Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’Unione Europea è divisa quando si tratta di pagare il gas russo

La crisi energetica nell’Unione Europea ha raggiunto nuovi livelli a causa delle sanzioni imposte alla Russia. La Russia ha richiesto ai clienti di pagare in rubli perché il Paese non era più sicuro di rimborsare i pagamenti effettuati in dollari o euro. Questo problema è sorto dopo che gli Stati Uniti hanno “congelato” 300 miliardi di dollari nelle riserve estere russe.

Fornitori di gas nell’Unione Europea Ha scritto che la Germania, l’Austria-Ungheria e la Slovacchia avevano deciso di acconsentire alla richiesta russa Financial Times. L’italiana Eni sta valutando di fare lo stesso, ma ha tempo fino a fine maggio per prendere una decisione. In caso contrario, questi paesi potrebbero finire in una grave crisi economica, industriale e sociale.

La Commissione Europea, che non è stata eletta da nessuno e quindi non ha elettorato responsabile di ciò, prende le distanze e afferma che un tale pagamento sarebbe contrario alle sanzioni adottate dall’Unione Europea nei confronti della Russia, così come alle sanzioni . Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sull’Unione Europea affinché lo adottasse. Come è noto, anche gli Stati Uniti non hanno elettori europei responsabili e possono cercare di trarre grandi benefici dal fatto che l’UE debba acquistare GNL più costoso dagli Stati Uniti.

I “paesi ostili” ora devono acquistare petrolio e gas russi in rubli

Giornale russo Kommersant Reporter:

Il presidente Vladimir Putin ha incaricato Gazprom di incaricare Gazprom di convertire i contratti in rubli per i paesi ostili. Secondo lui, non ha senso per noi consegnare merci russe nell’Unione Europea e negli Stati Uniti e ricevere pagamenti in dollari ed euro.

“Gli Stati Uniti e l’Unione Europea, in linea di principio, hanno violato i loro impegni nei confronti della Russia. Ora tutti nel mondo sanno che gli impegni in dollari ed euro potrebbero non essere rispettati. <…> È abbastanza chiaro che a questo proposito non ha senso per noi consegnare i nostri beni sia all’Unione europea che agli Stati Uniti e ricevere pagamenti in dollari, euro e una serie di altre valute. Pertanto, ho deciso di attuare nel più breve tempo possibile una serie di misure per trasferire i pagamenti per il nostro gas naturale consegnato a paesi che non sono amici del rublo russo, ha detto Putin in un incontro con il governo.

Per pagare in rubli, devi prima comprare un rublo. La decisione di Putin ha creato subito un mercato più forte per il rublo e le reazioni non si sono fatte attendere. Il rublo, che è caduto liberamente quando le sanzioni sono state inasprite, ha ricevuto una vera spinta. Quando il rublo è sceso, la Banca centrale russa ha aumentato i tassi di interesse dal 9% al 20% per prevenire la fuga di capitali. Ma l’annuncio di Putin ha subito rilanciato il rublo nei confronti del dollaro e dell’euro. Il rublo ora sta salendo dritto e fino al livello di prima dell’invasione, tornando così a quello che era dal 2016. La precedente grande caduta Contro il rublo contro il dollaro avvenuto dopo il colpo di stato di Kiev nel febbraio 2014.

fonte: Xe.com

La Russia interrompe le consegne in Bulgaria e Polonia

Russia Fermare Consegna gas in Bulgaria e Polonia. Ciò ha portato a un aumento del 20% dei prezzi del gas, ha scritto. Financial Times. Ciò ha portato all’ascesa dell’euro Tasso di cambio più basso rispetto al dollaro tra cinque anni. La Polonia riceve il 45% del suo fabbisogno di gas dalla Russia, mentre la Bulgaria ha una dipendenza del 90%. Il governo bulgaro afferma di avere un piano per risolvere questo problema, ma non ha ancora rivelato quale sia questo piano.

Scrive che l’arresto delle esportazioni di gas russe aumenterà i prezzi del diesel negli Stati Uniti da $ 5 a $ 6 al gallone USA Oggi.

CampagnaSupportaci

READ  L'app rileva recensioni di prodotti false. Amazon ha chiesto di rimuoverlo