Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lo studio della “malattia Covid” – rivela nuovi sintomi

Secondo un rapporto ufficiale pubblicato a giugno, si stima che due milioni di persone nel Regno Unito soffrano del “coronavirus a lungo termine”.

Nel nuovo studio, la caduta dei capelli e l’impotenza sembrano essere tra i sintomi che si sono aggiunti all’elenco.

Lo studio si basa sulle cartelle cliniche anonime di 2,4 milioni di persone nel Regno Unito, condotte presso l’Università di Birmingham, scrive Notizie del cielo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista medica peer-reviewed Medicina della natura.

Più comune nelle donne

Tra i partecipanti, è diverso quando persone diverse vengono infettate dalla corona. Molti hanno affermato di aver contratto il virus almeno 12 settimane fa, mentre altri lo hanno contratto più di due anni fa.

Secondo i dati, l’incidenza dell’infezione da virus a lungo termine è più alta tra le donne di età compresa tra 25 e 69 anni, così come tra le persone che lavorano nelle professioni sanitarie, assistenziali e educative. Inoltre, l’incidenza è maggiore tra le persone con problemi di salute preesistenti e compromissione funzionale.

La stanchezza è il sintomo più comune tra coloro che pensano di avere il COVID-19. Il 55 percento lo sperimenta. Tuttavia, i sintomi più comuni sono affaticamento, mancanza di respiro, tosse e dolori muscolari.

Altri sintomi riportati durante lo studio sono stati perdita di memoria, aprassia, perdita rettale, impotenza, allucinazioni e gonfiore.

mappatura importante

Il vicedirettore della sanità Espen Rostrup Nacstad spiega a Dagbladet che più ampio è il sondaggio, più rari sono gli effetti a lungo termine che possono essere identificati.

READ  Uomo condannato a 15 anni di carcere per aver detto che Dio non esiste - NRK Urix - Notizie documentarie straniere

Conferma inoltre che le precedenti condizioni di salute influenzeranno gli studi relativi al virus Corona.

Quando chiedi a un gran numero di persone nella comunità quali reclami potrebbero avere dopo il COVID-19, lo stato di salute delle stesse persone inizialmente influenzerà anche i reclami relativi al coronavirus segnalati. Pertanto, è difficile calcolare l’esatta portata delle varie malattie, ma in diversi studi sono stati mostrati alcuni effetti a lungo termine, afferma Nakstad.

Evidenzia lassità, difficoltà di concentrazione, ridotta forma fisica e ridotto senso dell’olfatto e del gusto.

Vicedirettore della sanità Espen Rostrop Nakstad.  Foto: Javad Parsa / NTB

Vicedirettore della sanità Espen Rostrop Nakstad. Foto: Javad Parsa / NTB
Mostra di più

Tuttavia, non aveva mai sentito parlare di disfunzione erettile dopo aver contratto la malattia coronarica prima.

– Molti degli studi cartografici attualmente in corso in tutto il mondo rivelano malattie a lungo termine e sospette a lungo termine per le quali non disponiamo ancora di buoni dati in Norvegia. Gli studi in cui chiedi a un gran numero di persone gli effetti a lungo termine sono importanti, dice Nakstad, perché stai captando effetti di cui prima non eri a conoscenza.

differenza di sesso

Aggiunge che la caduta dei capelli è stata un problema noto durante tutta la pandemia, ma che non ha mostrato buoni numeri sulla sua prevalenza.

Nakstad osserva che gli studi non mostrano per quanto tempo persistono i problemi di salute, quindi è importante seguire questi gruppi nel tempo.

Come lo studio britannico, dice Nakstad, anche in Norvegia hanno visto differenze tra i sessi e chiare differenze nei diversi gruppi di età quando si tratta di malattie, mortalità ed effetti a lungo termine.

A mia conoscenza, in Norvegia non sono stati condotti studi che esaminino in dettaglio le condizioni demografiche e socioeconomiche diverse dai dati di tracciamento delle infezioni. Ciò significa che non abbiamo un’ottima panoramica dell’entità dei problemi a lungo termine nei diversi gruppi sociali sulla base dei dati norvegesi.

Affinché questo tipo di ricerca diventi statisticamente affidabile, ci si basa sull’indagine sui problemi di salute in un gran numero di persone, preferibilmente milioni. Per questo gli studi internazionali sono importanti, per noi anche in Norvegia, aggiunge Nakstad.