sabato, Giugno 22, 2024

Macron si comporta come il padrone coloniale che ha condannato la Francia a essere

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Gli indigeni della Nuova Caledonia francese desiderano da decenni l’indipendenza dalla Francia. Per molto tempo hanno avuto una sorta di autonomia.

– Ma gli indigeni sono diventati una minoranza nel loro paese, dice a VG l’antropologo sociale ed esperto del Pacifico Thorgeir Kolshus dell’Università di Oslo.

Da quando la Francia ha proposto di introdurre una nuova legge che garantisca agli immigrati il ​​diritto di cittadinanza dopo dieci anni, la ribellione in Nuova Caledonia, nella regione del Pacifico, si è intensificata.

Ora l’atmosfera è bollente sull’isola del Pacifico.

Auto in fiamme vengono usate come barricate nel quartiere Dokos della capitale, Noumea, il 17 maggio. Foto: Shabod Gill/Abaca

Dare fuoco ad una fabbrica di cioccolato. Le bombe molotov vengono lanciate contro la polizia e i prigionieri tengono in ostaggio le guardie, scrivono Il New York Times.

Sono morte cinque persone. Auto e aziende furono bruciate e saccheggiate. Più di 130 persone sono state arrestate, riferisce NTB. Diverse centinaia di persone sono rimaste ferite negli scontri e la Francia ha imposto lo stato di emergenza, il coprifuoco nella città di Noumea e il divieto di utilizzo di TikTok e di vendita di alcolici.

READ  Le cose andarono bene quando gli Stati Uniti si ritirarono dall'Afghanistan. Adesso arriva la liquidazione.

Anche l’aeroporto internazionale è stato chiuso prima del fine settimana a causa dei disordini.

Auto in fiamme fuori da un negozio Renault a Noumea il 17 maggio. Fotografia: Delphine Mayor/AFP

– Abbiamo perso il controllo, ha detto venerdì in una conferenza stampa l’alto commissario del governo francese per il territorio, Louis Lefranc. Ha detto che 1.000 agenti di polizia stavano arrivando dalla Francia per riprendere il controllo.

Le rivolte sono le peggiori dagli anni ’80.

– Le rivolte, che ora sono diventate violente, fanno parte di una lotta a lungo termine per l’indipendenza, dice Colchos.

Thorgeir Colco
<-Thorgeir Colco

Capo dipartimento, Dipartimento di antropologia sociale, Università di Oslo

Durante la campagna elettorale del 2017, il candidato alla presidenza Emmanuel Macron ha affermato che il colonialismo francese è “un crimine contro l’umanità, una barbarie e un passato di cui dobbiamo pentirci”.

– Ora il presidente francese si comporta come un padrone coloniale che ha condannato la Francia per il suo essere, come dice Colchos.

I soldati francesi mettono in sicurezza l’aeroporto di Noumea Magenta il 17 maggio. Fotografia: Delphine Mayor/AFP

I residenti locali sono preoccupati.

“Sono sotto shock, non posso muovermi”, ha detto al telefono Lizzie Carbone, una scrittrice che vive nella capitale, Noumea. Il New York Times Giovedì.

Quando chiamò sua madre, sua madre disse: “Non avremmo mai voluto raccontarti cosa è successo nel 1984, ma ora sta succedendo di nuovo”.

La Francia annesse la Nuova Caledonia, situata a circa 900 miglia al largo della costa orientale dell’Australia, nel 1853. Costruì una colonia penale e inviò manodopera per estrarre le vaste riserve di nichel della Nuova Caledonia. Oggi l’isola possiede le terze miniere di nichel più grandi del mondo, rendendo la Francia uno dei maggiori esportatori di nichel al mondo.

READ  Cucire giacche per bambini - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Soldati francesi all’aeroporto di Noumea il 17 maggio. Fotografia: Delphine Mayor/AFP

Nelle ultime due settimane sempre più persone sono scese in piazza per esprimere la propria insoddisfazione.

Colchos spiega che le rivolte si sono intensificate perché la Francia vuole riprendere il controllo dell’isola. Ora gli indigeni, chiamati Kanak, temono di perdere la loro indipendenza e di diventare una minoranza nel loro paese, come spiega l’antropologo sociale.

Fumo che si alza durante i disordini a Noumea il 15 maggio. Fotografia: Nicholas Jobe/AP

Alla fine degli anni 80 la lotta di liberazione si concluse con un violento attacco alla polizia francese. Diversi agenti di polizia furono presi in ostaggio e tra i 10 ei 20 agenti di polizia furono uccisi.

La Francia ha risposto promettendo una maggiore autonomia per gli indigeni che vivono lì da 3.000 anni. Hanno promesso di tenere più referendum sull’autonomia.

Sono stati espressi tre voti, tutti a maggioranza ristretta contro l’Home Rule.

I residenti ritengono che la Francia abbia tenuto l’ultima votazione in un momento in cui ampi segmenti della popolazione indigena erano impegnati in lunghe cerimonie di lutto a seguito delle morti per Corona, che a loro volta hanno impedito agli indigeni di raggiungere i seggi elettorali.

– Ha dato un punteggio artificialmente alto contro l’indipendenza, dice il capo del dipartimento.

Gli abitanti di Noumea sventolano la bandiera del Fronte Kanak e del Fronte socialista di liberazione nazionale, un’alleanza di partiti politici che sostengono l’indipendenza della Nuova Caledonia. La foto è stata scattata il 15 maggio. Fotografia: Nicholas Jobe/AP/NTP

Ora la Francia ha presentato un disegno di legge che garantisce il diritto di cittadinanza a chi vive sull’isola solo per dieci anni.

– Dice che ciò sconvolgerà l’equilibrio tra le popolazioni indigene e gli immigrati, il che a sua volta indebolirà l’identità, la cultura, l’autogoverno e i diritti di proprietà indigeni.

Tra gli indigeni della Nuova Caledonia, la terra e altre proprietà sono di proprietà comunitaria, e il capo distribuisce la terra in base alle necessità, come spiega: Più persone compongono una famiglia, più terra si ottiene. Quando i figli si allontanano da casa e la famiglia ha bisogno di meno spazio, la proprietà ritorna alla comunità e viene distribuita ad altri che ne hanno bisogno.

READ  Aspettatevi proteste sempre più grandi dopo la vittoria del governo

– Se il nuovo disegno di legge verrà introdotto, gli indigeni del Pacifico costituiranno solo il 40% della popolazione, afferma Colchos.

I residenti locali hanno istituito un posto di blocco a Noumea il 15 maggio. Fotografia: Nicholas Jobe/AP

More articles

Latest article