Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Legalmente, ma l’aborto è molto difficile in Italia

L’aborto è legale in Italia, ma non è facile trovare qualcuno che lo faccia. La maggior parte delle ostetriche nel paese si è messa da parte contro la chirurgia.

Secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute nel 2019, circa il 67 per cento delle ostetriche in tutta Italia – sia nelle città che nelle campagne – ha rinunciato all’aborto coscienzioso.

Questa cifra è ancora più alta in cinque delle 20 regioni italiane. Qui, il numero prenotato supera l’80 percento.

Per 40 anni l’ostetrico Michele Mariano è stato l’unico a praticare un aborto nel Molise, considerato un politico conservatore.

Mariano ha posticipato due volte il ritiro perché nessuno voleva sostituirlo.

Legale con aborto

L’aborto dopo 90 giorni di gestazione è legale in Italia dal 1978, ma spesso è difficile trovare qualcuno nel sistema sanitario che possa eseguire questa procedura. Molti ginecologi rifiutano a causa della loro coscienza oa causa delle pressioni della comunità che li circonda. Molti ospedali e cliniche in tutto il paese non dispongono di servizi per l’aborto.

Può essere molto difficile trovare un medico disposto a eseguire la procedura. Non ci sono liste ufficiali che rivelino chi sta praticando aborti.

Eleanor Mizoni, 32 anni, attivista per l’aborto a Pisa, ha detto: “Alcune persone si presentano in ospedale senza sapere se c’è un chirurgo.

Chiamato 10 ospedali

Martina Baton, 35 anni, ha detto di aver dovuto chiamare circa 10 ospedali a Roma e in altre città per trovare una città dove praticare aborti.

Voleva abortire medicamente – che includeva l’assunzione di pillole – ma alla fine anche con un intervento chirurgico.

READ  Dalle stelle della Michelin italiana al batterista per lo sforzo Pizzeria

Badon ha detto che dovrebbe spiegare a un’infermiera come funzionano le pillole abortive. A una cantina dell’ospedale di Roma è stato detto di fare la fila un giorno alle 06:00 – per essere trovato nella lunga lista d’attesa.

– Ho pensato che sarebbe stato facile ottenere aiuto in ospedale. Ha detto all’agenzia di stampa AFP che non era niente.

È stata un’organizzazione di volontariato che alla fine l’ha aiutata a trovare un ospedale.

– Oltre alla burocrazia, dice, questo processo fa sentire le donne che stanno facendo qualcosa di sbagliato. Avendolo sperimentato otto anni fa, pensa che sia assolutamente assurdo che le donne oggi abbiano gli stessi problemi.

I medici si oppongono all’aborto

In almeno 31 ospedali, i medici dell’aborto sono contrari a farlo. E’ quanto emerge da un recente rapporto dell’Associazione Luca Coscioni, organizzazione che opera per i diritti delle donne.

L’organizzazione “Obiezione Respinta” ha creato una mappa interattiva online dove le donne possono avvertire gli altri di dove verranno respinte.

Una donna ha descritto sul sito web di aver dovuto aspettare per ore fuori dalla sala operatoria di Kaserda, a nord di Napoli, quando un ginecologo dell’ospedale avrebbe rifiutato di eseguire l’operazione.

Un’altra donna della città di Pistoia afferma che un ginecologo le ha scritto una ricetta per la medicina per la fertilità invece della pillola d’attacco che aveva chiesto.

Una donna di Foligno ha detto che le sono state rifiutate le cure dopo un aborto nonostante avesse dolore e febbre.

La legge stabilisce che i medici che si sono messi da parte contro l’aborto non possono rifiutare le cure mediche prima e dopo l’aborto, ma questo non è sempre rispettato.

READ  Media italiani: Mourinho ha preparato un piano per i portieri

Valentina Milluzzo, 32 anni, è morta nel 2016 per avvelenamento del sangue. Era con i gemelli nel suo quinto mese. Uno dei gemelli è morto nel grembo materno, ma i medici si sono rifiutati di intervenire perché un altro feto era ancora vivo.

Status speciale in Italia

Secondo Leah Hector, direttrice regionale del Center for Fertility and Health, la situazione dell’Italia nell’Europa occidentale è particolarmente significativa, con gli sviluppi degli ultimi decenni che hanno rimosso le barriere alle donne che cercano l’aborto.

– D’altra parte, in Italia, a causa dell’alto numero di medici prenotati, i pazienti dovrebbero essere una barriera pulita – e il governo italiano si è completamente ritirato. Questo è del tutto inaccettabile, dice.

Crede che il governo stia abbandonando le sue responsabilità e stia trascurando i diritti umani.

Il Consiglio europeo ha criticato due volte l’Italia per non avere un accesso adeguato all’aborto, portando al cambiamento.

La Chiesa cattolica

Coloro che si rifiutano di abortire di solito affermano le loro convinzioni religiose. La Chiesa cattolica non scende a compromessi sull’aborto. Papa Francesco lo definisce un omicidio palese.

– Lorena, 60 anni, dice che non può costringere un dottore ad ucciderla. La madre di 12 figli ha recentemente partecipato a una manifestazione contro l’aborto a Roma.

L’Associazione Italiana Ostetrici e Ginecologi cattolici afferma che la loro missione è “opporsi alla cultura della morte e rispettare la vita secondo i principi cristiani”.

Così Mariano, medico abortista in Molise, ritiene che i medici abortisti non abbiano buone possibilità di carriera.

La pressione pubblica contro l’aborto è elevata nel paese, il che si riflette ulteriormente nel calo del tasso di natalità nel paese.

READ  Gioco televisivo della domenica, all'ora - Thaksin

L’aborto non fa parte dell’educazione medica convenzionale, né è un argomento per l’educazione sessuale a scuola.

A differenza degli Stati Uniti, l’aborto non è nell’agenda politica in Italia. Paradossalmente, i sostenitori del diritto all’aborto temono che il tentativo di cambiare la legge ne risentirà gravemente, ad esempio chiedendo una visione pubblica delle città abortite.

– Nessuno vuole mettere in discussione la legge sull’aborto, dice la ginecologa Mirella Parachini, per paura che il dibattito su di lei peggiori.

(© NPK)

La Chiesa cattolica è forte in Italia ed è un chiaro oppositore dell’aborto di papa Francesco. Il clima in Italia rende difficile per le donne avere il diritto legale di abortire. Foto: Andrea Medici / AB / NDP

Papa Francesco dice che l’aborto è un omicidio. La stragrande maggioranza dei medici italiani che praticano aborti sono obiettori di coscienza. Così le donne che vogliono abortire in Italia affrontano grandi problemi. Foto: Andrea Medici / AB / NDP

Se una donna italiana rimane incinta spontaneamente, avrà difficoltà a trovare un medico disposto ad abortire. Avrà anche problemi a prendere la pillola. Grafico: Gorm Callstot / NDP

La società italiana è considerata molto conservatrice ed è fortemente influenzata dalla Chiesa cattolica. La pressione dell’opinione pubblica contro l’aborto è alta in Italia, che sta segnalando sempre più un tasso di natalità in calo nel Paese. Il film mostra persone che celebrano la Festa Nazionale d’Italia il 2 giugno a Roma. Foto: AP/NTB