Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’industria dei trasporti tedesca: stiamo affrontando la più grande crisi di approvvigionamento dalla seconda guerra mondiale

L’industria dei trasporti tedesca: stiamo affrontando la più grande crisi di approvvigionamento dalla seconda guerra mondiale

Sindelfingen, Germania – 10 marzo 2022: Pannello dei prezzi elevati per benzina, diesel e prezzi del carburante. I prezzi del gas e del petrolio più cari in Europa presso la stazione di rifornimento tedesca Aral (Tanksteel). L’auto è in movimento.

Gli aumenti dei prezzi della benzina potrebbero liberare gli scaffali dei negozi, avvertono gli spedizionieri tedeschi

Berlino: gli spedizionieri non possono più pagare costi esorbitanti del carburante. Pertanto, secondo l’associazione di categoria, esiste il rischio di strozzature nell’offerta nei supermercati. Questo scrive Westdeutsche Zeitung.

La German Freight Forwarders Association ha avvertito della peggiore crisi di approvvigionamento in Germania dalla fine della seconda guerra mondiale, con un forte aumento dei prezzi della benzina. Sabato il leader della Federazione federale del trasporto merci e della logistica (BGL), Dirk Engelhardt, ha dichiarato a Bild che esiste il rischio che “gli scaffali dei supermercati siano parzialmente vuoti”. Il motivo è che sempre più spedizionieri non possono più permettersi gli elevati costi del carburante.

“La situazione è molto più tesa di quella con Corona”, ha detto Engelhardt. “La peggiore crisi di approvvigionamento degli ultimi 70 anni è imminente”.

Il capo della BGL ha chiesto al ministro federale delle finanze Robert Habeck (il Partito dei Verdi) di affrontare il problema e parlare con l’industria degli aiuti di emergenza. “Se Robert Habeck non agisce ora, la Germania è minacciata da un grave collo di bottiglia nelle forniture”, ha detto Engelhart.

Ha scritto una lettera al ministro dell’Economia Habek, ma non ha ancora ricevuto risposta.

L’industria europea risentirà dell’aumento dei prezzi dell’energia

Dall’industria metallurgica e dei trasporti all’agricoltura, le conseguenze delle sanzioni contro la Russia si faranno sentire dolorosamente, scrive Financial Times.

Nicholas Snowdon, analista di Goldman Sachs, afferma che il recente aumento dei prezzi ha creato un “ambiente molto opprimente” per tutte le industrie ad alta intensità energetica in Europa, con l’alluminio “in cima alla lista”.

READ  Questo errore di spedizione può costarti caro

L’alluminio, utilizzato in tutto, dalle lattine di birra alle auto elettriche, è noto come “elettricità in forma solida” a causa della grande quantità di forza richiesta per convertire il suo componente principale, l’allumina, in metallo raffinato.

La prospettiva di una crisi dell’offerta ha portato il prezzo dell’allumina a un livello record di oltre $ 4.000 a tonnellata lunedì. È aumentato di oltre il 100 per cento nell’ultimo anno.

L’Italia avverte di sciopero dei camion a causa dei prezzi elevati della benzina

È stato annunciato in Italia Sciopero camion a livello nazionale il 14 marzo. Autisti e spedizionieri non sono in grado di pagare i prezzi esorbitanti di benzina e diesel. Ciò ha portato a timori di scaffali vuoti nei supermercati.

Il governo italiano ha vietato lo sciopero, sostenendo che non era stato notificato in tempo.

Ma il divieto non ha fermato Trasportiunito: continua la diffida allo sciopero. La Norwegian Transport Association è indignata dal fatto che le autorità non abbiano fatto nulla per affrontare la crisi energetica e hanno riformulato l’avviso di sciopero.

Il segretario generale Maurizio Longo spiega che non ci sarà lo sciopero, ma “non c’è la volontà di far partire le auto”.

“Nessuno vuole fermare i trasporti, ma avviarli significa indebitarsi”.

La guerra delle sanzioni contro la Russia sta già danneggiando gravemente la popolazione europea

Ha un carattere autolesionista quando l’Occidente impone sanzioni alle esportazioni di energia russe. Le prime vittime sono gli abitanti dell’Europa e la sua economia. Ciò era evidente prima che la Russia rispondesse con eventuali contromisure. Al momento, la Russia fornisce petrolio e gas in conformità con gli accordi, ma è possibile che la Russia interrompa parte della fornitura di energia all’Europa. Si può solo immaginare come sarebbero gli scaffali dei negozi e i soldi della famiglia in quel momento.

READ  Tibber semplificherà la batteria domestica

Ciò che è avvolto nel mistero è il motivo per cui la sinistra europea è un’ardente sostenitrice di questa guerra economica, che colpisce principalmente gli elettori della classe operaia e della classe medio-bassa.

CampagnaSupportaci