Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’odio a scuola si può prevenire

Inge Eidsvag è un ex preside della Nansen School della Lillehammer Folk High School. Ha anche presieduto il Comitato Eidsvåg che nel gennaio 2011 ha presentato il suo rapporto sull’antisemitismo e il razzismo nelle scuole.

Una buona scuola è la migliore medicina disponibile contro il razzismo, il fanatismo e la polarizzazione.

discussione
Questo è l’argomento di discussione. Le opinioni espresse nel testo sono a carico dell’autore.

Sono passati dieci anni dal lungo venerdì di Utoya e nel distretto governativo. Molti erano preoccupati che noi, come società, dovremmo impedire che ciò accada di nuovo. Sorprendentemente pochi hanno parlato della scuola come dei nostri atteggiamenti anti-killer comuni più importanti.

Spesso sono i compiti in cui falliscono la famiglia, il comune o la comunità nel suo insieme che ci aspettiamo che la scuola risolva. Antisemitismo, razzismo, islamofobia, uso di droghe, obesità e bullismo: diciamo che la scuola deve fare qualcosa al riguardo. Il maestro è il mago che deve stimolare, separare, integrare, confortare ed educare.

Cosa fa la scuola?

In precedenza, la scuola aveva il sostegno della maggior parte delle altre istituzioni della comunità, compresi i media. Questi di solito rappresentano le stesse posizioni etiche che la scuola stava promuovendo. Oggi molti insegnanti la vivono in modo diverso.

Cosa aiuta se la scuola pratica la risoluzione pacifica dei conflitti, quando più tardi la sera un gioco per computer rilascia una “licenza di uccidere”? A che serve un sito web se si “fonde” con tutto il resto? Qual è lo scopo degli insegnanti che diffondono il messaggio di uguaglianza e tolleranza quando alcune organizzazioni si nutrono di antisemitismo e odio per i musulmani?

Tali domande sono comprensibili, ma non dovrebbero scoraggiarci. Certo che giova a quello che fa la scuola! Una buona scuola è la migliore medicina disponibile contro il razzismo, il fanatismo e la polarizzazione. Una scuola dove i bambini si incontrano attraverso le differenze sociali e culturali. Dove tutti sono visti e apprezzati.

E ricorda: a scuola dovresti combattere le situazioni pericolose, non le persone. Perché siamo tutti più delle nostre opinioni. Gandhi una volta disse: “Devi trattare il ladro come se scoprissi che è tuo padre, quando la luce è accesa”.

L’odio cresce nel mondo esterno

L’insegnamento del 22 luglio può essere svolto in molti modi, ma la conoscenza e la compassione devono essere alla base. Scopri cosa è successo in quel terribile giorno e le terribili conseguenze del razzismo e del bigottismo. E dobbiamo sforzarci di ascoltare coloro che sono sopravvissuti, ancora e ancora. Sono testimoni contemporanei del nostro tempo.

Tutte le ricerche indicano che la povertà crea esclusione. Quando le aree residenziali sono separate, quando gli studenti di diversi ceti sociali non si incontrano a scuola, quando i gruppi sono emarginati, anche le immagini dei nemici e l’incitamento all’odio avranno buone condizioni.

A scuola, dovresti combattere le situazioni pericolose, non le persone

Pertanto, una delle misure più importanti per combatterlo è creare parità economica, integrazione sociale e scuole dove si incontrano studenti di diversa estrazione religiosa, etnica e sociale.

Potrebbe succedere di nuovo

L’istruzione non è una cura magica, poiché tutti gli ideali della magia si avverano. Ma è uno dei mezzi più importanti che dobbiamo creare in un mondo migliore. La scuola può fare meglio per realizzare questa visione essendo una comunità inclusiva, dove l’apprendimento avviene e dove l’ambiente è sicuro, fiducioso e rispettoso. Così facile – e così difficile!

“È successo, e potrebbe succedere di nuovo”, ha scritto Primo Levi, lo scrittore ebreo italiano sopravvissuto ad Auschwitz. Ha aggiunto che se l’Olocausto si fosse ripetuto, non era certo che le vittime sarebbero state ebrei, zingari, omosessuali e disabili. Domani potrebbero esserci altri gruppi che si distingueranno dalla maggioranza.

Lo stesso si può dire del 22 luglio. Potrebbe succedere di nuovo. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare che ciò accada. Lo dobbiamo alle vittime e ai sopravvissuti di Otoya.


READ  Le autorità cinesi smetteranno di elencare miliardi - E24