Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’inflazione continua a crescere negli Stati Uniti – Wall Street sale

L’inflazione negli Stati Uniti è stata dell’8,5% su base annua a marzo. In precedenza si prevedeva che l’inflazione aumentasse dell’8,4 per cento, sulla base delle stime compilate da Dow Jones, compilate dalla CNBC.

L’inflazione core, il tasso di inflazione per cibo ed energia, è stata del 6,5% su base annua a marzo. In precedenza si prevedeva che fosse del 6,6%.

Knut Magnussen, capo economista di DNB Markets, osserva che i numeri dell’inflazione generalmente sono arrivati ​​​​come previsto e non pensa che ciò cambierà la strategia della Fed.

La Fed ha ancora fretta di aumentare i tassi di interesse, il mercato del lavoro è teso ei tassi di interesse sono bassi, afferma Magnussen.

Quando ha aperto a Wall Street, i principali indici del mercato azionario sono aumentati dopo i recenti numeri di inflazione. L’ampio indice S&P 500 è in rialzo dello 0,7%, il Dow Jones del settore è in rialzo dello 0,6% e il Nasdaq, altamente tecnologico, è aumentato di oltre l’1%.

miglia di distanza dalla meta

Come previsto, i prezzi dell’energia e dei generi alimentari sono stati i motivi principali dell’aumento dei prezzi di marzo. Magnussen afferma che l’aumento dei prezzi dell’energia è una diretta conseguenza della guerra in Ucraina.

Tuttavia, Magnussen osserva che l’andamento dell’inflazione core è stato più sorprendente.

Penso che sia più interessante quello che è successo all’inflazione core. È aumentato dello 0,3% nel periodo febbraio-marzo e dovrebbe aumentare dello 0,5%. Magnussen afferma che l’aumento è il più basso da settembre dello scorso anno.

Magnussen vede diverse tendenze positive dell’inflazione a marzo. Tra l’altro, i prezzi delle auto usate sono leggermente diminuiti. Inoltre, il mese scorso gli affitti sono aumentati dello 0,4%.

READ  Paradiso fiscale Italia | Finansavisen

—Ma nel complesso, è un’inflazione molto alta, che è a miglia di distanza dall’obiettivo di inflazione, afferma Magnussen.

DNB Markets prevede che la Fed alzerà il suo tasso di interesse di riferimento di 0,5 punti base sia a maggio che a giugno.

Il più alto in 40 anni

L’inflazione negli Stati Uniti è aumentata notevolmente nell’ultimo anno. A gennaio e febbraio, l’inflazione era rispettivamente del 7,5 e del 7,9 per cento. Questo è il livello più alto degli ultimi 40 anni.

Dopo aver esortato l’aumento dell’inflazione a essere “temporaneo” per diversi mesi, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha cambiato tono a novembre.

Il governatore della Banca centrale Jerome Powell ha riflettuto di più in vista della prossima riunione sui tassi dopo i numeri di inflazione di oggi.

Il governatore della Banca centrale Jerome Powell ha riflettuto di più in vista della prossima riunione sui tassi dopo i numeri di inflazione di oggi. (Foto: Tom Williams/AP/NTB.)

Così, a novembre, la banca centrale ha iniziato a ritirare gradualmente gli acquisti di sostegno dei titoli di Stato e ha dato i primi segnali di rialzo dei tassi di interesse. A giugno 2020, la Fed ha acquistato 120 miliardi di dollari al mese in titoli di Stato.

Il mese scorso, gli acquisti di supporto sono stati completamente cancellati e la Fed ha alzato il tasso di interesse di riferimento allo 0,25%. È stato il primo aumento del tasso del paese dal 2018.

Una settimana dopo l’aumento dei tassi, il governatore della Banca centrale Jerome Powell ha dichiarato che l’inflazione negli Stati Uniti era “troppo alta”.

“Il mercato del lavoro è molto forte, l’inflazione è molto alta”, ha detto Powell, riferendosi al futuro inasprimento della politica monetaria.

La scorsa settimana il numero di nuovi richiedenti per la prima volta il sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti ha raggiunto quota 166mila. Il numero di disoccupati è in calo e il livello della scorsa settimana è il più basso dal 1968.

Diversi membri della Fed hanno indicato nelle ultime settimane che la banca centrale aumenterà il suo tasso di interesse di riferimento di 0,5 punti base alla prossima riunione sui tassi di giugno.

Il bambino di dieci anni è caduto

Martedì il rendimento dei titoli di stato statunitensi a 10 anni, spesso chiamati “i dieci”, è salito al 2,82% prima dei dati sull’inflazione. Questo è il livello più alto da dicembre 2018.

Poco dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione, il bambino di dieci anni è sceso al 2,72%.

Il bambino di dieci anni viene spesso definito il “tasso di interesse più caldo del mondo” perché è un riferimento a molti tassi di interesse, ma anche ad altre variabili finanziarie, in tutto il mondo.

Un aumento nel periodo di 10 anni, denominato tasso di interesse a lungo termine, è spesso negativo per le imprese in crescita. Le società in crescita hanno un prezzo basato sull’aspettativa di alti profitti in futuro. Un aumento dei tassi di interesse a lungo termine si traduce in profitti potenziali inferiori in futuro.

Negli Stati Uniti, un aumento di dieci anni dell’indice tecnologico Nasdaq ha spesso un impatto negativo, perché molte società tecnologiche sono considerate società in crescita. Lunedì il Nasdaq è sceso di oltre il 2% con l’indice decennale in rialzo.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.