Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lo stock di perforazione è tornato indietro – è diminuito dopo il nuovo aumento di capitale

Prima dell’apertura dello scambio martedì, Bor Drilling di Tor Olav Tøim ha annunciato che l’aumento di capitale annunciato ieri è stato completato e la società ha raccolto 30 milioni di dollari, circa 264 milioni di corone, in nuovo capitale.

L’aumento di capitale è stato attuato ad un prezzo di sottoscrizione di 19,97 NOK, leggermente superiore al prezzo di chiusura di lunedì, che era 19,46 NOK per azione. Secondo una lettera della società, il problema è stato notevolmente superato.

Quando la borsa ha aperto martedì, il titolo di Borr Drilling è salito sopra l’otto percento, ma dopo la giornata di negoziazione, il rally è stato quasi completamente annullato. Un’ora prima della chiusura dello scambio, il prezzo si è invertito e il titolo è sceso di poco più dell’uno per cento.

Troim ha sottoscritto 26 mulini.

Tor Olav Trøim, fondatore di Borr Drilling, ha ricevuto 1.333 milioni di azioni nell’emissione, che equivale a un’IPO di 26 milioni di NOK.

Dopo l’emissione, Troim e le sue società associate deterranno poco più di 10,1 milioni di azioni della società. Ciò corrisponde a una quota di proprietà di circa il sette percento, secondo i calcoli di DN.

Trøim ha avviato Borr Drilling nel 2016 e la ricetta era quella di acquistare piattaforme a buon mercato dopo il crollo del mercato, a causa del forte e persistente calo dei prezzi del petrolio. Ma nonostante un inizio promettente, le scommesse si sono inasprite mentre la ripresa attende, ed è solo peggiorata dopo che la pandemia di Corona ha colpito il mercato nel 2020.

READ  Stretto contatto tanto atteso in una casa di cura italiana dopo il successo del vaccino

Bohr e Trom più volte hanno coinvolto creditori e investitori in soluzioni che hanno portato a enormi ritardi nel debito.

Martedì si è anche saputo che l’hedge fund Granular Capital Ltd ha acquistato di più a Bor. L’hedge fund è gestito dall’ex partner di Dynamo Capital Thiago Mordehachvili.

Dopo l’acquisizione, Granular Capital possiede circa 27,5 milioni di azioni Bor, il che equivale a una quota di proprietà del 20,04 percento. Prima dell’acquisto, la quota di proprietà era del 19,99 percento.

Debito differito 12 miliardi di dollari.

Insieme alla notizia che Borr Drilling effettuerà un’emissione di azioni, la società ha dichiarato lunedì in una dichiarazione di aver raggiunto un accordo con il suo maggiore creditore sul differimento di un totale di 1,4 miliardi di dollari verso la scadenza del debito, o 12,4 miliardi di corone. .

L’accordo copre gli obblighi di Borr nei confronti dei suoi cantieri di Singapore, PPL e Keppel, che ora sono stati posticipati dal 2023 al 2025.

Borr Drilling apprezza molto il supporto ricevuto dai suoi più importanti creditori. È una testimonianza della fiducia in Borr Drilling e della ripresa del mercato a cui stiamo assistendo, afferma Patrick Schorn, CEO di Borr nell’annuncio della borsa.

Nell’accordo, Burr si è impegnata, tra l’altro, a pagare oltre 50 milioni di dollari di ratei e interessi nel 2022, di cui 22,4 milioni di dollari già a gennaio. I fondi raccolti in questa versione sono destinati a coprire questo trasferimento.

Un’altra condizione importante del nuovo accordo è che Borr deve anche raggiungere un accordo con gli altri suoi creditori, compresi gli obbligazionisti, sul posticipo del debito residuo della società entro giugno del prossimo anno.

READ  Einar As ha perso tutta la sua fortuna

Alla fine di settembre, Bor aveva un totale di 2,2 miliardi di dollari di debiti e altre passività, la maggior parte dei quali scaduti nel 2023.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.