Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Le cose cominciano ad andare in pezzi – VG

Blocco: agenti di polizia con dispositivi di controllo delle infezioni si trovano in un quartiere che è stato bloccato a Shanghai il 15 aprile.

Mentre Shanghai è alla sua terza settimana di blocco, i residenti stanno diventando sempre più insoddisfatti e affamati. Gli esperti ritengono che le autorità dovrebbero cambiare strategia, ma affermano che potrebbe essere difficile.

Inserito:

Più di due anni dopo che il coronavirus è stato rilevato per la prima volta in Cina, le infezioni sono aumentate in diverse località del paese. La città di Shanghai da 1 milione di dollari è interessata dalle misure di controllo delle infezioni da parte di:

Se esci dalla porta, rischi di essere arrestato. Nel quartiere finanziario della cittàMolti dipendenti non dormono in ufficio Per mantenere le ruote in movimento.

“Nessuno può lasciare le proprie case, nemmeno per comprare cibo”, ha scritto il giornalista della CNN David Colfer della situazione.

La città è in isolamento dal 28 marzo ed è alla sua terza settimana di isolamento. Le autorità locali sono responsabili dell’alimentazione dei cittadini della città, ma le forniture non sono sufficienti. I video stanno circolando sui social Le grida lamentose della popolazione affamata.

Pulizia. Il 15 aprile il personale addetto al controllo delle epidemie nelle apparecchiature per il controllo delle infezioni disinfetta un quartiere di Shanghai.

Giornale mattutino della Cina meridionale Scrive di residenti affamati che saccheggiano generi alimentari, mentre i droni volano sopra le nuvole e dicono loro di “controllare il desiderio di libertà dell’anima”.

READ  Regno Unito: - Punito prima della riapertura:

Tutti i contagiati a Shanghai devono autoisolarsi nei propri centri di quarantena. Ma con oltre 20.000 nuovi casi di infezione ogni giorno, le autorità stanno lottando per trovare spazio sufficiente per tutti.

Allo stesso tempo, le misure di controllo delle infezioni non sembrano avere l’effetto desiderato. Tuttavia, le autorità non cambiano la strategia. Mercoledì, il presidente Xi Jinping ha affermato che “il lavoro di prevenzione e controllo non può essere allentato”.

Senza una riapertura in vista, le menti dei residenti stanno crescendo più che mai, scrive il South Morning China Post.

Prevenzione delle infezioni: il 15 aprile gli operatori sanitari si trovano in apparecchiature per il controllo delle infezioni all’esterno di un edificio chiuso a Shanghai.

Le cose stanno cominciando a sgretolarsi

Ora le cose sono sull’orlo del collasso per il regime e il Partito Comunista Cinese (PCC), il partito che sostiene lo stato del Paese, afferma Torbjørn Færøvik, autore ed esperto di Cina.

– Sono molto preoccupati che tutto vada bene, ma ora le cose stanno cominciando a sgretolarsi, almeno nelle grandi città. La domanda che il partito deve ora porsi è se dovrebbero cambiare strategia come hanno fatto in molti paesi occidentali e pagare il prezzo che ne deriva, o se dovrebbero avere tolleranza zero, dice Verovic.

Secondo alcune stime, circa 400 milioni di cinesi sono stati colpiti da un certo grado di lockdown. L’esperto ritiene che il crescente malcontento a Shanghai – e in altre parti del Paese – arrivi in ​​un brutto momento per il Partito Comunista Cinese.

“Avrà anche conseguenze per l’economia e la leadership del partito, che ora si sta preparando per il suo 20° Congresso del Partito questo autunno, dove Xi Jinping sarà ancora una volta incoronato come una sorta di imperatore e inizierà un terzo mandato”, aggiunge.

READ  La lava di sei metri "inghiotte" case e infrastrutture - VG

– È troppo fastidioso per la festa e almeno per qualcosa che cerca di sembrare infallibile.

Potts: Gli operatori sanitari lavorano presso l’ospedale temporaneo allestito presso il National Exhibition and Convention Center di Shanghai l’8 aprile.

aumento del risentimento

Molti media, inclusa la BBC Ha filmato video che mostrano scontri tra polizia e civili a Shanghai. Færøyvik afferma che le rivolte e le rivolte di strada indicano un implicito malcontento tra la popolazione, che può creare problemi politici per il regime.

Consegna del cibo: il cibo sarà distribuito ai residenti di Shanghai il 15 aprile.

I corrieri alimentari di Shanghai stanno lavorando duramente per consegnare cibo ai residenti imprigionati. Ma non è attrezzato per servire 26 milioni di persone.

– Non hanno la capacità. Ci sono frigoriferi e congelatori vuoti e bancarelle di cibo, e ci sono bambini piccoli, anziani e malati che non hanno accesso a cibo e medicine, dice l’esperto.

Quando la fame inizia a mordere lo stomaco e l’intestino, non è più divertente. Da lì, può essere una breve strada per rivolte e rivolte.

Guarire di nuovo: alcuni dei primi pazienti guariti dopo aver ceduto al covid-19 hanno lasciato l’ospedale temporaneo presso lo Shanghai Convention and Exhibition Center il 9 aprile.

Il percorso deve essere cambiato

Se il PCC continua a mantenere la sua attuale politica, Færøyvik crede che la situazione andrà di male in peggio.

– Penso che prima o poi il partito dovrà cambiare rotta nella sua politica su Corona. In caso contrario, aggiunge, ci saranno profonde divisioni tra i cinesi.

Ma quando il partito ha investito molto prestigio nella sua strategia originale, cambiarla può essere doloroso, l’esperto cinese mette alla prova.

READ  Il momento della verità è arrivato

Ma ciò che sta accadendo ora può incrinarsi anche all’interno del partito, perché potrebbero esserci opinioni diverse sul modo in cui dovrebbero comportarsi.

Con l’assenza di sondaggi d’opinione e libere elezioni, spiega Vorovik, c’è anche una fastidiosa incertezza su dove il PCC abbia effettivamente la sua gente.

– Ma penso che il Partito Comunista se ne occuperà a lungo termine e se ne allontanerà. Ma a un certo punto ora potrebbero affrontare sfide molto grandi, sia di natura sanitaria, economica o politica

Ospedale: il 15 aprile un operatore sanitario trasporta attrezzature fuori da un ospedale improvvisato a Shanghai.

Tre cose di cui preoccuparsi

Nonostante gli alti tassi di infezione record in Norvegia, il governo norvegese non ha adottato nuove misure drastiche per controllare l’infezione questa primavera. Preben Aavitsland di FHI ha detto a VG che potrebbe sembrare che le autorità cinesi stiano ponendo il controllo delle infezioni come obiettivo principale, non il controllo delle malattie.

Non sembrano essere sicuri che la vaccinazione protegga da malattie gravi. Dice che hanno un coprifuoco molto forte, che la maggior parte dei professionisti e dei politici qui a casa hanno rifiutato.

Se le misure eccessivamente severe continuano a Shanghai, l’Aavitsland è particolarmente preoccupato per tre cose: forniture adeguate di cibo e acqua potabile, assistenza ai malati in vista del deterioramento e fornitura dei farmaci necessari – e la salute mentale dell’intera popolazione.

– ma soprattutto coloro che hanno già avuto una malattia mentale, ad esempio persone con disturbi d’ansia o depressione.

Pulito: gli operatori sanitari lavano e disinfettano il pavimento di un ospedale temporaneo presso il National Exhibition and Convention Center di Shanghai il 14 aprile.