venerdì, Giugno 21, 2024

L’Italia apre la strada: deportando i migranti dall’UE

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

L’Italia sta scrivendo la storia europea. Il paese invierà migliaia di migranti dall’UE in due campi in Albania. L’Italia è quindi il primo paese dell’UE a mettere il potere dietro le parole. I migranti trasportati attraverso il Mediterraneo da una nave norvegese possono ora guardare lontano per sbarcare entro i confini dell’Unione Europea. Ma l’Albania è ancora in Europa.

Il primo ministro Georgia Maloney si dimostra un politico d’azione. La Meloni ha provato anche a creare centri di asilo fuori dall’Europa, ma finora con scarso successo. Ora hanno fatto una nuova svolta. L’Italia prevede di creare due centri per migranti in Albania per ospitare temporaneamente i migranti che attraversano il Mar Mediterraneo. È il primo trattato tra uno stato membro dell’UE e un paese extra-UE.

Le donne incinte e i minori non dovrebbero essere inviati in questi due centri.

Decine di migliaia all’anno

I centri dovrebbero aprire nel 2024 e lì verranno valutate le domande di asilo dei migranti. Se le domande di asilo verranno respinte dall’Italia, l’Albania deporterà i migranti.

La Meloni ha firmato a Roma l’accordo con il premier albanese Edi Rama. L’Italia coprirà i costi di costruzione di due centri in due porti nel nord-ovest dell’Albania.

I centri ospiteranno quasi 3.000 persone quando apriranno nel 2024, ha affermato Meloni. Ha detto che il governo italiano spera di aumentare la propria capacità di accogliere 36.000 migranti all’anno.

I centri rimarranno sotto la giurisdizione italiana e l’Albania garantirà la sicurezza esterna delle strutture, ha aggiunto Meloni.

READ  Biden revoca le sanzioni venezuelane alla compagnia petrolifera italiana

La Meloni ha vinto le elezioni dello scorso anno promettendo di dimettersi Migrazione illegale Per l’Italia.

Il suo partito, Fratelli d’Italia, andò a votare per istituire tali centri fuori dall’Europa e propose regioni come il Nord Africa, ma nessuno dei paesi della regione voleva la cooperazione. L’accordo con l’Albania, ritiene Meloni, dimostra che “la cooperazione nella gestione dei flussi migratori è possibile”.

L’opposizione ritiene che l’accordo violi “le tradizioni e il diritto internazionale”. Il presidente De Groene ritiene che il governo “esternalizza la propria responsabilità, il che rischia di creare campi di detenzione e non garantisce un’accoglienza adeguata e il rispetto della dignità umana”.

Quest’estate sono arrivati ​​in Italia via mare 145.000 migranti, rispetto agli 88.000 dello stesso periodo dell’anno scorso.

Molti paesi hanno programmi simili

Nel corso del tempo, la Gran Bretagna e la Danimarca hanno tentato senza successo di istituire centri di asilo in Ruanda. Se ne parla anche in Germania. Nel 2019, l’allora ministro degli Affari esteri e dell’integrazione Inger Støjberg (V) aveva affermato che nei Balcani erano necessari campi per i richiedenti asilo respinti che si rifiutavano di tornare a casa.

La Danimarca invia i richiedenti asilo respinti che rifiutano di lasciare il paese nei campi nei Balcani. In questo modo, vogliono inviare un segnale al mondo che i migranti economici che cercano asilo in Danimarca possono aspettarsi centri di partenza poco attraenti.

Stojberg ha negoziato con l’austriaco Peter Webinger, capo dell’Ufficio Migrazione del Ministero degli Interni austriaco, per raggiungere un accordo congiunto tra i due paesi.

Secondo il documento trapelato, lo scopo dei campi è quello di inviare un segnale deterrente ai nuovi richiedenti asilo senza requisiti di sicurezza che vogliono presentare domanda in Danimarca:

READ  FMI spia laver vext

“Se per qualche motivo le persone non possono essere rimpatriate nel loro paese d’origine, dovrebbero essere inviate in un centro di espulsione al di fuori dell’UE. Dovrebbero rimanere qui fino al loro ritorno a casa volontariamente o con la forza. Un simile centro di espulsione rimpatrierebbe immediatamente le persone che lasciano il loro paese d’origine. paese d’origine a cercare nuove e migliori condizioni in Europa “invia un segnale chiaro”, si legge nel documento.

Non si dice molto sullo stato attuale del processo in Danimarca. Ma c’è motivo di sospettare che le questioni migratorie siano in cima alle liste dei leader politici in molti paesi dell’Europa occidentale.

DW.com

More articles

Latest article