Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lukas Brathen ritorna – Finn Aamodt reagisce: – Mostra quanto sia arretrata l'associazione di pattinaggio

NSE: Ecco Lukas Brathen alla conferenza stampa di giovedì in Austria. Fotografia: Andreas Schad/AP/NTB

Finn Aamodt (72 anni) ritiene che il caso di Lukas Bräthen dimostri la necessità di creare una “Associazione alpina norvegese”.

Sei mesi fa Lukas Brathen (23 anni) ha rinunciato allo scalatore alpino. Giovedì, in una conferenza stampa, è tornato in Brasile.

La sessione mostra l’entità della perdita che questo file ha causato allo sport norvegese. È una grande star, dice Aamodt.

Due ore fa, Lukas Clutches è sceso da un aereo all'interno di un hangar in Austria. Durante una conferenza stampa ben organizzata, ha parlato in portoghese. Indossava i colori del Brasile. Ha parlato di riportare la danza sulla neve.

Finn Aamodt si lasciò impressionare. Ha vissuto vicino allo sci norvegese per tutta la vita e ha allevato suo figlio, Ketil Andre Aamodt, trasformandolo in uno dei migliori sciatori alpini del mondo.

READ  - Malato da guardare - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma di trasmissione

– Questa non era una conferenza stampa norvegese in cui qualcuno ha messo una bottiglia di Esclar sul tavolo davanti all'atleta. Era la velocità massima di uscita dell'aereo. Il punto centrale (Braathen) sembra incredibilmente plausibile. Ho grande rispetto per la scelta che ha ottenuto, dice il 72enne a VG.

Papà alpino ed esperto di allenamento: Finn Aamodt. Foto: Helgi Mikalsen/VG

Nestor Alpine ha lavorato per 33 anni per la Norwegian Ski Association e successivamente per Olympiatuben quando è andato in pensione nel 2020.

L'autunno scorso Chiesto, attraverso VG, la Norwegian Ski Association for Change. Altrimenti l’intero castello di carte cadrà, ha avvertito Aamodt.

Solo quattro settimane dopo, Lucas Brathen annunciò che si sarebbe dimesso. Il 23enne ha detto che la discussione con l'Associazione norvegese di sci gli ha fatto perdere la gioia di sciare.

Ora Aamodt lancia l’idea della “Associazione alpina norvegese”. In altre parole, le sei sezioni attualmente facenti capo alla Federazione dello Sci diventeranno indipendenti.

– Il caso di Lukas Braathen dimostra quanto la Federazione sciistica norvegese sia lontana dalla realtà. È troppo grande e troppo burocratico. Vedo una responsabilità schiacciante. Dovrebbe essere professionale e le persone dovrebbero essere ritenute responsabili quando qualcosa non funziona. Dovrebbero entrare persone che conoscono il business. Pertanto penso che ogni ramo dovrebbe emergere come un gruppo separato.

In precedenza, il direttore del salto Klaas Brede Bråthen aveva parlato calorosamente della stessa idea in una nota interna al consiglio della Federazione norvegese di sci.

-Cosa rischiano oggi le persone quando non svolgono il proprio lavoro? Tra quattro anni non sarò rieletto al Parlamento federale!, dice Finn Aamodt.

READ  - Ora il Liverpool deve sostituire l'insostituibile

Di fronte a ciò, l’head skater Tove Moe Dyrhaug dice:

-Possiamo assicurare a Finn che tutti presso l'Associazione Sci lavorano ogni giorno in modo mirato per garantire la migliore attività possibile a tutti i livelli in tutto il paese. Abbiamo 16 dipartimenti e 7 filiali diverse di cui occuparci. L'organizzazione è piccola, ma siamo la migliore associazione di pattinaggio al mondo in termini di risultati. Allo stesso tempo, ci si concentra sulla struttura e sulle aree in cui possiamo sviluppare e migliorare con persone abili nello sci in Norvegia.

Finn Aamodt ha un grande rispetto per gli atleti, lo staff di supporto e il direttore sportivo degli sport alpini norvegesi.

Le critiche sono invece rivolte al vertice: Aamodt ritiene che la sessione Red Bull di giovedì a Salisburgo sia più che altro una dichiarazione di fallimento per i vertici dell'Associazione norvegese di sci.

– Ascoltate il capo dello sci brasiliano che ha parlato in Austria: ha detto che loro sono lì per gli atleti. Sono gli atleti per cui lavora. Con tutto il rumore che la Norvegia ha vissuto negli ultimi anni, la comunicazione all'interno dell'associazione sciistica non è buona, afferma Aamodt.

Si chiede perché ogni sezione abbia il proprio consiglio d'amministrazione, quando anche la Federazione sciistica norvegese ha un consiglio separato.

– Questo non è più possibile. Stiamo perdendo profili uno dopo l'altro, dice.

Anche in passato ci sono stati conflitti legati ai diritti delle immagini e della pubblicità, ma non come li vediamo oggi. Cosa è successo lungo la strada?

-Il mondo si sta evolvendo. Abbiamo i social media. Tutto diventa più professionale. I praticanti possono definirsi in un modo completamente diverso. Abbiamo avuto delle discussioni anche in passato, ma la questione è stata risolta internamente”, afferma Aamodt.

READ  Ciclismo e sport | Van Vleuten vince la gara femminile in Norvegia - vincitore della tappa australiana

Salta Boss: Tove Mo Direhog. Foto: Geir Olsen/NTB

Loda la Federazione norvegese dello sci per aver concesso la licenza FIS a Lucas Braathen. Rende più fluida per il 23enne il passaggio alla vita da alpinista brasiliano.

Frizioni ha parlato giovedì del lavoro che lo aspetta: diversi mesi senza un allenamento sistematico sugli sci richiederanno un lavoro intenso.

Finn Aamodt è sicuro che ci riuscirà:

Lucas non avrà il numero 30 di partenza per molto tempo, come si aspettava.