Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Iran pensa di sapere chi ha distrutto i suoi impianti nucleari – NRK Eurex – notizie e documentari stranieri

Sabato mattina, la radio di stato iraniana ha mostrato le immagini di un uomo di 43 anni, che le autorità sostengono essere dietro il sabotaggio alla struttura di Natanz.

L’impianto, che viene utilizzato per arricchire l’uranio, ha subito un’esplosione domenica, provocando la scomparsa dell’energia e la distruzione di un numero imprecisato di centrifughe nucleari.

Le prime notizie furono che la fabbrica aveva avuto un incidente. Nel corso della giornata, ha descritto l’esplosione come sabotaggio e orrore.

Il giorno prima, l’impianto ha utilizzato nuove apparecchiature per arricchire l’uranio.

Richiesto a livello internazionale

L’uomo ora ricercato in relazione all’esplosione è un uomo iraniano di 43 anni di Kashan, vicino a Natanz.

Secondo le autorità iraniane, ha lasciato l’Iran il giorno prima di domenica, ore prima dell’esplosione.

Ben presto, l’Iran è uscito e ha accusato Israele di partecipare all’operazione di sabotaggio.

per Il New York Times Fonti israeliane e americane hanno affermato che l’operazione era tutta israeliana. Secondo Israel Radio, il Mossad, l’intelligence statale, ha svolto un ruolo importante nell’attacco. Lo stesso è stato riferito da fonti dell’intelligence iraniana, secondo il quotidiano iraniano Tehran Times.

Nei profili televisivi della State Broadcasting Corporation, non sono state fornite informazioni su come l’uomo sia arrivato alla centrale nucleare di Natanz, che è molto ben protetta.

Si dice che il 43enne sia ricercato attraverso la cooperazione internazionale di polizia, l’Interpol, e una foto con parti del mandato di perquisizione è stata mostrata alla televisione iraniana.

– Si dice che siano state prese le misure necessarie per arrestarlo e rimpatriarlo nel Paese.

La storia di viaggio del 43enne includerà Etiopia, Kenya, Uganda, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Turchia, Paesi Bassi e Romania.

READ  Gli esperti lo sanno della nuova variante del virus in Vietnam

Le agenzie di stampa non sono riuscite a confermare il mandato di perquisizione emesso dall’INTERPOL.

Ascolta il podcast: Esplosione in Iran e serie TV

Domenica scorsa un’esplosione ha acceso un incendio in una centrale nucleare e l’incendio ha riportato indietro di diversi mesi il programma nucleare iraniano. È stato un attacco informatico da Israele? Molto lo indica. Usiamo una serie TV israeliana per essere più saggi

Riunioni nel seminterrato di un hotel di lusso

Il provvedimento contro Natanz getta un’ombra sui colloqui in corso a Vienna tra rappresentanti di Unione Europea, Regno Unito, Cina, Francia, Germania, Russia e Iran.

I colloqui mirano a salvare l’accordo nucleare stipulato nel 2015.

Gli Stati Uniti non sono attualmente rappresentati al tavolo del meeting di Vienna, che si tiene al piano terra del lussuoso Grand Hotel Wien nella capitale austriaca.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato il paese dall’accordo nucleare nel 2018, quindi l’Iran si rifiuta di negoziare faccia a faccia con i diplomatici statunitensi.

Invece, la delegazione americana è rimasta in un hotel dall’altra parte della strada e un rappresentante dell’UE è corso avanti e indietro con le lettere.

L’ambasciatore cinese alle Nazioni Unite Wang Kun parla alla stampa fuori dal Grand Vienna Hotel, dove sono in corso i colloqui sull’accordo nucleare con l’Iran.

Foto: Florian Schroetter / AP

Lavori in corso

L’Iran ha annunciato venerdì di aver iniziato ad arricchire l’uranio con una purezza del 60 percento in risposta all’operazione di sabotaggio. Il 60 percento è tre volte superiore a quello noto, anche se dovrebbe essere in piccole quantità.

Inoltre, la televisione iraniana ha mostrato le immagini di diverse centrifughe a Natanz, che hanno sostituito quelle distrutte durante l’esplosione. È stato anche riferito che un numero molto elevato delle rimanenti centrifughe è tornato in funzione.

Reuters ha citato il rappresentante cinese a Vienna dicendo che i negoziati stanno continuando nonostante le notizie di arricchimento di ieri.

Il diplomatico cinese, unico membro del gruppo che parla regolarmente alla stampa, descrive il lavoro come costruttivo e di successo.

Aggiunge che si spera che nei prossimi giorni si discuterà dei dettagli delle sanzioni che dovrebbero essere revocate contro l’Iran e di ciò che l’Iran deve fare per lavorare secondo l’accordo.

La leadership iraniana chiede la revoca di tutte le sanzioni imposte durante l’era Trump.

Segui lo sviluppo presso il NRK News Center: