Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Libro, Cibo |  Un assaggio del mondo a Sarpsborg: una combinazione di buono e nutriente

Libro, Cibo | Un assaggio del mondo a Sarpsborg: una combinazione di buono e nutriente

Entrambi sono bravi a degustare prelibatezze provenienti da paesi diversi. Il progetto è quello di presentare il cibo e le culture alimentari di tutto il mondo sotto forma di libro in modo sottile e semplice. Ma il programma “A Taste of the World, in Srpsburg” non si limita solo a ricette entusiasmanti, grandi esperienze di gusto e gioia di mangiare. Anche il fondatore e scrittore Tom Helgeson ha il compito di raccontare le storie dei partecipanti.

Alcuni coloni di Sarbsborg sono fuggiti dalla guerra e dalle persecuzioni, altri sono venuti qui per amore e altri ancora si sono riuniti alle loro famiglie a Olav. Ciò che molti hanno in comune è che si tratta di storie forti e drammatiche di difficoltà, persecuzioni e guerre.

– Tutto è iniziato ricevendo 50.000 NOK dalle Sberbankstiftelsen di Halten e Srpsborg. I fondi sono stati stanziati per un sito web separato e per l’acquisto di prodotti alimentari. I partecipanti condividono con noi la loro cultura del cibo. Entrambi comportano un maggiore piacere del cibo e una minore paura della xenofobia. L’idea è di lanciare il libro a maggio o giugno del prossimo anno. Ma produrre un libro è costoso, quindi cerchiamo molte pre-ordini e l’aiuto di aziende e varie associazioni, spiega Helgeson.

Bambino malato di cuore

Enas Thabat, dallo Yemen, è uno dei nuovi surfisti che servono con gioia i piatti tradizionali del loro paese d’origine. Condivide anche la storia di come lei e suo marito sono finiti a Sarpsborg. Sono arrivati ​​in Norvegia attraverso una deviazione per cercare cure mediche per il loro figlio che soffriva di una malattia cardiaca.

La famiglia ha prima ottenuto una carta verde per portare il figlio negli Stati Uniti, dove ha ricevuto cure mediche. Ma anche quando Donald Trump è entrato in carica, non è stato loro permesso di entrare nel Paese. Attraverso l’ONU hanno poi contattato le autorità norvegesi. La Norvegia è cresciuta e la famiglia è stata portata a Srpsburg nel 2019. Pochi mesi dopo, il figlio subì un’operazione complicata ma riuscita al Rikshospitalet. Vuol dire che il figlio oggi è sano e in forma.

READ  Al posto della Juventus Kvartskelia e Osimhen

– Prima dell’intervento non riusciva a respirare e non sarebbe vissuto a lungo. Siamo molto grati per l’accoglienza e l’aiuto che abbiamo ricevuto, afferma Ainas Tabat.

Due dall’Eritrea

Finora, 30 surfisti provenienti da 15 paesi diversi hanno fornito ricette e resoconti personali su come e perché sono finiti in Norvegia e a Surfsborg. Tra loro c’erano Adakldi Hakoz e Juhur Jemi, nati in Eritrea.

I due non si conoscevano prima, e di conseguenza ci sono storie diverse su come sono finiti a Srpsborg e nel campus della Kulturskolen a Srpsborg con “A Taste of the World, in Srpsborg” di Tom Helgesen e Margrethe Stang Erikstad. Un’altra cosa che hanno in comune è la gratitudine verso le autorità norvegesi e l’accoglienza che ricevono dalla gente del posto.

Ataklti Hagos è fuggito dai disordini in patria, ma è stato arrestato. Quando fuggì di nuovo, lo avvertì di morte certa se avesse tentato di scappare di nuovo. Ma ora è a Sarpsborg. Lo ha fatto per sei anni.

– Mi piace condividere le ricette del mio paese d’origine, ma è stato un po’ triste raccontare il mio background e come sono arrivato qui. È la prima volta che racconto la mia storia, dice serio il giovane, altrimenti sorridente ed entusiasta.

Haakos ha sfruttato bene il suo tempo in Norvegia. Ha completato tre anni di formazione elettrica al liceo. Ora è al lavoro, ma non come si è allenato.

– Non vedo l’esame pratico. Per superarli devo lavorare in un’azienda. Dato che non avevo contatti, è diventato difficile ricevere una formazione. Ma non ho ancora rinunciato alla speranza di fare quello che voglio, spiega.

READ  Mino Riola - Rifiuta l'avviso di morte

Continuare a leggere

“90 anni – 90 persone” sarà il regalo annuale di SA ai lettori

Il viaggio di Juhur Jemi verso la salvezza in Norvegia è stato lungo, drammatico e difficile. In breve, è cresciuto in Eritrea con sua madre, la sorella maggiore e i nonni. Suo padre è stato arrestato quando lei aveva tre anni e da allora nessuno ha più sue notizie.

Jemi è stato in una prigione eritrea alle spalle, ma è riuscito a scappare. Dopo una difficile fuga durata 10 giorni, è riuscita a raggiungere il Sudan. Prima di trasferirsi nella capitale Khartoum, ha trascorso sei mesi alla reception, dove ha trovato lavoro presso la catena di caffetterie Espresso. Successivamente ha ottenuto anche un lavoro come segretario presso l’ambasciata turca in Sudan.

Attraverso il suo profilo Facebook, Zuhur ha conosciuto Mohamedali Ahmed, un eritreo che vive a Opdal, in Norvegia. Si è recato nella capitale sudanese per incontrarla. Quando tornò, erano sposati e lei era incinta.

Il bambino aveva tre mesi quando decise di prenderlo e andare in Norvegia con suo marito. A quel tempo iniziò il suo spettacolo d’esordio ed era disoccupato. Pertanto non potevano nemmeno chiedere il ricongiungimento familiare.

Cominciò con un volo lungo e pericoloso attraverso il Sahara, poi trascorse otto giorni su una barca inadatta che avrebbe dovuto portarli in Europa.

– Sette giorni dopo, la barca cominciò ad imbarcare acqua e cominciò ad affondare quando apparve un elicottero italiano. Molti sono morti durante l’operazione di salvataggio, dice Zuhur Jemi.

Una donna dotata di coraggio e obiettivi fuori dall’ordinario è venuta in Norvegia e oggi vive nella sua casa a Borgenhagen con il marito idraulico. Nel 2022 è diventata madre di quattro figli e durante i suoi anni a Sarpsborg ha studiato e lavorato. Dopo aver conseguito una laurea in studi sul lavoro e sul welfare presso HIØ, ora detiene il titolo di scienziata del welfare. Dopo aver completato otto anni di scuola continua in Norvegia, Juhur Gemis ha trovato lavoro nel settore della protezione dei bambini a Fredrikstad. L’uomo, da parte sua, ha avviato la propria azienda idraulica.

READ  Caso mancante, Germania | Il miliardario organizza la propria morte (?)

Continuare a leggere

Guy Roberts parla dei suoi problemi di alcol in un nuovo libro

Idi è scappata da Amin

Potrete leggere la storia di due eritrei e di tanti altri rifugiati in un libro in uscita l’anno prossimo. Tra quelli che incontri c’è Banu Sadarana dell’Uganda, che ha dovuto fuggire dal paese africano sotto il regime di Idi Amin e ha molti anni alle spalle a Sarpsborg. È noto che la dittatura di Amin è stata caratterizzata da repressione, genocidio, corruzione e violazioni dei diritti umani. Qualcosa vissuto da Banu Chandara e da altri indiani nati nel paese.