Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’investitore Jan Peter Sisner ritiene che i titoli energetici e finanziari siano sottovalutati: – Adesso sono davvero a buon mercato

L’invasione russa dell’Ucraina ha causato ulteriori turbolenze sui mercati, dopo che le azioni avevano già avuto un inizio d’anno negativo a causa dell’accelerazione dell’inflazione e della normalizzazione della politica monetaria.

Ora, tuttavia, l’indice azionario europeo Stoxx 600 ha raccolto il crollo completo dall’invasione. Il principale indice azionario statunitense, l’S&P 500, è salito di circa il 5%. Lo stesso vale per la borsa di Oslo, ricca di energia.

Tuttavia, l’investitore Jan-Peter Sisner non vede un cielo finanziario blu.

– È troppo presto per concludere che non sia così grave. Può effettivamente peggiorare, quindi ci sono tutte le ragioni per fare attenzione alle azioni. Sai com’è con gli orsi scontrosi che si precipitano nell’angolo: non è divertente scherzare con loro, dice Sisner sul presidente russo Vladimir Putin.

– molto a buon mercato

All’inizio del nuovo anno, l’investitore schietto prevedeva che la Borsa di Oslo sarebbe aumentata del cinque-dieci per cento entro la fine del 2022. Finora quest’anno, l’indice principale è salito di poco più del due per cento, cosa che Cessner ha già sorpreso di.

Dal nuovo anno sono successe molte cose, il che non è costruttivo per l’economia. Tuttavia, riteniamo che potrebbe aumentare, perché gli attuali prezzi dell’energia non sono affatto prezzati in titoli energetici. Poiché le persone si rendono conto che i combustibili fossili saranno importanti per molti anni a venire, pensiamo che i prezzi delle azioni rifletteranno ampiamente questo, afferma Sisner.

Il settore finanziario ha avuto un inizio d’anno lento, in parte a causa dei timori circa l’esposizione delle banche alla Russia. Nelle ultime due settimane, i titoli finanziari si sono leggermente ripresi.

READ  Nostalgia per il bar principale - Diretto

“Pensiamo che ora sia davvero economico, anche se temo che le azioni generalmente scendano di nuovo un po’ prima di iniziare a salire”, afferma Sisener.

Non voglio il verde

Dopo lo scoppio della guerra, pochi settori si sono sviluppati meglio dell’energia verde. Secondo Paul Harper, stratega azionario di DNB, ciò è dovuto al fabbisogno energetico europeo.

– È una conseguenza del fatto che la necessità di aumentare la capacità energetica, soprattutto in Europa, è arrivata in modo netto e rapido. Allora l’energia rinnovabile diventa una parte essenziale di questo. Gran parte di questo settore sembra molto più brillante ora, ed è un meritato aumento.

Harper indica l’aumento generale nella maggior parte dei settori come qualcosa di un po’ inaspettato.

– Si può notare che la situazione non è migliorata in modo significativo nelle ultime settimane e che l’aumento è alquanto esagerato rispetto ai fondamentali. Le aziende hanno segnalato costi energetici più elevati e tagli alla produzione, riducendo i profitti e il potenziale di dividendo. Sembra esserci speranza che le cose si risolvano, dice lo stratega, senza avere nulla di fondamentale per dimostrare che le cose sono migliori di quanto ci aspettassimo, o che miglioreranno.

Tuttavia, Sissener non ha intenzione di acquistare verde.

– Penso che l’Unione europea dovrà utilizzare l’energia nucleare e il carbone e che la transizione verde dovrà essere rinviata. Nell’eolico offshore, la concorrenza è agguerrita ei margini sono ridotti e, con i prezzi odierni delle materie prime, la costruzione delle turbine eoliche costa di più di quanto si pensasse in precedenza. Anche le azioni verdi rimangono costose, afferma Sisener.

Preoccupato per i prezzi dell’elettricità

Sisner dice di essere preoccupato per molti rialzi dei tassi di interesse, alta inflazione, pressione sui margini, pressione sui salari, ma soprattutto: “i politici che non capiscono niente”.

Ritiene che sia incomprensibile che tasse e oneri più elevati si siano aggiunti all’aumento dei prezzi dell’energia e allo stesso tempo ritiene che si sarebbe dovuto introdurre un tetto al prezzo dell’elettricità sia per le case che per le imprese.

– Se sei un pensionato basso e ricevi una bolletta dell’elettricità ora, sembra assolutamente terribile. Nessuno era pronto per questo, né privati ​​né aziende. Con i prezzi dell’energia che abbiamo ora, i soldi andranno comunque al tesoro, quindi il tetto massimo del prezzo dell’elettricità non dovrebbe essere “irrazionale”, dice Sisner.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.