Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Europa potrà presto fare a meno della “madre” – VG

L’Europa potrà presto fare a meno della “madre”

Presto la fine: quando i tedeschi voteranno questo autunno, sarà la prima volta in 20 anni che Angela Merkel non si candida alla cancelliera. Ricopre la carica di Cancelliere dal 2005. È stata raffigurata qui in una conferenza stampa all’inizio di questo mese. Foto: MICHAEL SOHN/PISCINA

Da madre ferma e leale, Angela Merkel (66) è riuscita a risolvere l’Europa crisi dopo crisi. Giovedì fa visita a Joe Biden durante il suo “tour d’addio”.

Inserito:

Questo è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

La crisi finanziaria, la crisi dell’euro, la crisi del debito, la crisi dei rifugiati, la crisi della corona, la crisi della Russia, la crisi degli Stati Uniti, la crisi dell’energia nucleare – ha manovrato la Germania, l’Unione europea e l’Europa attraverso di essa.

Sì, in pratica, era il leader dell’intero mondo libero quando gli Stati Uniti hanno rinunciato a quel ruolo nei quattro anni di Donald Trump alla Casa Bianca. Trump ha detto no all’accordo sul clima, ha minacciato di ritirare gli Stati Uniti dalla NATO e ha iniziato una guerra commerciale con i suoi alleati.

Sebbene la Germania non potesse sostituire gli Stati Uniti, la Merkel si è assunta la responsabilità. Quando arriverà a Washington giovedì, restituirà la responsabilità al presidente degli Stati Uniti, ora Joe Biden.

Ma come se la caverà l’Europa senza la sua madre forte?

I tedeschi vanno alle urne a fine settembre. Mancano meno di tre mesi, ma per quanto riguarda le elezioni statunitensi, qui in Norvegia è molto più tranquillo riguardo alle importanti elezioni nella più grande economia d’Europa, il paese più popoloso e più potente, a patto che ignoriamo l’enorme Russia, che ha la maggior parte della sua superficie in Asia, ma più del 70 per cento della popolazione vive a ovest degli Urali.

READ  Wall Street diventa verde - E24

La politica tedesca non offre tanto dramma quanto la politica americana. Ma la Germania è il motore dell’economia europea e, insieme alla Francia, definisce l’agenda politica dell’Unione europea.

Leggi anche

La svolta verde della Germania: potrebbe essere la prossima Merkel

Quando i tedeschi voteranno questo autunno, sarà la prima volta in 20 anni che Angela Merkel non si candida alla cancelliera. Ricopre la carica di Cancelliere dal 2005. Tre dei suoi quattro governi sono stati una grande coalizione tra i due maggiori partiti: CDU/CSU e SPD. In altre parole, come se laburisti e conservatori dovessero governare insieme in Norvegia.

I quasi 16 anni al potere della Merkel sono eccezionali. Konrad Adenauer, il primo cancelliere della nuova Germania Ovest, è rimasto seduto per 14 anni – dal 1949 al 1963. La Merkel è stata brillantemente sconfitta solo da Helmut Kohl, che ha governato dal 1982 al 1998 – per un breve periodo Sopra 16 anni.

Innanzitutto, la Merkel sarà ricordata per il modo in cui è stata risolta la crisi dei rifugiati nel 2015. “wir kafen das” – “lo faremo” – rimane un simbolo del modo abbastanza efficace dell’Europa di affrontare la crisi. La Merkel ha criticato l’opposizione all’immigrazione e ha chiesto una “cultura dell’accoglienza”. La “Signora di ferro” è apparsa improvvisamente come Madre Teresa.

Ma l’afflusso di rifugiati è diventato così violento che ha dovuto prendere misure per garantire la stabilità dell’Europa. Pertanto, ha stipulato il famoso accordo con la Turchia che ha permesso di rimandare in Turchia i richiedenti asilo giunti in Grecia. Così, la situazione è diventata improvvisamente completamente diversa.

READ  Più di 1.000 immigrati a Lampedusa

Non c’è dubbio che la maggior parte dei tedeschi dorma meglio sapendo che Angela Merkel ha l’ufficio più grande della Cancelleria a Sprea.

Leggi anche

All’ombra di Merkel

Un motivo importante per cui la politica tedesca non è così sorprendente in Norvegia e altrove in Europa è probabilmente che i partiti – destra e sinistra – parlano più della questione e meno della persona che in molti altri luoghi. Per quanto sia triste, questa è forse una spiegazione per l’umile interesse qui a casa.

Ma tutti i segnali sono che il nuovo cancelliere, chiunque esso sia, seguirà in gran parte le orme di Angela Merkel. Gli viene poi chiesto se quest’uomo – quasi una donna – sia stato in grado di guidare l’Europa allo stesso modo della figlia del prete dell’ex Repubblica Democratica Tedesca. Non è chiaro se il nuovo cancelliere tedesco sarà la voce forte per l’Europa come lo è stata la Merkel.

Il nuovo leader della CDU, Armin Laschet, non sembra entusiasmare la folla, ma di recente ha ottenuto alcuni sondaggi di opinione positivi. Il candidato SPD, Olaf Schulz, sta facendo meglio del suo partito – ed è particolarmente popolare tra gli anziani, mentre Annalina Birbock dei Verdi è la terza candidata alla cancelliera.

È la più anziana tra le più giovani, ARD يظهر spettacoli di sondaggi. Il primo governo dopo la Merkel potrebbe diventare CDU/CSU + Partito dei Verdi, unica alternativa che attualmente ha la maggioranza con solo due partiti. Altrimenti potrebbe essere una “variante a semaforo” con SPD rosso e FDP giallo e verde I Verdi o “alleanza di Germania” CDU/CSU, SPD e FDP. Ma molto può cambiare prima delle elezioni.

READ  Tizen and Wear OS - Fitbit si integra con i nuovi orologi

Molti tedeschi non ricordano i cancellieri non Merkel, la cosiddetta “generazione Merkel”. Per loro la Merkel era sempre presente quando venivano prese decisioni importanti in Germania, in Europa e nel mondo.

Ha visto da quattro a cinque presidenti degli Stati Uniti, presidenti francesi, primi ministri britannici – oltre a due papi (che è importante in Germania, sebbene la Merkel sia protestante), e il numero di primi ministri italiani con cui ha avuto a che fare non conta da una parte.

Leggi anche

Quattro anni con Trump: momenti che ricorderemo

La candidatura di Angela Merkel è stata caratterizzata da pragmatismo, sobrietà e capacità di fare buoni compromessi. Era più adattabile della testardaggine ideologica.

Si dice che le sue uniche decisioni politiche motivate emotivamente siano state di fermare l’energia nucleare sulla scia dell’incidente di Fukushima e di aprire le frontiere ai rifugiati intrappolati in Ungheria.

Allo stesso tempo, ci sono buone ragioni per chiedersi se la Merkel abbia fatto abbastanza in 16 anni. Ad esempio, la Germania è in ritardo nella digitalizzazione del settore pubblico e ha un sistema educativo e sanitario che sono sotto forte pressione. Hanno spinto per una serie di costosi progetti infrastrutturali.

Come molti altri, Merkel e i suoi partner sono stufi della pandemia da marzo 2020.