Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Italia passa alla Svizzera – Thaksin

Ciro ha segnato due gol all’Europeo Immobile. Poco prima che la decisione fosse presa, ha perso due grandi occasioni.

In 965 minuti senza intoppi una squadra italiana è pronta a viaggiare tra le più calde favorite dell’Europeo. La squadra di Roberto Mancini ha puntato molto sulle prime due partite.

“Kili Assuri” ha perso 29 partite, comprese le ultime dieci senza battute d’arresto. All’inizio di domenica, la squadra di Mancini sarà in grado di battere il record italiano di 30 stabilito sotto la guida della leggenda dell’allenatore Vittorio Bozo (che ha portato l’Italia a due titoli mondiali) dal 1935 al 1939.

L’Italia ha già la certezza di essere tra le prime due del proprio girone, e la squadra è vincente se ha almeno un punto contro il Galles. Tuttavia, questa sarà l’ultima partita dell’Italia a Roma.

In quanto squadra vincitrice, si giocherà un quarto di finale a Londra e un quarto di finale a Monaco di Baviera. Sia le semifinali che la finale del campionato si giocano a Wembley.

Felicità a breve termine

Il capitano della squadra Giorgio Cielini pensava di portare l’Italia in vantaggio al 19′. Ha schiacciato in aria due avversari con un calcio d’angolo di Lorenzo Insane. La palla è finita ai piedi di Manuel Aganji, che non era completamente segnato in area. Sielini ha sparato tra le gambe dell’altro svizzero, Granit Shaga e verso il bersaglio.

Eppure, la felicità non dura a lungo. L’obiettivo è stato esplorato da V.A.R. e le immagini hanno mostrato che la palla era nella mano di Sielini prima che cadesse. L’arbitro ha annullato le mani.

READ  Grande aumento delle tasse per i residenti italiani con proprietà nel Regno Unito

Pochi minuti dopo, Sielini infortunato è passato alla preoccupazione degli italiani per il campo, ma non ci è voluto molto perché i tifosi di casa all’Olimpico esultassero.

Con tutto il cuore

Al 26′ Manuel Locadelli, a pochi metri dalla propria metà campo, riceve un calcio di rinvio svizzero. Nel tiro al volo, corse dal braccio destro del club Dominico Ferrari.

Ferrari è inciampato, è saltato da Ricardo Rodriguez e ha quasi raggiunto la linea della morte prima di scivolare nella scatola. Lì, Locatelly era alla fine della gara con tutta la mente, e ha dovuto mettere il piede verso la palla per realizzare l’1-0.

Quando la Turchia ha cercato di sigillare l’Italia nella partita di apertura, la Svizzera ha spinto forte e gli italiani si sono rifiutati di iniziare la partita. Nessuno di loro ha vinto e, nonostante l’infortunio di Cielini, una difesa italiana senza battute d’arresto dall’ottobre dello scorso anno non ha avuto chance per gli svizzeri.

All’intervallo, il vantaggio per 1-0 era pienamente meritato e poteva essere più grande.

Raddoppio

Dopo il cambio di pagina, gli svizzeri sono partiti bene, sembrava stesse succedendo qualcosa, ma quella speranza è stata spenta da Locatelly. Dopo un gran tiro al centro, Nicole Barrella avrebbe potuto chiudere la partita dopo 20 minuti, ma il suo ultimo tiro è andato a segno sul palo. La palla è caduta sulla squadra svizzera e ha superato il portiere Jan Somer.

Steven Juper ha effettuato una parata fantastica di 65 minuti nel match, bloccando il tiro a razzo di Gianluigi Donorumma sulla destra.

L’Italia continua a dominare. Immobile ha avuto due ottime occasioni per passare al 3-0 con il solo portiere, ma non ha colpito tra i pali. Tuttavia, lo ha fatto su un tiro dalla distanza all’89’.

READ  Le foto del capitano italiano attirano l'attenzione: - Amo Sielini

Fatti applicabili

Italia – Svizzera 3-0 (1-0)

Giocato a Roma, Italia.

Talpa: 1-0 Manuel Locatelly (26), 2-0 Locatelly (52), 3-0 Ciro Immobile (89).

Giudice: Sergei Karashev, Russia.

Ammoniti: Mario Gavranovic, Breil Embolo, Svizzera.

Italia (4-3-3): Gianluigi Donarumma – Giovanni de Lorenzo, Giorgio Cielini (tra 24 Francesco Acerpi), Leonardo Spinozola – Nicole Parella (tra 87, Brian Cristonde) fra 69.

Svizzera (3-4-1-2): Jan Somer – Nico Elvedi, Fabian Shore (57 a Steven Juper), Manuel Aganji – Kevin Mababu (57 a Sylvan Whitmer), Remo Freiler (84 a Jibril Chow), Granit Shaga, Ricardo Rodriguez – Sherden Shakiri (76). ) – Harris Seferovic (46 a Mario Gavranovic.), Priel Embolo.