Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le conseguenze riguardano un intero paese: VG

Capitolo: Un funzionario della dogana saudita apre un seme di melograno, proveniente dal Libano, contenente 5,3 milioni di pillole Captagon, che è una forma di anfetamina. Foto: Saudi-Saudi Bulletin (SPA)

Beirut (VG) Fruit in viaggio verso l’Arabia Saudita era piena di droghe. Così hanno bloccato tutte le importazioni di frutta dal mittente, cioè il Libano afflitto dalla crisi. I contadini ora sono disperati.

Pubblicato:

Adesso sta diventando più difficile qui. Il problema con l’Arabia Saudita si aggiunge ai problemi che abbiamo già, ha detto a VG l’agricoltore Muhammad Ahmad Hashishu (28 anni).

È uno dei tanti agricoltori che conoscono le conseguenze carnali dell’acquisizione che ha scosso il Libano.

Quando i funzionari della dogana saudita hanno iniziato a smantellare i melograni nel porto di Gedda, sono incappati nella sorprendente scoperta di ben 5,3 milioni di pillole di anfetamine illegali.

Ben presto, le autorità dello Stato islamico conservatore hanno preso misure e hanno bloccato tutte le importazioni di frutta e verdura dal Libano.

La decisione del Regno dell’Arabia Saudita colpisce gravemente gli agricoltori libanesi, in un paese la cui popolazione è già in una profonda crisi economica, e metà della sua popolazione vive ora al di sotto della soglia di povertà.

Disperazione: il proprietario della fattoria Mohamed Ahmed Hashisho ha rilevato la fattoria da suo padre, scomparso l’anno scorso. Nella fattoria coltiva banane, arance e limoni, un frutto che ora è diventato meno prezioso dopo che gli è stata rifiutata l’importazione in Arabia Saudita. Foto: Kyrre Lien, VG

Un grande disastro

Quello che produciamo qui va al mercato libanese, ma gran parte di esso viene anche esportato. Quando le esportazioni in Arabia Saudita si interrompono ora, significa che i frutti si stanno accumulando e che i prezzi stanno diminuendo. Alla fine, lo superiamo come agricoltori, dice VG hashish.

READ  L'app vola nell'Unione Europea con un miliardo - E24

I media libanesi hanno riferito che mille tonnellate di frutta e verdura, già destinate ai paesi del Golfo, sono state fermate al porto.

In un mercato della frutta a Beirut, il prezzo dei limoni è diminuito del 40 per cento, mentre il prezzo delle banane si è dimezzato.

Il capo dell’Organizzazione dei contadini in Libano, Ibrahim Tarshishy, ​​ha descritto questo come un grave disastro.

Tutti raccoglieranno di meno e guadagneranno di meno. Ha detto ad Al-Jazeera che il Libano nel suo insieme paga il prezzo di ciò che un piccolo numero di criminali fa in altri paesi.

Arance: 26.000 tonnellate di arance sono state esportate dal Libano nel 2015, il 30 per cento delle quali è andato in Arabia Saudita. Foto: Kyrre Lien, VG

La quantità esatta di produzione di frutta e verdura che viene esportata nei paesi del Golfo varia, tranne l’Associazione degli agricoltori del Libano Il 55 per cento credeva Dalla produzione viene esportato lì.

Il Libano si trova ai confini della Siria e negli ultimi anni è aumentata l’attività di contrabbando tra i due paesi. Tutto, dalla benzina alle persone, viene contrabbandato attraverso il confine. Molti ritengono che la spedizione arrivata in Arabia Saudita provenisse effettivamente dalla Siria.

“Dobbiamo colmare le lacune ai nostri confini e ricostruire di nuovo la nostra reputazione quando tutto il mondo vorrà importare i nostri prodotti”, afferma Tarshihi.

Convenienza: questa foto mostra una melagrana contenente il farmaco Captagon. Foto: Saudi-Saudi Bulletin (SPA)

Il battesimo di un guerriero

Lo stimolante captagon, che si trova nel gruppo delle anfetamine, è stato scoperto in diversi paesi del Medio Oriente, tra cui Siria e Libano.

READ  reMarkable offre abbonamenti a molte delle funzionalità precedentemente incluse

Sviluppato originariamente come farmaco negli anni ’60, il Captagon è stato a lungo utilizzato dai soldati in guerra in Siria per stimolare l’euforia, sopprimere l’appetito e aumentare la concentrazione.

Nel frattempo, uno dei mercati di esportazione sono stati i giovani ricchi negli stati del Golfo che pagano tra le 80 e le 200 corone per una pillola, secondo i dati dell’International Addiction Review.

Il motivo del rifiuto di importazione non è stata l’unica scoperta, secondo le autorità del paese ricco di petrolio.

L’ambasciatore saudita Walid Bukhari è morto per le sue ferite Twitter Hanno detto di aver trovato 57 milioni di pillole con prescrizione illegale nelle spedizioni dal Libano dall’inizio del 2020.

Contrabbando: Esattamente chi c’è dietro il contrabbando, ci sono grandi dubbi su questo, ma molti esperti indicano la Siria e / o Hezbollah come una possibilità. Foto: Saudi-Saudi Bulletin (SPA)

Il contrabbando in Medio Oriente

Le merci illegali originarie del Medio Oriente non sono una novità. Nel luglio dello scorso anno, le autorità italiane hanno interrotto una spedizione record di 14 tonnellate di anfetamine dalla Siria.

Quindi la polizia ha affermato che la loro ipotesi era che la produzione e la distribuzione di droga in Europa fosse rallentata a causa della pandemia Corona.

– Molti contrabbandieri si sono rivolti alla Siria poiché la produzione non sembra aver rallentato. La polizia ha detto in una dichiarazione alla BBC.

Cereali: lo scorso anno in Italia sono state trovate 84 milioni di pillole, nascoste in parti di macchine. Foto: napolipress / IPA Milestone

Quindi la polizia italiana ha ritenuto che questa confisca derivasse dalla produzione che doveva finanziare l’organizzazione terroristica ISIS.

READ  Ci vorranno anni prima che Equinor tragga vantaggio dagli investimenti rinnovabili - E24

Tuttavia, i numerosi accaparramenti siriani di terre hanno portato molti a concludere che sia coinvolto anche il regime di Bashar al-Assad. Assad ha ora ripreso il controllo di due terzi del Paese.

“Il sistema è disperato di ogni tipo di reddito dopo le dure sanzioni e l’economia è stata colpita dalla guerra”, ha detto al Financial Times Carolyn Rose, analista del Newelles Institute.

VG IN LIBANO: giornalista e fotografa Keri Lynn dal Libano. Foto: privato