Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le aziende tecnologiche sono crollate duramente a Wall Street – E24

Martedì le azioni hanno segnalato un calo degli indici statunitensi. Il Nasdaq, in particolare, ha subito un forte calo.

Richard B. Levin / Ciba USA
Pubblicato:

Ecco come si è conclusa la giornata a Wall Street:

  • L’indice Dow Jones è diminuito dello 0,06%
  • Il Nasdaq Composites è sceso dell’1,88%
  • Standard & Poor’s 500 è sceso dell’1,66%

Tra i titoli che sono caduti sull’indice tecnologico c’erano un certo numero di grandi società in via di sviluppo. Al momento della chiusura, Facebook è sceso dell’1,69%, Amazon è sceso del 2,59%, le azioni Apple sono scese del 3,91%, il proprietario di Google Alphabet è sceso dell’1,88% e Tesla del 2,76%.

Non ci sono notizie che spieghino perché il Nasdaq e l’indice S&P 500 siano diminuiti così tanto. Eric Bruce, capo stratega della Nordia, ha commentato all’inizio di martedì sera, nessuna delle figure principali o delle notizie lo ha spiegato bene.

Martedì, in una conferenza d’affari, il segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha dichiarato che potrebbe essere opportuno aumentare i tassi di interesse negli Stati Uniti per evitare il surriscaldamento. Scrive CNBC.

Questo viene dopo il pacchetto di crisi di 1900 miliardi di corone che il presidente Biden ha firmato a marzo. Poche settimane dopo, il presidente ha lanciato un nuovo piano infrastrutturale del valore di circa 17.000 miliardi di dollari. La politica fiscale espansiva mira a creare più posti di lavoro negli Stati Uniti a lungo termine.

Crescita del titolo e declino dell’indice

Bruce osserva che quando le grandi aziende cadono, è spesso legato alla paura di abbassare i tassi di interesse. Ha letto i commenti del ministro delle finanze Yellen, ma non pensa che da soli possano essere decisivi come l’effetto che si vede martedì.

Su una base più generale, indica comunque la crescita che il mercato azionario ha registrato finora quest’anno. Si ritiene che probabilmente aiuterà a spiegare lo sviluppo negli Stati Uniti martedì.

Le azioni sono aumentate molto quest’anno. L’S & P 500 è cresciuto di oltre il 10 percento nel nuovo anno, che è quello che ci si aspetterebbe normalmente per un intero anno. È possibile, dice Bruce, che le persone temano che tutte le notizie positive avranno un prezzo, e quindi temono una correzione.

Si deve semplicemente presumere che gli indicatori diminuiranno in pochi giorni.

Saab: Il capo stratega di Nordia, Eric Bruce, pensa che sia difficile indicare notizie specifiche che hanno portato al numero di indice negli Stati Uniti martedì.

Vidar Rode / NTB scanpix

L’indice di paura è aumentato

L’indice di volatilità Vix è aumentato di oltre l’8,5% martedì notte, dopo un leggero calo nell’ultima ora. All’inizio della serata, il cosiddetto “indice di paura” aveva superato i 20 punti per la prima volta dalla fine di marzo.

L’indice misura le fluttuazioni previste nell’ampio S&P 500 nei prossimi 30 giorni, in base ai prezzi delle opzioni. Solitamente aumenta bruscamente durante i periodi di grande turbolenza e paura nei mercati azionari e diminuisce durante i periodi di bassa volatilità.

Il deficit commerciale è aumentato

Prima che iniziassero le negoziazioni in borsa, il gigante farmaceutico Pfizer ha anche pubblicato il suo rapporto del primo trimestre per quest’anno. Le loro vendite hanno raggiunto i 14,6 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre. Il più grande driver dietro il profitto è stato il vaccino Corona dell’azienda. Il titolo era relativamente piatto al momento della chiusura, aumentando solo dello 0,04%.

Dopo l’orario di chiusura di lunedì, c’era la notizia che il fondatore di Microsoft Bill Gates avrebbe divorziato da Melinda Gates. La coppia sta dietro la Bill & Melinda Gates Foundation. È la più grande fondazione di beneficenza privata al mondo, con un valore stimato di 46,8 miliardi di dollari. Le azioni Microsoft sono tra le società tecnologiche che sono cadute, in calo dell’1,94% martedì alla chiusura.

Prima dell’apertura del mercato azionario, i dati della bilancia commerciale dell’economia statunitense erano arrivati ​​a marzo. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha riferito che la bilancia commerciale ha raggiunto un deficit di 74,4 miliardi di dollari nel mese di marzo. Scrive Dagens Industri. Si tratta di 3,9 miliardi in più rispetto al mese precedente. Le esportazioni sono aumentate del 6,6% e le importazioni del 6,3%.

Negli orari di apertura di Wall Street, il prezzo del petrolio del Mare del Nord è di $ 68,95, ovvero un calo dell’1,95%.

Pubblicato:

READ  Bitcoin calo improvviso dopo l'ultimo forte rally - E24