Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mai prima d’ora: – Cambiamento radicale

Per la prima volta nella storia recente, il censimento dovrebbe mostrare un calo del numero di bianchi negli Stati Uniti. Sono i rapporti Washington Post e indipendente. Il risultato dell’ultimo censimento dell’US Census Bureau, che viene condotto ogni dieci anni, sembra molto sorprendente.

I calcoli in precedenza mostravano che l’inversione di tendenza nello sviluppo si sarebbe verificata intorno al 2030, ma ora sembra avvenire già otto anni prima del previsto. Inoltre, l’ultimo censimento mostra che tutta la crescita della popolazione nel paese è ora guidata dagli immigrati, scrive il Washington Post.

Lo sviluppo dovrebbe continuare anche nei prossimi anni. Nel 2045, secondo i calcoli, negli Stati Uniti ci saranno più non bianchi che bianchi.

Se l’avessimo detto alle persone vent’anni fa, non avrebbero creduto che fosse vero. L’analista William Fry della Brookings Institution dice al Washington Post che il paese sta cambiando radicalmente.

forte crescita

All’inizio di quest’anno, la popolazione degli Stati Uniti all’ultimo censimento è stata annunciata come 3.314.492.811. L’aumento del 7,4% negli ultimi 10 anni è il secondo più debole mai registrato, ma comunque come previsto.

Secondo l’ultimo censimento, due pietre miliari particolarmente importanti rafforzano la convinzione che la stragrande maggioranza della popolazione non bianca negli Stati Uniti si stia avvicinando: quando verrà pubblicato il censimento, è molto probabile che per la prima volta questo numero di bianchi essere meno del 60 per cento della popolazione. Allo stesso tempo, meno della metà delle persone di età inferiore ai 18 anni non è bianca.

READ  Attacchi aerei statunitensi in Iraq e Siria contro i "ribelli sostenuti dall'Iran" - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Oltre al censimento decennale, il Census Bureau fornisce resoconti e analisi dello sviluppo della popolazione basati, tra l’altro, sulle nascite e sull’immigrazione.

Porta la crescita da solo

Le analisi degli ultimi cinque anni hanno mostrato che la crescita della popolazione del Paese è dovuta principalmente all’aumento dei non bianchi. La crescita è stata particolarmente forte in America Latina: la popolazione qui è raddoppiata negli ultimi 30 anni. Anche la crescita della popolazione asiatica è significativa e si prevede che cresca notevolmente nei prossimi anni. Entrambi i gruppi dovrebbero raddoppiare tra il 2015 e il 2060.

Secondo il Washington Post, in soli cinque stati, si prevede che i bianchi rappresentino più della metà della crescita della popolazione, mentre la popolazione bianca è diminuita in 26 stati.

Secondo gli ultimi dati, c’è anche uno sviluppo preoccupante sotto forma di un’imminente ondata di anziani in decine di paesi. Più di 30 di loro hanno visto negli ultimi 10 anni una significativa diminuzione della popolazione di età inferiore ai 18 anni.

Cambia città e paese

Con il cambiamento etnico della popolazione, si prevede anche che il divario geografico diventi sempre più evidente. Mentre alcuni stati continueranno ad avere una popolazione a maggioranza bianca, altri vedranno una crescita della popolazione non bianca.

Nella sola California, la popolazione latinoamericana è cresciuta dell’11%, 1,5 milioni di persone, nell’ultimo decennio.

E i cambiamenti stanno per avvenire non solo nelle città. Secondo l’analista Frey, anche le periferie, un tempo abitate da bianchi, stanno subendo un cambiamento significativo e ora sono popolate da più persone appartenenti a minoranze rispetto a prima. Gli afroamericani si sono trasferiti in gran numero nelle periferie dal 2000 al 2010. In futuro si prevede un’intensificazione dello sviluppo.

READ  Benjamin Ingrosso difende sua sorella: - Svegliati ai messaggi di odio