venerdì, Giugno 14, 2024

Mario Balotelli, Manchester City | Scosso dall’incidente nello spogliatoio: – È impazzito

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Balotelli attualmente gioca per il Sion in Svizzera, ma molti potrebbero ricordarlo meglio dei suoi tempi al Manchester City.

L’italiano ha giocato lì dal 2010 al 2013 e non sono mancati incidenti bizzarri e polemiche durante i suoi tre anni al club.

Tutto, dall’accensione di fuochi d’artificio in casa a una lunga serie di multe per parcheggio non pagate, sono storie che hanno fatto notizia in tutto il mondo.

In un recente podcast, Chapman, ex direttore materiale del City, mi ha rivelato altre storie e dettagli sul periodo di Balotelli al club.

Leggi anche: Martello sciolto contro il Manchester United: – Vergogna assoluta!

La storia dietro Why Me Always

Uno degli episodi di cui la maggior parte delle persone probabilmente ricorda Balotelli è quello dell’amichevole del 2011 tra Manchester United e Manchester City, terminata con il punteggio di 6-1. Il 32enne ha segnato due volte, ma ha attirato maggiormente l’attenzione per il modo in cui ha celebrato un singolo gol.

Si sollevò la maglietta sopra la testa e mostrò una canottiera con la scritta: “Perché sempre io”. Chapman racconta come è successo.

– Questo giorno Mario mi ha afferrato e mi ha detto “Voglio stamparlo sulla mia maglietta, cosa ne pensi?”. Ho detto che potevo stamparlo, ma non poteva avere nulla che potesse offendere i tifosi dello United o chiunque altro, dice sul podcast Ninety Three Twenty, secondo mail giornaliera.

-Ha fatto un suggerimento o due, e io ho detto “No, Mario”, e poi ha detto: “Che ne dici perché lo sono sempre?”. Una volta che l’ha detto, ho pensato che fosse perfetto, ma dopo la partita ho avuto un problema.

READ  Mancini nega l'esistenza di un legame tra l'interesse saudita e l'uscita dalla Nazionale

Si dice che a Chapman sia stato detto dal club che dopo non gli era più permesso premere gli aquiloni. Ma Balotelli voleva aiuto per qualcos’altro dal suo responsabile dei materiali.

– È saltato fuori in cinque minuti, quindi Mario mi ha detto “Contatta Umbro, vogliamo una commissione su queste cose che vengono vendute”. Così ho chiamato Ambro, ma hanno detto che non potevano farci niente, dice Chapman.

Leggi anche: Mourinho dopo il dramma Europa League: – Ora capisci perché ho i capelli bianchi

Mancini è impazzito

Un altro incidente evidenziato da Chapman è la situazione tra Balotelli e l’allora allenatore del Manchester City Roberto Mancini. Si dice che i due abbiano avuto un rapporto teso, e una volta Balotelli ha fatto davvero bollire le cose per Mancini.

Il Manchester City ha giocato contro la Dinamo Kiev in Champions League e Balotelli è stato espulso dopo circa 20 minuti di gioco. Chapman seguì l’italiano nel camerino, dove si sedette con la sua cassaforte.

Immediatamente, un Mancini arrabbiato ha fatto irruzione nello spogliatoio.

– ha preso d’assalto, imprecato e gridato come meglio poteva in italiano, agitando allo stesso tempo le braccia come un posseduto. Chapman dice di essere impazzito durante il gioco.

Si dice che Mancini si sia voltato e stesse uscendo dallo spogliatoio, ma quando ha visto una delle borse Louis Vuitton del giocatore, si dice che l’abbia raccolta, girata e lanciata in testa a Balotelli. È appena riuscito a scappare e la borsa è caduta nel suo armadietto.

– Mancini gli è corso di nuovo incontro e ha gridato di nuovo in italiano, e io ho pensato “Colpiscilo Mario”. Mi sono messo in mezzo a loro e ho pensato che ci sarebbe stato un tumulto. Poi si voltò e uscì per guardare la partita, dice Chapman.

READ  Ivana Petrovic ha ottenuto la prima vittoria femminile nella UFC

Leggi anche: Pogba temeva per la sua famiglia: – L’ho tenuto per me

Multe illimitate

Chapman afferma inoltre che Balotelli fumava diverse sigarette al giorno durante la sua permanenza al Manchester City. Ricorda bene anche tutte le multe che l’italiano ha ricevuto mentre era al club.

Ricorda: Nettavisen detiene i diritti dell’intera Obos League e di 75 partite dell’Eliteserien!

L’ex direttore dei materiali racconta una storia di quando ha fatto un giro dei tifosi al campo di allenamento del City subito dopo che Balotelli ha lasciato il club.

– Ho detto loro “Questo è l’armadietto di Mario”. Ho aperto la porta e ho preso circa 30 biglietti. E uno stipendio. Quel mese è stato multato di 100.000 sterline dal club, dice.

Balotelli ha finito per lasciare il Manchester City nel 2013 e ha firmato per il Milan. Lì, ha segnato gol, prima di trasferirsi al Liverpool nel 2014. Non c’è stato successo e ha segnato solo un gol in 16 partite di Premier League.

Da allora, la carriera di Balotelli ha continuato a essere altalenante, con fallimenti in alcuni club e successi altrove.

Leggi anche: Profilo RBK con risultati sorprendenti: – In cima al mondo

More articles

Latest article