Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Mi ha dato solo 2 minuti – NRK Urix – Notizie e documentari stranieri

Il giorno prima che i talebani conquistassero Kabul, Il presidente Ashraf Ghani ha promesso Il Segretario di Stato americano ha detto che avrebbe “combattuto fino alla morte” se i talebani avessero cercato di prendere il potere senza un accordo.

Questa promessa fu presto infranta. Molti lo condannarono come un codardo per aver lasciato il paese.

Solo ora Ghani parla del caos vissuto nei suoi ultimi minuti a Kabul.

È successo in una conversazione con l’ex segretario alla Difesa britannico, Nick Carter, Su BBC Radio 4.

I talebani hanno preso il controllo del palazzo presidenziale a Kabul poche ore dopo la fuga di Ashraf Ghani. 15 agosto.

Foto: Zabi Karimi / AP

Le guardie di sicurezza sono terrorizzate

Quando il presidente Ghani si è svegliato domenica 15 agosto, credeva ancora che la promessa dei talebani di non entrare a Kabul fosse stata mantenuta.

Non aveva idea che sarebbe stato il suo ultimo giorno in Afghanistan.

Poi è arrivata la notizia che i soldati talebani si erano avvicinati alla capitale da due lati.

Ha accettato che sua moglie e il consigliere per la sicurezza nazionale dovessero lasciare la città. Lui stesso si stava preparando per essere trasferito al Ministero della Difesa.

Invece è entrato in scena il capo di gabinetto “in preda al panico”. Credeva che “tutti sarebbero stati uccisi” se il presidente avesse mantenuto la sua posizione.

– Mi ha dato solo due minuti. Le istruzioni precedenti erano di prepararmi a viaggiare verso (città) Khost. Ghani ha detto alla BBC, ma ha detto che Khost era caduto e anche Jalalabad.

Ashraf Ghani ha inviato un messaggio alle persone tramite un video di Facebook il 18 agosto.  Poi è stato negli Emirati Arabi Uniti.

In un video su Facebook del 18 agosto, l’ex presidente Ashraf Ghani ha affermato di essere fuggito per evitare un bagno di sangue. Il video è stato registrato negli Emirati Arabi Uniti.

Foto: – / AFP

Camicia

Dice che non sapeva che il piano era di lasciare l’Afghanistan fino a quando il suo elicottero non fosse decollato.

Un giornalista freelance afgano-canadese che si trovava a bordo di uno dei quattro elicotteri in partenza da Kabul, ha confermato che c’era un caos totale.

Non c’era posto per ogni salvatore, e la gente discuteva su chi dovesse restare, Sinjar Sohail scrive È scoppiato in mattinata.

Gli elicotteri inizialmente hanno volato in Tagikistan, ma non hanno comunicato con gli aeroporti che potevano concedere i permessi di atterraggio.

Per ridurre il peso e il consumo di carburante, furono lanciati giubbotti antiproiettile e armi.

Alla fine sbarcarono nel vicino Uzbekistan. Ma non erano i benvenuti, la maggior parte di loro ha dovuto trascorrere 31 ore in elicottero senza acqua e cibo. Sohail scrive che il fetore delle feci sulla pista era aspro.

Quindi sono stati trasferiti negli Emirati Arabi Uniti, dove ora risiede Ghani.

Le forze talebane pattugliano una pista il giorno dopo che le forze statunitensi si sono ritirate dall'aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul.

Pattuglia talebana all’aeroporto di Kabul il 31 agosto. A quel punto, gli ultimi soldati statunitensi erano appena partiti.

Foto: Stringer. / Reuters

Dai la colpa ai partner internazionali

Ad Ashraf Ghani è stato chiesto se avrebbe potuto fare qualcosa di diverso.

– L’unica cosa di cui posso essere accusato è che mi sono fidato dei nostri partner internazionali, ha risposto l’ex presidente.

Gli Stati Uniti hanno negoziato un accordo di ritiro delle truppe direttamente con i talebani senza che il governo afghano sedesse al tavolo.

Ghani dice nell’intervista che è diventato un capro espiatorio. È stato criticato per aver sottovalutato il potere dei talebani sul campo di battaglia. I negoziati per un accordo di pace in realtà non sono iniziati.

Sanzioni e siccità

L’Afghanistan è ora colpito da diverse crisi contemporaneamente, che hanno gravi conseguenze per la vita delle persone.

  • Le riserve di $ 9 miliardi della Banca centrale dell’Afghanistan nelle banche estere si sono congelate. La maggior parte di loro sono negli Stati Uniti. Ciò contribuisce, tra l’altro, al mancato pagamento degli stipendi ai funzionari pubblici. Tra questi c’è la maggioranza degli insegnanti.
  • Molti paesi e molte organizzazioni umanitarie internazionali sono riluttanti a continuare a operare sotto i talebani. Durante i 20 anni di presenza delle forze internazionali nel Paese, lo Stato afghano è diventato dipendente dall’assistenza esterna.
  • L’Afghanistan è stato colpito dalla peggiore siccità degli ultimi decenni. Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) stimato a novembre Quasi 23 milioni di afgani non saranno in grado di nutrirsi quotidianamente entro la fine di quest’anno.

Due fratelli stanno arrivando con caraffe di plastica per andare a prendere l'acqua.  Il pozzo si trova a circa tre chilometri dal villaggio di Qamar Qalagh, a nord della città di Herat, nell'Afghanistan occidentale.  Foto del 26 novembre.

Due fratelli stanno arrivando con caraffe di plastica per andare a prendere l’acqua. Il pozzo si trova a circa tre chilometri dal villaggio di Qamar Qalagh, a nord della città di Herat, nell’Afghanistan occidentale. Foto del 26 novembre.

Foto: Petros Giannakouris / AP

Istituzioni internazionali, come le Nazioni Unite, la Banca mondiale e l’Unione europea, hanno raccolto diversi miliardi di corone per aiuti di emergenza. Ma non collaboreranno con i talebani per distribuire aiuti.

Almeno l’ex presidente Ashraf Ghani è fuori dai giochi.

Dopo la rapida fuga del 15 agosto, nessuno vede alcun ruolo per lui nella politica e nella società afghane.

READ  Città canadese bruciata dagli incendi