Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’economia italiana sulla strada della ripresa – le elezioni creano nuova incertezza

Secondo l’Istat, l’economia del Paese è cresciuta dell’1,4 per cento lo scorso anno. È il tasso di crescita più veloce in sette anni.

Tuttavia, il numero è ben al di sotto della crescita complessiva nell’eurozona lo scorso anno, che era del 2,5 per cento, secondo Eurostat. Inoltre, l’economia italiana è ancora più piccola del 6% rispetto a quando è scoppiata la crisi finanziaria nel 2008.

“Il divario di produttività tra l’Italia e gli altri principali paesi dell’eurozona si è notevolmente ampliato dal 1999”, ha affermato Nicola Nobile di Oxford Economics.

Nobile osserva che il Pil italiano “per ora di lavoro è inferiore del 25 per cento rispetto a Germania e Francia”.

Instabilità e burocrazia

Gli uomini d’affari italiani pensano che i politici dovrebbero prendersi la loro parte di colpa.

– La situazione politica è instabile da decenni e i politici non facilitano la vita alle start-up, anzi, afferma Alessandro Elebrandi, direttore generale di Bonaudo, azienda specializzata in pelle.

L’Italia rappresenta il 65 per cento della produzione totale di pelle in Europa.

Burocrazia, un sistema giudiziario lento e tasse elevate creano ostacoli nella vita quotidiana. Abbiamo bisogno di decisioni drastiche per uscire da questa situazione, dice.

Riparazioni e tasse

Il governo di centrosinistra ha cercato di ribaltare il quadro. Dal 2012 al 2017 l’Italia è passata dall’87° al 46° posto nell’elenco dei paesi della Banca Mondiale in cui è più facile fare impresa.

L’allora primo ministro Paolo Renzi era dietro la riforma del mercato del lavoro a partire dal 2014. Secondo Renzi, questo ha creato un milione di nuovi posti di lavoro. Tuttavia, l’impatto della riforma è stato difficile da misurare ei sindacati hanno criticato la riforma.

READ  Previsioni elettorali in Francia: Macron ha ottenuto il 58,2% dei voti

Di recente, il governo ha ridotto l’imposta sulle società dal 27,5% al ​​24%, ma il livello è ancora più alto, ad esempio nel Regno Unito, dove è del 19%. In Irlanda, l’aliquota dell’imposta sulle società è del 12,5%. In Ungheria 9%.

La maggior parte dei partiti che hanno partecipato alle elezioni di domenica hanno dato priorità alle promesse elettorali di profondi tagli alle tasse. Ciò comporta il rischio che il debito pubblico cresca in modo esponenziale. Oggi, il debito del paese è il 131,6 per cento del PIL del paese, il secondo più alto nell’Eurozona. Questo preoccupa gli esperti.

Incertezza alle elezioni

Nobile di Oxford Economics ritiene inoltre che non ci saranno nuove richieste di riforme che potrebbero snellire la burocrazia.

Secondo i sondaggi di opinione prima delle elezioni, nessun partito può ottenere la maggioranza e può sembrare difficile per i partiti unirsi e collaborare. Pertanto, prima della formazione di un nuovo governo sono pianificati cicli di negoziati a lungo termine.

Questo, a sua volta, creerà incertezza sulla politica economica del Paese e sarà uno schiaffo agli investitori e ai mercati finanziari in un momento in cui l’Italia non ne ha bisogno.