Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lucas Braathen collabora con Reitan Group

Lucas Braathen collabora con Reitan Group

Dopo aver presentato la notizia, anche Lucas Brathen (23 anni) ha parlato di molestie subite dopo aver annunciato il suo ritorno in Brasile.

Davanti alla stampa norvegese sono seduti sul palco il capo del Reitan Ole Group, Robert Reitan, lo stesso Prathen e il responsabile della sponsorizzazione della Rima 1000, Vidar Reiseth.

– Abbiamo stretto una partnership con Lucas, conferma Reitan.

Lo stesso Brathen dice di essere molto felice di avere un nuovo partner.

Olly Robert Reitan
<-Olly Robert Reitan

Amministratore delegato di Reitan Retail AS, che comprende Reitan Convenience, Uno-X Mobility, REMA 1000 Norvegia e REMA 1000 Danimarca.

– Mi piacerebbe credere che nessuno dei clienti di Rima reagisca negativamente nei suoi confronti. “Non riesco a immaginarlo”, afferma Trond Blindheim, professore associato al Christiania University College.

In precedenza, il Gruppo Reitan ha collaborato con Johannes Hosflot Kleibo. Blindheim sottolinea che si tratta di artisti con qualità estreme che stanno percorrendo la propria strada.

– Devono sacrificare molte altre cose nella vita, quindi l'importante è guadagnare quanto più denaro possibile, dice.

Trond Blindheim
<-Trond Blindheim

Dipartimento Marketing, Hueskolen Christiania

– Pensi che alcune persone considerino egoistiche le sue scelte e che possano avere un impatto negativo su Rima?

– Non la penso così. Devi essere egoista per raggiungere le vette che alcuni atleti possono raggiungere.

-Ma Rima non ha molti negozi in Brasile?

– Non è successo, ma ci sono molte persone che vogliono seguirlo. E se viaggia con Rima, è un po' norvegese, ride l'esperto di marketing.

READ  - Attacco al calcio che amiamo - VG

In anticipo, Brathen aveva convocato una conferenza stampa in cui avrebbe dovuto parlare di “inclusione, essere se stessi e perché pensa che sia così importante creare più spazio per la differenza”.

“Dopo essere stato incitato per diversi anni a modo suo, questo argomento è diventato più importante”, ha scritto.

Durante la sessione stessa ci sono state domande su diversi argomenti.

Puoi fornire alcuni esempi dei peggiori tipi di molestie a cui ritieni di essere esposto? chiese VG.

Lo sport può essere uno degli ambienti in cui, da ragazzo, sei esposto alla pressione di rappresentare la tua mascolinità. I media sono spesso preoccupati perché indosso lo smalto o indosso vestiti come una gonna, e non a tutti piace.

– Direi che molto dipende dalla femminilità. Il modo in cui le persone lo esprimono con rabbia è etichettarmi come trans o gay in senso negativo. Forse è quello che vedo di più.

In precedenza, Brathen aveva parlato delle brutte reazioni ricevute dopo aver rivelato il suo ritorno.

READ  Pablo Mari, prestato dall'Arsenal, si è infortunato in un attacco di coltello in un centro commerciale fuori Milano - VG

“C'era entusiasmo attorno alla nuova notizia, e ciò che è spaventoso è che non si trattava di decidere se fosse una scelta buona o stupida”, ha detto il 23enne, e ha continuato:

– L'opportunità è stata sfruttata per creare rabbia sui social media nei miei confronti dicendo cose del tipo che questo evento era stato fatto per farmi dichiarare trans e rappresentare la squadra femminile norvegese.

Brathen afferma che l'incitamento proviene principalmente dai troll online, ma sostiene che ci sono state anche persone che conosce in un circo alpino in Norvegia che hanno fatto commenti.

Alla domanda su cosa dice l'accordo con il Gruppo Ritan riguardo al suo investimento come rappresentante brasiliano, ha risposto quanto segue:

-Come per tutte le altre partnership, non condividiamo alcun importo. Ma questo importo è probabilmente abbastanza grande da essere importante per il mio investimento.

Leggi anche