraio.
  • E già lunedì 22 novembre il Paese resterà chiuso in un lockdown completo per 20 giorni.

Così l’Austria è diventata il primo paese in Europa – e la prima democrazia al mondo – ad imporre un vaccino ai cittadini che non lo vogliono.

Non siamo stati in grado di ottenere abbastanza persone non vaccinate per essere vaccinate, ha detto Alexander Schallenberg venerdì.

La cancelliera ha ricoperto l’incarico solo per un mese, ma ora sta intensificando radicalmente la strategia di vaccinazione del Paese.

Le misure di intervento arrivano perché le unità di terapia intensiva ospedaliera sono sull’orlo del collasso a causa di una grave malattia coronarica.

– Genocidio!

Sabato due giovani manifestanti arrabbiati a Vienna erano più preoccupati per quello che credono sia un vaccino pericoloso. Non hanno risparmiato la polvere:

– È così terribile. Sempre più giovani muoiono per lesioni da vaccino! Le due donne anonime hanno detto al giornale che qui c’è stato semplicemente un genocidio, e quasi nessuno se ne è accorto Standard Il sabato.

READ  Monkey Cups: - È rimasta scioccata dopo il viaggio di vacanza
“Controlla i confini, non le persone”, recitava sabato uno striscione a Vienna. In anticipo, gli estremisti di destra hanno chiesto manifestazioni contro le misure di incoronazione.

Inoltre, i partecipanti di estrema destra

Molti credono che il vero numero di manifestanti a Vienna sia stato di 100.000, non “solo” 40.000, ha detto la polizia. Almeno il partito MFG appena formato contro il vaccino era lì. Era anche il Partito della Libertà nazionalista di destra (FPÖ), il terzo partito più grande in Austria. Hanno chiesto manifestazioni.

Spray al peperoncino, arresti e 1.300 agenti di polizia sono stati usati per prendere il controllo, ammette la polizia:

Il sessantacinque per cento dei nove milioni di austriaci è stato vaccinato. Il sito scrive che ce ne sono relativamente pochi a livello europeo Politico.

Martin Mackey, professore di sanità pubblica presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ritiene che le misure siano la risposta giusta:

Il governo lo fa con molta riluttanza, ma il cancelliere ha poche altre opzioni. Se qualcuno avesse un’idea migliore, dovrebbe dire di no, ha detto a Politico.

Morsetti contro le misure Corona ad Amsterdam sabato.

Relatore olandese: “Orgia violenta”

Le proteste di Corona si sono concluse anche con violenti scontri nei Paesi Bassi. Per tutto il fine settimana, la polizia si è scontrata con i giovani manifestanti. Venerdì 50 persone sono state arrestate a Rotterdam, metà delle quali minorenni. Quattro persone sono finite in ospedale con ferite da arma da fuoco dopo che la polizia ha aperto il fuoco.

READ  Blocco in Nuova Zelanda dopo un caso di corona - VG

Il clamore ha portato agli appelli sui social media a scendere in piazza. Ergo, il rumore è continuato sabato, sia a L’Aia, a Rotterdam e in altre città. Il finestrino di un’ambulanza è stato rotto con una pietra e i manifestanti hanno lanciato fuochi d’artificio, biciclette incendiate e segnali stradali speronati, secondo l’NTB.

Il sindaco di Rotterdam ha descritto la rivolta di venerdì come “un’orgia di violenza”. L’Unità speciale di polizia ora indagherà sul caso. La manifestazione ad Amsterdam è stata più pacifica.

E domenica pomeriggio la capitale belga, Bruxelles, ha assistito a violente manifestazioni. Lì, la polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro migliaia di manifestanti.

Anche nella capitale croata Zagabria, durante il fine settimana, i manifestanti si sono riuniti per protestare contro le misure di incoronazione.

Croazia: chiusura degli edifici pubblici per le persone non vaccinate

Anche in Croazia cresce la rabbia contro le autorità in linea con i tassi di contagio. Qui, meno della metà, il 46,5%, sono stati vaccinati. Le autorità rispondono a pugno chiuso. Ora solo le persone che sono state vaccinate o che hanno avuto il COVID-19 o che sono risultate negative di recente possono accedere agli edifici pubblici. I passaporti Corona sono già obbligatori nei servizi sanitari e sociali. Ora le autorità lo minacciano anche con caffè, palestre e altro.

E la gente risponde: questo fine settimana sono venute decine di autobus da tutto il Paese alla capitale, Zagabria, per manifestare e chiedere la partenza del primo ministro Andrej Plenkovic.

Anche a Zurigo e Losanna in SvizzeraOltre che in Italia e Irlanda del Nord, sabato hanno manifestato gli oppositori delle misure.

READ  - Quando non volevamo andarcene, ci hanno rinchiuso negli autobus per calmarci