Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– L’offerta non tiene il passo – E24

Il prezzo del petrolio è salito al livello più alto degli ultimi tre anni. L’analista cita come causa la mancanza di vento e gas.

Nadia Martin Wiggin, partner e analista energetica di Pareto Securities.

Inserito:

Venerdì sera, il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord ha superato i 78 dollari. Questo è il prezzo del petrolio più alto dall’ottobre 2018, tre anni fa.

L’aumento del prezzo del petrolio arriva sulla scia di altre fonti energetiche che si sono fortemente rafforzate quest’anno.

E24 ha scritto in precedenza che i prezzi del carbone sono triplicati quest’anno, mentre i prezzi del gas sono molto alti.

Nell’ultimo mese, i prezzi del petrolio sono aumentati notevolmente. Da un minimo di 65 dollari a metà agosto, i prezzi del petrolio sono aumentati fino al 20%.

Il recupero arriva mentre Le scorte petrolifere statunitensi scendono più del previstoIl numero di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti continua ad aumentare per la terza settimana consecutiva, secondo il conteggio delle piattaforme. Baker Hughes. L’attività degli impianti di perforazione è rimbalzata in linea con il recupero dopo l’uragano Ida, che ha colpito la produzione nel Golfo del Messico quasi quattro settimane fa.

I confini psicologici possono essere infranti

— È alto, dice Nadia Wiggin, partner e analista energetico di Barreto.

Indica 80 dollari come limite psicologico per i recenti prezzi del petrolio. Nonostante la forte ripresa della domanda di petrolio quest’estate, il prezzo non ha superato questo limite, ma si è mantenuto al “livello sano” del mercato.

Wiggin ha affermato che il prezzo del petrolio non supera gli 80 dollari dal 2018, quando Trump ha parlato di imporre sanzioni all’Iran.

Ora, tuttavia, i prezzi del petrolio sono in aumento dopo che molti paesi hanno riaperto dal blocco a causa di Corona, secondo l’analista.

– L’alimentatore non regge al momento. C’è un mercato ristretto per carbone e gas, con scorte di gas europee inferiori alla media quinquennale e bassi volumi di esportazione dalla Russia. Inoltre, le scorte di petrolio sono al di sotto della media quinquennale e tutto ciò che è stato salvato sotto la corona è ora esaurito, afferma Wiggin.

Ritiene che ciò potrebbe consentire al prezzo del petrolio di superare la barriera di 80 dollari al barile.

Più petrolio potrebbe andare nella produzione di elettricità se i prezzi continuano a salire con le alternative.

Il petrolio può avere usi inaspettati

Il tempo ha un enorme impatto su ciò che accade, ma il petrolio potrebbe eventualmente essere utilizzato per generare elettricità e il mercato non lo prevedeva completamente. Il mercato sta cercando di eliminare gradualmente la produzione di energia a base di petrolio, ma senza abbastanza vento e gas, il petrolio sarebbe attraente, perché il petrolio è più economico del gas e del carbone, dice Wiggin.

Il prezzo obiettivo di Pareto per il petrolio del Mare del Nord è di 75 dollari al barile l’anno prossimo, con prezzi in aumento all’inizio dell’anno, ma Wiggin afferma che ora stanno considerando di aumentare il prezzo obiettivo per il quarto trimestre di quest’anno.

Ciò è in parte dovuto al mercato del tight gas e al fatto che in futuro mezzo milione di barili di petrolio al giorno potrebbero essere utilizzati per la produzione di energia. Lo abbiamo visto anche all’inizio di quest’anno, come gli svedesi La centrale è stata incendiata A Karlshamn per garantire la fonte di energia.

C’è anche una riunione dell’OPEC il 4 ottobre e hanno pianificato di aumentare la produzione al mese di 400.000 barili di petrolio al giorno, ma potrebbero aver bisogno di produrre di più, specialmente nel primo trimestre del prossimo anno, per stare al passo con la domanda. Inoltre, il cartello è sotto pressione dalla Cina per produrre di più, poiché la scorsa settimana la Cina ha iniziato a rilasciare petrolio dalle sue riserve strategiche di petrolio, che in precedenza venivano utilizzate solo in caso di crisi, afferma Wijen.

L’ultima volta le sanzioni all’Iran hanno fatto salire i prezzi del petrolio

L’ultima volta che il prezzo è stato alto come oggi è stato quando Trump ha imposto sanzioni all’Iran nel 2018.

I timori di una significativa perdita di petrolio iraniano e la pressione sul petrolio hanno spinto i prezzi del petrolio sempre più in alto durante l’autunno, culminando all’inizio di ottobre, quando i prezzi del petrolio sono aumentati vertiginosamente. È apparso più di 85 dollari al barile.

Il prezzo è sceso di nuovo solo quando l’OPEC e alcuni paesi partner hanno deciso di aumentare la produzione. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno finito per consentire all’Iran di esportare petrolio in alcuni paesi quando i prezzi del petrolio sono saliti alle stelle.

Continua a leggere E24 +

Investtech della settimana: queste azioni potrebbero raddoppiare

READ  Il 'salvatore dell'euro' è pronto a guidare l'Italia