Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Liv Grete Skjelbreid (47) Sul suo fidanzato:

L’ex biatleta Liv Great Schzelfried si sente sola da sei anni dopo aver divorziato da Rafael Boer, con il quale è sposato da 13 anni. Ha poi incontrato un maestro di sci italiano.

Il fortunato selezionato si chiama Giacomo Tropocci ed è stato l’allenatore di sci della nazionale italiana. I due si conoscevano da molto tempo, ma fino al 2019 tra loro è nato un dolce amore. La prima volta che i due si sono salutati, Liv Great era un’atleta junior. Ma ci vollero molti anni per incontrarsi di nuovo. Scrive V.G..

Mentre Giacomo si recava in Norvegia per un incontro, Liv Grete ricevette un suo messaggio. Si chiese se poteva prendere il salmone.

Salmon ha organizzato per Liv the Great Italian, ma non lo ha consegnato a se stessa. Ha avuto qualcun altro che lo facesse per lei. Ma l’anno successivo, quando Giacomo fu di nuovo in Norvegia per un incontro, arrivò la stessa notizia. Può vivere alla grande riparare un po’ di salmone? Poi Liv ha incontrato il grande amante del salmone italiano.

– Dopo di che abbiamo avuto sempre più contatti ed è stato fantastico. Ma Liv Great ha detto prima che non passerà molto tempo prima che ci definiamo una coppia.

Dice di più sulla ragazza

In una nuova intervista Guarda e ascolta Liv Great ora continua a dire di più su come è la vita con il suo ragazzo italiano.

– Mi piacciono la sua personalità ei suoi valori. È famoso e con i piedi per terra. Non c’è niente di complicato in lui. Giacomo vuole divertirsi proprio come me. È leale dal mio punto di vista e con tutto il cuore, guarda e ascolta ciò che Liv Great dice di Giacomo.

READ  Vecchia rivalità aziendale si sviluppa tra i calciatori di Pontremoli e Soleira Abuana nei villaggi italiani

Non aveva scelta!

Quando la coppia deve capire dove stabilirsi, non c’è argomento di discussione. Deve essere norvegese. Questo è ciò che ha deciso Liv Great.

– Non ha scelta. Che sia successo o fallimento. Ah-ah! Il processo di trasferimento in sé è una transizione graduale. È diventato così. Al di fuori della stagione sciistica, lavorava nell’acquacoltura ed era un’alternativa estiva all’agricoltura piantando alberi, racconta a Se og Hør.