sabato, Giugno 22, 2024

L’epico western “Horizon” di Kevin Costner non regge

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Il tentativo di Kevin Costner di rendere di nuovo grande il West americano sembra una serie TV mediocre.

L’indirizzo del giornale di Cannes

Terje Eidsvåg è a Cannes per assistere al Festival Adressa

lunedi mattina Il western di quasi tre ore di Kevin Costner, Horizon: An American Saga Chapter 1, è stato proiettato per la stampa a Cannes. Dopo la scena finale, che sembra un grande annuncio per il prossimo capitolo, ci sono risate sparse di incredulità nella sala.

Qualcuno davanti a me ha gridato: “Oh mio Dio!” Non voleva essere un complimento. Il film viene proiettato fuori concorso. Probabilmente è meglio così perché rischierebbe di piegarsi.

Le prime recensioni del film furono tiepide o negative. Comprensibile. Nonostante le bellissime immagini e gli elementi occidentali riconoscibili. Non riesco mai a immaginare che questo film e questa serie saranno in grado di raggiungere qualcosa di simile al più grande successo di Costner come regista, il western del 1990 “Balla coi lupi”, che vinse sette Oscar.

Kevin Costner sul red carpet prima della première mondiale del suo nuovo western a Cannes.
immagine: Yara Nardi/Reuters

Costner ha 69 anni Sta reggendo bene e ha già mostrato la sua magia a Cannes. In realtà sta cercando soldi al festival, dopo che agli studi cinematografici americani è piaciuta la sua idea di una grande epopea western in quattro parti al cinema.

Durante il festival del cinema nel porto di Cannes si trovano yacht di lusso dal valore miliardario. “Ho bussato alla porta di tutti”, ha scherzato Costner in Meet the Press. Ha investito più di 200 milioni di corone norvegesi di tasca propria per produrre questo film. Ha messo alcune delle sue quattro case come garanzia per completare quella successiva. Gli mancano i fondi per gli ultimi due. Ora spera che i ricchi discendenti europei di coloro che emigrarono in America nel 19° secolo possano aiutarlo a finanziare la sua visione cinematografica dell’epoca.

Sienna Miller interpreta una dei coloni che ha un incontro difficile con la nuova terra.
immagine: Orizzonte

Come attore Nei western moderni, Costner ha fatto un grande ritorno nella serie televisiva “Yellowstone”. Anche se è un prodotto da catena di montaggio, dimostra che lo sceneggiatore Taylor Sheridan è uno dei talenti più talentuosi negli Stati Uniti in questo momento. Sembra che Costner non abbia buone intenzioni. “Ho scritto la migliore sceneggiatura che ho potuto”, dice. Dice di avere questa storia e l’uomo che la interpreta nella sua testa dal 1988.

“Horizon” è un film western epico, contenente diverse storie su coloni, cacciatori di pellicce indiane e cacciatori di fortuna nel selvaggio West. Gli eventi iniziano nel 1859 e la prima parte ha molte caratteristiche in comune con la serie prequel di “Yellowstone”, chiamata “1883”. Sebbene sia un’ottima serie TV americana, “Horizon” anche nella sua forma migliore sembra una serie TV completamente nella media.

È adorabile Costner è appassionato della magia del cinema e dei lungometraggi che mostrano la storia americana. Il problema con “Horizon” è che sembra una serie TV non uniforme rispetto al cinema. Il film a volte è bellissimo e ha alcuni punti drammatici, ma il finale è cinico quasi quanto un lungo trailer per il prossimo capitolo, di quella che sembra una colonna sonora western generata dall’intelligenza artificiale. Non è certo che ciascuno dei figli Costner erediterà una casa. Ne è consapevole.

– Poi devono crearsi la propria vita, come ho fatto io, dice.

Leggi altre storie da Cannes qui

La vendetta delle donne nel grande film “Mad Max”.

Coppola è in gran parte deludente

READ  Vendela Kirsebom e Petter Pilgaard condividono una lieta notizia, che molti stavano aspettando: "Grandi cose sono in cantiere".

More articles

Latest article